archivio 12/2009

NEWS

Brucia l'hotel Marafiki Villas di Malindi

Il resort sulla strada di Mayungu era chiuso, in cenere due ville

25-12-2009 di redazione

Per fortuna il Marafiki era un albergo chiuso, e anche per quello le fiamme si sono propagate.
Ma è stato anche l'intervento del gruppo Malindi Against Crime (MAC) e di molti membri dell'associazione MWTWG (tra cui Kilili Baharini, Mwembe e Casino) a impedire che un incendio scoppiato a Mayungu nel tardo pomeriggio di ieri si potesse propagare anche a villaggi vicini.
Le fiamme hanno attecchito invece in due ville vicine, e non è stato possibile attingere acqua dalla piscina del Marafiki, essendo vuota.
Si poteva immaginare di peggio, vedendo le alte colonne di fumo e fuoco levarsi in cielo, invece finito il makuti dell'hotel chiuso, i volontari italiani, insieme ai locali e ai pompieri, sopraggiunti nel frattempo, sono riusciti a domare le fiamme, evitando guai peggiori.

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

SATIRA

Gerontokenya: la vecchia Malindi alla riscossa

Un enorme, rigogliosa, equatoriale casa di riposo Villa Arzilla

20-12-2009 di Freddie del Curatolo

A Malindi si invecchia bene, non c’è che dire. 
In questa grande botte di rovere climatizzata sull’Oceano Indiano, nel sud della prestigiosa cantina “Kenya”, apprezzata per il gusto selvaggio e agrodolce dei suoi prodotti, i retrogusti retrodatati, le etichette avventurose e l’infinita scelta di bouquet, continuano a maturare annate umane che in Italia sarebbero andate già da tempo all’aceto. 
Allo stesso modo, è doveroso ricordarlo, ci sono anche numerose “gran riserve” di aceto che tentano l’avventura del “balsamico africano”, ma spesso rimangono buone solo per disinfettare le ferite dell’anima, del cuore o di uno dei pochi punti dove non batte il sole.
Malindi, luogo divino, anzi di vino, se vogliamo proseguire nella metafora. 

LEGGI TUTTO

I RACCONTI DI CLAUDIA

Askari innamorato

LO SGUARDO IRONICO E GARBATO DI UNA DONNA CHE HA VISSUTO A MALINDI

20-12-2009 di Claudia Peli

Il fido askari Kamau se ne è andato dieci giorni in ferie: è tornato al villaggio al nord per riunirsi alla sua grande tribù.
Si è portato anche la moglie e i cinque figli.
Gli ho raccomandato di stare bene attento a non fare il sesto e lui si è messo a ridere e ha scosso la testa.
“Guarda che non ti do l’aumento se ne fai un altro … hai capito?”
L’ho minacciato cercando di restare seria.

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

SATIRA

Fughe di cervelli: anche Malindi è una meta

"...esemplari rari che hanno scelto, alla fine, di fuggire addirittura dal loro stesso cervello"

16-12-2009 di Freddie del Curatolo

In Italia, da diversi anni, si dibatte e ci si rammarica per le cosiddette “fughe di cervelli”, ovvero la dipartita dal Belpaese di studiosi, scienziati e ricercatori che preferiscono gli Stati Uniti, la Francia o la Germania alle nostre università e ai nostri centri, esasperati dai continui tagli alla ricerca e attratti da fondi e stipendi ben più interessanti. Bene, siamo in grado di dimostrare che anche Malindi ha saputo approfittare dell'esilio volontario di pezzi da novanta. 
Ebbene sì, possiamo dire che Malindi è una delle mete predilette dei “cervelli in fuga”. 
Fin troppo facile parlare di ricercatori in Africa.
Dai tempi del dottor David Livingstone, qualsiasi viaggiatore, avventuriero o turista arrivato in questi luoghi non si è limitato ad esplorare, ma ha trasformato il suo viaggio in una ricerca introspettiva, nella ricerca di un mondo migliore o nella ricerca della felicità e della pace interiore (di cui nemmeno gli scienziati più acclamati hanno svelato il segreto). Anche sulla costa Keniota abbiamo fior di ricercatori. Ma non mancano nemmeno gli scienziati, gli studiosi e chi si cimenta con la vasta gamma di usanze e deviazioni in dotazione al genere umano, fino a sperimentarne di persona le dinamiche e i risultati.
Eccovi alcune tra le più note categorie di “cervelli” che hanno lasciato l'Italia per affinare o migliorare le proprie attitudini.

LEGGI TUTTO

RETROSCENA

Malindi Vs Alberizzi: Una lunga storia d'amore

La storia dell'avversione di un giornalista verso gli italiani di Malindi

04-12-2009 di Freddie del Curatolo

RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI: Massimo Alberizzi è un bravissimo ed esperto giornalista del Corriere della Sera, in età pensionabile. Da anni è inviato e corrispondente per l'Africa e fa base a Nairobi. E' stato l'artefice della liberazione di dipendenti dell'Agip in Nigeria da parte dei ribelli di quel paese, ha commentato il golpe in Liberia e parecchie guerre civili. E' stato rapito e poi rilasciato in Somalia, ha rischiato di morire in un tentativo di rapina a Nairobi. Per motivi un po' etici e per un po' di sano snobismo, detesta la Malindi italiana. Parlare male di Malindi, da chiacchera da bar di Nairobi, è diventato per lui un luogo comune. Un po' come dire "governo ladro". 

LEGGI TUTTE LE "PUNTATE"...

ARCHIVIO

Dicembre 2009

Tutte le notizie del mese

01-12-2009 di redazione

St.Peter Hospital, la clinica degli italiani a Malindi
Gli italiani di Malindi, i turisti e chi vi passa periodi anche lunghi durante la bella stagione, possono sentirsi più tranquilli quest'anno. Il St. Peter Hospital è stato riorganizzato, ammodernato, fornito di macchinari e personale preparato per fornire un servizio migliore alla comunità, anche chiaramente a quella locale. Tutto questo 24 ore su 24 e con professionalità e pulizia tutta italiana. Il centro sanitario di proprietà del Key Group dq agosto ha un manager, Valentina Cappuccini, che è presente nella struttura e sta coordinando una serie di offerte e servizi importanti. Il St. Peter è un gioiello di Malindi ed è compito anche nostro pubblicizzarlo e utilizzarlo, quando abbiamo bisogno di cure e diagnosi. Ecco i servizi offerti da quest'anno: CENTRO RADIOGRAFICO con eccellenti apparecchiature per le radiografie, eseguite da tecnici altamente qualificati SERVIZIO DI ECOGRAFIA con moderne apparecchiature per ecografie, eseguite da tecnici altamente qualificati
LABORATORIO DI ANALISI eseguite da personale altamente qualificato e con lunga esperienza nel settore. I prelievi possono essere effettuati anche presso il proprio domicilio. Orario del Laboratorio 08.30 - 13.00 14.00 - 17.00
E’ possibile effettuare analisi di emergenza anche al di fuori di questo orario SERVIZIO DI VISITA MEDICA
L’orario delle visite mediche ambulatoriali e’ 08.30  – 18.00 E’ possibile effettuare visite mediche di emergenza 24 ore su 24
SERVIZIO DI VISITA MEDICA A DOMICILIO E’ possibile la visita medica a domicilio 24 oer su 24 effettuata dal nostro personale medico SERVIZIO DI INFERMIERA A DOMICILIO E’ possibile la visita di un infermiera a domicilio effettuata dalle nostre infermiere specializzate, per iniezioni, medicazioni, assistenza per la notte e altro SERVIZIO DI VISITE MEDICHE SPECIALISTICHE su appuntamento con  personale medico altamente qualificato, come ad esempio Pediatra, Nutrizionista, Ortopedico e altro SERVIZIO DI VACCINAZIONI per adulti e bambini SERVIZIO DI ELETTROCARDIOGRAMMA
SERVIZIO DI MISURAZIONE DELLA PRESSIONESERVIZIO DI PRIMO SOCCORSOattrezzato per emergenze
SERVIZIO DI AMBULANZA con un'attrezzata ambulanza disponibile 24 ore su 24. PER EMERGENZE CHIAMARE 0735601304  0771026228  0422120086 SERVIZIO DI FARMACIA  24 ore su 24 con le medicine di urgenza e di uso più comune 
SERVIZIO DI RICOVERO / OSSERVAZIONE con quattro moderne  stanze private con servizi e aria condizionata
Il St Peter’s Health Centre e’ aperto 24 ore su 24, sette giorni a settimana.(01/12/2009)

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE