Archivio

ARCHIVIO

Agosto 2015

Tutte le notizie del mese

01-08-2015 di redazione

Visto online per il Kenya: attese novità sulla possibile proroga
Lo aveva annunciato giorni fa il direttore dell'Immigration di Nairobi, l'obbligatorietà del visto online per chi entra in Kenya sarebbe stata prorogata di due mesi, per permettere ai servizi internet e a quelli aeroportuali, specialmente di Mombasa, di adeguarsi e farsi trovare pronti al 100%. 
Il relativo comunicato ufficiale però non è ancora arrivato, il che fa consigliare tutti di predisporsi, dal 1 settembre, a fare il visto online, con qualche problema per chi non ha dimestichezza con il computer. Di contro, le agenzie di viaggio possono aiutare i clienti compilando per loro i moduli online e completando la procedura. 
ATTESE NOVITA' NELLE PROSSIME ORE.(30/08/2015) 

Malindi Art Extravaganza a Rosada con sfilata di Miradi Studio

Un sabato pomeriggio malindino all'insegna dell'incontro multirazziale per vivere gli aspetti più genuini ma all0 stesso tempo moderni della creatività malindina.
Si chiama "Malindi Art Extravaganza" l'appuntamento malindino che porta in giro per la cittadina, da chi lo ospita, uno show cangiante ogni ultimo sabato del mese.
Creato dal musicista Katoi Wa Tabaka, a fine luglio la prima edizione si è tenuta al parco Marino e ha coinvolto centinaia di giovani keniani che hanno assistito a danze tradizionali, musicisti locali soprattutto rap e hip-hop e spettacoli di acrobati. Oggi dal primo pomeriggio a Rosada Beach, ci sarà tutto questo e spazio anche per una sfilata di abito disegnati e proposti da Miradi Studio.(29/08/2015)

Salif Keita in concerto a Nairobi
E' arrivato ieri a Nairobi, città che ama e da cui mancava dal 2010. Salif Keita, "The Golden Voice of Africa" come è stato definito dalla critica musicale del continente, si esibirà venerdì sera a Nairobi nell'ambito del Safaricom Jazz Festival al Bomas of Kenya. Il sessantacinquenne artista maliano, famoso nel mondo per il suo afro-pop raffinato e per i capolavori "Folon, the past" e "La difference", è in Kenya anche nell'ambito della campagna da lui promossa contro la persecuzione degli albini nell'Est Africa e particolarmente in Tanzania. Keita, discendente diretto del primo Re maliano, è albino e lui per primo subì l'ostracismo della sua famiglia, che lo allontanò proprio per la sua diversità. Una volta raggiunto il successo, durante gli anni d'esilio a Parigi, Keita ha costituito un'organizzazione internazionale per i diritti degli albini.(28/08/2015)

 

Meteorologi dell'Est Africa sicuri: maltempo fino a dicembre, meno sulla costa
Tra le categorie di scienziati e veggenti, i "maghi" che ci azzeccano meno solitamente sono quelli delle previsioni meteorologiche. E speriamo che anche nel caso degli East Africa Weather Expert, i Bernacca di Tanzania, Kenya, Uganda, Ruanda e Burundi riuniti a Dar Es Salaam nel fine settimana, la regola delle previsioni sbagliate non faccia eccezione.
Già, perché gli esperti hanno decretato che questa sarà la peggior stagione, in quanto a precipitazioni atmosferiche, da sessant'anni a questa parte. "Dobbiamo prepararci a piogge intense ed allagamenti - ha confermato dopo l'incontro il direttore del Dipartimento di Meteorologia del Kenya, Ayub Shaka - il passaggio dell'ormai celeberrimo El Ninho non risparmierà il Kenya, specialmente nell'interno". Secondo le congetture degli scienziati, confortati anche da alcuni esperti internazionali, le perturbazioni moleste interesseranno l'Est Africa dal prossimo mese fino a dicembre inoltrato. La preoccupazione dei dipartimenti di Kenya e Tanzania si concentra soprattutto sulle aree povere e sul pericolo che gli allagamenti portino malattie e aumentino la percentuale di malaria. Nairobi e il Nord del Kenya, come anche l'Etiopia, saranno particolarmente colpite da El Ninho, secondo gli esperti, tanto che una serie di parlamentari della Capitale hanno già chiesto al Governo di prepararsi affinché non si ripetano i disastri degli anni passati, segnatamente del 1997 quando ci furono tragedie negli slum e migliaia di senzatetto. Sulle rive dell'Oceano Indiano, secondo gli esperti tanzaniani, il fenomeno sarà più mite, ma qualche periodo di pioggia è atteso, specialmente tra ottobre e novembre.
"La temperatura calda ed umida favorirà l'instabilitù - spiegano i meteorologi - aumentando le precipitazioni".
Scenari non meravigliosi, per luoghi di vacanza, ma come sempre, non è detto che sarà così.(26/08/2015)

 

Due mesi di proroga per il visto online, così annuncia il Nation
E' ufficiale, dal 1 settembre il visto turistico per entrare in Kenya, che dal 1 settembre si sarebbe dovuto fare obbligatoriamente online, per altri 60 giorni non sarà l'unica maniera per entrare nel Paese africano.
Lo ha dichiarato ieri il Direttore Generale del Dipartimento dell'Immigrazione, Gordon Kilahangwa.
A giugno lo stesso dipartimento aveva annunciato due mesi di prova per perfezionare le modalità di rilascio del visto via internet, attraverso il sito e-citizen.go.ke. 
Due mesi che, come malindikenya.net aveva preannunciato, si sono rivelati un periodo troppo breve, ma che comunque sono stati utili a far capire al Governo keniano le problematiche legate ad un cambiamento radicale del genere e soprattutto a fare in modo che questa innovazione legata soprattutto alla sicurezza nazionale, non metta in ulteriori ambasce il comparto turistico.
Così, ieri contestualmente all'annuncio della proroga (ovvero il visto fino al 1 novembre potrà essere rilasciato anche dall'autorità aeroportuale come sempre) Kilahangwa ha annunciato che dal 1 settembre il procedimento per farsi rilasciare il visto online non impiegherà più di 72 ore a svolgersi. "Contiamo di arrivare a rilasciarlo in 48 ore" ha dichiarato il Direttore dell'Immigration. Sempre tenendo presente che bisognerà allegare online una foto, una dichiarazione di chi vi ospita (se si tratta di una struttura alberghiera sarà sufficiente la prenotazione) e il solito modulo compilato.
In preparazione, secondo i ben informati, ci sarebbe anche entro novembre la possibilità di accedere al sito con la traduzione in italiano, per facilitare il compito anche ai nostri connazionali.
"Fino ad oggi, in ogni caso - ha spiegato Kilahangwa - sono già state più di sedicimila le persone che hanno effettuato il visto turistico online. Con lo sveltimento delle pratiche contiamo di aumentare il numero, fino a quando non sarà obbligatorio".
L'Immigration ha anche annunciato che i Tour Operator e le agenzie di viaggio potranno svolgere le pratiche di rilascio online per i loro clienti, ma quelli che saranno scoperti guadagnarci sopra, saranno messi in un'apposita "lista nera".
Il Kenya Tourist Board e le associazioni turistiche e di albergatori hanno confermato che sorveglieranno la situazione, perché l'eventuale inserimento del visto online obbligatorio, se non organizzato al meglio, potrebbe mettere in ginocchio un'intera industria, prospettando perdite di 30 miliardi di scellini all'anno.(25/08/2015)



Si chiama Totti come il "pupone" giallorosso, ma in Kenya è una star dell'hip-hop
Ha il nome di uno dei più grandi campioni del calcio nazionale, la star musicale del momento sulla costa keniana. Il suo nome d'arte infatti è nientemeno che Totti.
Nessuna parentela, ovviamente, né un esplicito riferimento al capitano della Roma.
Si sa che spesso i ragazzi delle nuove generazioni che si incontrano nelle spiagge frequentate dai turisti, amano prendersi nomignoli italiani o internazionali. La nomenclatura di Malindi e Watamu è piena di personaggi famosi, da Ramazzotti a Zucchero, da Picasso a Capodanno, da Peppino a Ministro. Totti però è un cantante hip-hop in ascesa e il video qua sopra lo dimostra. Chissà, magari un giorno potrà farne uno con il vero "pupone" giallorosso.(24/08/2015)

E' nata Faith Pendo, figlia del nostro collaboratore Charo Banda

Dopo la laurea, grazie a Malindikenya.net e Karibuni Onlus, per il collaboratore del portale Charo Banda, una soddisfazione ancora più grande, quella del secondogenito, e prima figlia femmina. 
E' nata ieri al Malindi Municipal Hospital Faith Pendo, figlia di Charo e di Elizabeth Kalume. 
Un grande saluto alla madre Elizabeth e dalla redazione di Malindikenya.net un augurio di una vita serena, grazie anche agli insegnamenti di vita di un padre che ha dimostrato a tanti coetanei di Malindi che con la volontà e l'intraprendenza si può cambiare la propria condizione ed emergere dalla soglia di povertà che molti considerano ineluttabile.
Grande Charo! 
Viva Pendo!(22/08/2015) 

Matrimonio indiano di massa con 8 mila invitati a Nairobi
23 coppie di fidanzati, ottomila invitati. Questi i numeri dell'incredibile festa prematrimoniale indiana celebrata qualche giorno fa a Nairobi. La capitale del Kenya ha ospitato per la ventunesima volta la celebrazione delle promesse d'amore di 23 coppie di giovani ssposi della comunità indù di Shree Cutchi Leva Patel Samaj. Si tratta di un tradizionale matrimonio di massa che si celebra anche in un paese dove i credenti indù non sono certo in gran numero. Una cerimonia festosa e colorata che coinvolge per giorni l'intera comunità(20/08/2015)

Dollaro ai massimi storici in Kenya 
"Arriverà il petrolio", è il ritornello che si sente negli ambienti delle banche e tra le cricche dei cambisti a Nairobi, perché se è vero che gli investimenti e l'ingresso di denaro in Kenya di questi tempi non mancano, è altresì lampante che il dollaro sia stabilmente sopra la soglia dei 100 scellini keniani a uno, dal 6 luglio scorso, giorno in cui toccò la cifra a due zeri per la prima volta dal 2011. "E' dovuto al calo delle importazioni di té e caffé - spiega il Direttore della Banca Commerciale Africana John Njenga - ma anche alla continua importazione di petrolio da altri stati. In questo momento Brasile ed Etiopia ci hanno superato nel commercio del caffé, di cui siamo stati vicini ad essere leader mondiali". La stessa cosa accade con India e Cina per il tè. In ogni caso il PIL è sempre soddisfacente e per questo il Kenya si dimostra ancor più un Paese in cui investire, anzi sembra questo il momento giusto, in attesa delle estrazioni dei giacimenti di petrolio del Turkana e di gas naturali, previste per i prossimi anni.(19/08/2015)

Motociclette antibracconaggio per il KWS
La lotta al bracconaggio in Kenya si fa anche con il motocross. La East African Wild Life Society e il Mara Conservation Fund hanno donato nei giorni scorsi 14 motociclette nuove alle autorità del Kenya Wild Life del Parco nazionale del Maasai Mara per poter migliorare l'attenzione nei confronti del fenomeno del bracconaggio che com'è tristemente noto, causa ogni anno la mort di moltissimi animali, particolarmente elefanti.(18/08/2015)

Una Miss Turismo italiana per promuovere il Kenya
Promozione turistica Italia-Kenya nel segno della bellezza. Grazie a un concorso per l'elezione di Miss Turismo Europa, verrà abbinata la bellezza naturalistica del Kenya ad un'altro tipo di armonia fornito da Madre Natura, quella delle forme e dei lineamenti delle donne. Quest'anno è capitato alla splendida Sofia Pivato, diciannovenne di Cittadella, provincia di Padova che, dopo aver vinto la selezione italiana nel 2014, si è vista assegnare il titolo continentale in Venezuela, dove ha trionfato a livello mondiale la giapponese Tomomi Kondo. Il titolo di Miss Turismo Europa darà la possibilità alla bella Sofia di volare in Kenya per un safari promozionale nei parchi nazionali dal 21 al 31 agosto, con una puntata a Mombasa, dove sarà ricevuta dagli enti turistici e governativi e parteciperà in nome della promozione del turismo keniano in Europa, al Mombasa International Show che sarà inaugurato venerdì 28 agosto dal Presidente Uhuru Kenyatta.
Miss Turismo è un concorso che quest’anno compie 70 stagioni e che è nato con il nome di "Miss Great Britain Tourism World" per diventare internazionale nel 1991 e cambiare il nome in Miss Tourism World. In Italia il concorso ha messo piede nel 2012. 
Il Veneto si conferma una delle regioni che sfornano il maggior numero di bellezze per questa kermesse. Nel recente passato infatti altre due venete hanno rappresentato l’Italia: Mara dall’Armellina di Mareno di Piave (Treviso) nel 2012 e Martina Sgambaro di Castelfranco Veneto (Treviso) nel 2013.(17/08/2015)



Alleanza Kenya-Uganda nel nome dell'oro nero.
Durante l'incontro a Kampala tra il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta e quello ugandese Yoweri Museveni, è stato siglato l'importante accordo per la costruzione dell'oleodotto che dalla regione di Albertine Graben, nel nord dell'Uganda, attraverso la Contea di Lokichar, si congiungerà a quello già progettato tra Isiolo e Lamu, per complessivi 1300 kilometri. Durante l'incontro tra i due capi di stato sono stati firmati altri importanti accordi bilaterali. Secondo il portavoce del presidente keniano, il lavori per la costruzione dell'oleodotto cominceranno al più presto.(14/08/2015)

Autostrada Mombasa-Nairobi, si sgombera. A Malindi per l'aeroporto no.

Per costruire la nuova autostrada Mombasa-Nairobi, con doppia corsia di marcia da tre corsie ognuna, sono iniziati gli sgomberi preannunciati il 30 luglio dell'anno scorso. 
Istituzioni pubbliche, chiese, case residenziali ed altre costruzioni, sono tra 820 strutture che verranno demolite per spianare la strada per la costruzione del tratto di autostrada da Mombasa a Mariakani.
La commissione strade di Mombasa si è premurata di acquisire i 25 ettari di terreno necessari, prima che l'Autorità Nazionale Autostrade Kenya (KENHA) inizi i lavori per cui sono già stati stanziati 22 miliardi di scellini. I lavori sono previsti per l'inizio del 2016, ma gli sgomberi iniziano già ora, e questo è sintomatico, pensando ai ritardi per l'Aeroporto Internazionale di Malindi, dove nessuno si vuole prendere la briga di emettere l'ordinanza di sgombero degli occupanti del terreno da adibire alla pista (peraltro in gran parte abusivi, ma è giusto risarcire anche loro, specie chi da anni si è insediato in quella zona).
"Abbiamo ricevuto Sh10 miliardo dalla Banca Africana di Sviluppo per costruire la sezione Mombasa-Jomvu 11 km. Siamo in trattative con tedesco Development Bank per il finanziamento della restante parte della strada" ha detto Charles Obuon, il coordinatore del progetto.
Ovviamente Obuon ha precisato che chi si fosse insediato in quella zona o vi avesse costruito dopo gli avvisi emessi, non sarà compensato.
Si tratta di un modus operandi chiaro e ineccepibile, sulla base di ciò che da sempre viene fatto in tutto il mondo quando si devono ampliare o costruire nuove infrastrutture di pubblica utilità.(13/08/2015) 

A Watamu il punto vendita di Nonsologelato

E’ nato a Watamu il punto vendita di Nonsologelato. Da una settimana Anna, l’artista italiana del gelato e della pasticceria di Watamu, non vende le sue creazioni solo all’ingrosso o nei locali di Malindi e Watamu che hanno scelto la sua qualità, ma anche nel nuovo spazio vendita di Watamu, vicino alla stazione della Kenya Power. Oltre ai famosissimi gelati, con nuovi sorprendenti gusti, e alle torte (millefoglie e cheese cake sono ormai marchi di fabbrica) c’è un’ampia scelta di semifreddi e la novità delle monoporzioni, anche di tiramisù ed altre golosità.
Sempre disponibile la piccola pasticceria, con gli ineguagliabili cannoli alla crema e quelli siciliani alla ricotta e canditi, al banco di Anna c’è anche la possibilità di trovare snack salati, pizzette e focacce, oltre a una selezione di formaggi ed altre leccornie fresche.
Come sempre per grossi ordini e torte di compleanno o per altri festeggiamenti, è consigliata la prenotazione. Orari di apertura: tutti i giorni dalle 8 alle 13 e dalle 16 alle 19, chiuso domenica pomeriggio.(12/08/2015)

Kenyatta in Italia a settembre, il 9 a Milano per l'Expo
E' ufficiale: il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta sarà in visita in Italia nella seconda settimana di settembre. Le date sono da confermare, ma sicuramente Kenyatta prenderà parte alla giornata del Kenya all'Expo milanese, fissata per il 9 settembre.(11/08/2015) 

La buca a forma d'Africa di Malindi racconta una storia
Spesso una foto "parla" molto più di tanti discorsi, di giuste recriminazioni e palesi denunce.
La buca a forma d'Africa sul lungomare di Malindi è l'emblema della situazione in cui versano le strade della cittadina turistica, ogni anno dopo la stagione delle piogge.
E viene da chiedere ai responsabili come mai non si intervenga, una volta per tutte, per risolvere il problema. Specialmente nella strada che collega il centro storico, la piazzetta del cambio di Uhuru Garden, alla spiaggia di Silversand, luogo frequentato e molto amato anche dal turismo locale. Passando attraverso la zona del porto, dove transitano ahinoi anche molti camion e autoarticolati che caricano pesce, ma anche molti pullman, specie in questa stagione, di turisti delle gite organizzate che arrivano dalla Rift Valley e vanno a visitare la punta di Vasco Da Gama e il museo a cielo aperto intorno al famoso pilastro. Insomma, una strada non frequentata solo da residenti e italiani, ma anche e soprattutto dai keniani, e un biglietto da visita per la realtà costiera affacciata all'Oceano Indiano.
Particolare che sembra però non interessare, e la buca a forma di Africa resta lì, piena d'acqua, a guardare e ad agire da insidia per chiunque transiti per quella strada. Purtroppo.(10/08/2015) 

La ferrovia Mombasa-Nairobi rispetterà gli animali della savana

La ferrovia cinese ad alta velocità che collegherà Mombasa a Nairobi, non dovrà recare alcun danno ambientale e soprattutto disturbare gli animali della savana.
Il presidente del KWS, Richard Leakey ha confermato che sono state prese adeguate precauzioni per la costruzione della linea ferroviaria ad alta velocità, atte a preservare i parchi e la loro fauna.
Per tutelare il territorio e la tranquillità degli animali, il contraente, su richiesta di Leakey,  ha accettato di costruire una strada sopraelevata e un sottopassaggio. L’implementazione della linea Mombasa Nairobi, che fa parte dei progetti VISION 2030, prevede il passaggio attraverso lo Tsavo National Park e il Parco Nazionale di Nairobi.
"I confini originali del Parco Nazionale di Nairobi non saranno alterati e la superficie complessiva non sarà ridotta a causa della costruzione della linea ferroviaria", ha detto Leakey.  La nuova linea ferroviaria dovrà attraversare i 117 chilometri quadrati di questo parco unico al mondo, con bufali zebre e rinoceronti che vivono in mezzo alla savana con sullo sfondo i grattacieli del centro di Nairobi.
Per tutelare il territorio e la tranquillità degli animali, il contraente, su richiesta di Leakey,  ha accettato di costruire un ponte, una strada sopraelevata e un sottopassaggio.(09/08/2015)

Vaccino per ebola, in ritardo ma efficace
La notizia è di quelle che danno speranza, ma fanno anche rabbia perchè sembra arrivino sempre apposta con colpevole ritardo: è stato finalmente sperimentato con successo un vaccino anti-ebola. E ora, ci si chiede, cosa inventeranno media e multinazionali per limitare la "corsa all'Africa" di investitori e turisti? Staremo a vedere, sperando che col tempo a tutti questi "al lupo!" ci si caschi sempre meno.(08/08/2015)

Incontro a Malindi con Keninvest per uno sportello servizi per gli italiani sulla costa

L'occasione è di quelle da non perdere, per chi già lavora o vuole investire nella Contea di Kilifi. Venerdì' la Keninvest e l'Associazione Italo-Kenya per il Commercio (Italo Kenya Trade Associayion) incontreranno i residenti di Malindi per illustrare il progetto dell'apertura di un ufficio Keninvest a Malindi. La Kenya Investment Authority (Keninvest) è un ente pubblico e si occupa di facilitare gli investimenti in Kenya, con una serie di servizi. offrendo la maniera più semplice, diretta e onesta di aprire compagnie, ottenere permessi e licenze e infine attraverso attività di promozione locale e internazionale. Italo Kenya Trade Association è partner di Keninvest in molte joint venture tra il Paese africano e le aziende italiane, e a Nairobi sta mettendo in link strutture similari come ordini professionali, camere di commercio ed enti pubblici delle due nazioni, oltre a collaborare per lo sviluppo di progetti internazionali e iniziative di soggetti privati. L'iniziativa di Malindi è stata organizzata dal direttore di IKTA Rita Ricciardi, e dagli imprenditori italiani Roberto Marini e Antonio Colleluori. "E' una grande opportunità per avere uno sportello che risolverà molti dei problemi che gli imprenditori italiani hanno avuto in passato, dovendo operare da queste parti - spiega Colleluori - non ultime le difficoltà che spesso si incontrano per i permessi di lavoro e i loro eventuali rinnovi. Un ufficio Keninvest a Malindi potrebbe cambiare le prospettive degli investimenti internazionali nel settore del turismo e in tutto l'indotto".
L'appuntamento pubblico è fissato per venerdì 7 agosto alle 16 nella sala conferenze dell'Ocean Beach Resort.(07/08/2015)

Happy Shop Hour al People di Malindi con mercatino dell'usato

Negozi aperti, aperitivo a buffet e compravendita di usato. Ingredienti piacevoli per stare insieme, venerdì 7 agosto al People di Malindi.
La stagione estiva keniana entra nel vivo e le belle iniziative dei nostri sostenitori meritano di essere segnalate e promosse.
Venerdì 7 agosto è la volta di un simpatico momento di condivisione e piacere di stare insieme negli spazi del G.A. Complex, dove si trovano il People Bar & Restaurant del mitico Eugenio, la Boutique Miradi Studio e l'ufficio-negozio dell'Associazione Italiana Kilifi County. Per l'occasione, venerdì prossimo, boutique e associazione resteranno aperti anche la sera per la "Happy Shop Hour" e a partire dalle 18.30 il People proporrà un "apericena" con la prima consumazione a Kshs. 600 e tante stuzzicherie a buffet. 
Nel grande "corridoio" dell'ex Kiwi, ci sarà spazio per bancarelle, tra cui quella dei ragazzi della Onlus Watoto, e vendita di oggetti di secondamano, con anche lo spazio di Malindibay del nostro portale, dove oltre a trovare qualche occasionissima da prendere al volo, ognuno potrà portare qualcosa (di non troppo ingombrante) da vendere all'istante. Parte del ricavato andrà in beneficenza per una delle tante iniziative di aiuto del nostro portale, segnatamente la raccolta di fondi per la piccola Beatrice di Malindi che deve essere operata all'apparato rettale.(07/08/2015)


Pronto il vaccino contro la malaria, tocca all'OMS liberalizzarlo
Dopo trenta infiniti anni di ricerca e altri ancora di ostracism delle grandi case farmaceutiche, l’Agenzia Europea dei Farmaci (EMA) ha dato l’ok alla commercializzazione del primo vaccine al mondo contro la malaria.
Il “Mosquirix”, così si chiamerà il vaccino, attende ora solamente la prassi burocratica del via libera da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
La notizia è stata accolta con grande entusiasmo dall’Unione Africana, dato che nei paesi in cui la malaria è endemica si potrà procedere all’immunizzazione di tutti i bambini dalle sei settimane ai 17 mesi di età, evitando secondo le stime ufficiose, almeno 200.000 morti all’anno in età infantile. Il vaccino, sperimentato anche in Kenya su campioni di ogni età, sembra essere oltretutto efficiente anche contro l’epatite B e non ha mostrato effetti collaterali.
Per la sperimentazione finale, è stato decisivo il finanziamento di 200 milioni di dollari della fondazione del patron di Microsoft, Bill Gates.
L’OMS dovrebbe pronunciarsi in maniera definitiva entro la fine dell’anno, anche se non è ancora stato ufficializzato entro quando potranno essere date le autorizzazioni agli stati africani. “Non oltre il 2017” fanno trapelare dagli uffici di Ginevra, ma il Kenya e gli altri Paesi della fascia sub sahariana, che più degli altri soffrono i danni della zanzara anofele, si augurano che il vaccino sia utilizzabile già dalla primavera dell’anno prossimo.(06/08/2015)

Piano Usa-Kenya contro la corruzione

Barack Obama, nella sua recente visita a Nairobi, lo aveva annunciato: "Gli Usa sono pronti a combattere la piaga della corruzione che impedisce il vero sviluppo del Paese".
Detto e fatto, è arrivata ieri la firma dell'accordo tra il Governo keniano e quello degli Stati Uniti per un programma comune mirato a eradicare la corruzione dagli uffici pubblici e dalle amministrazioni statali e locali del Kenya. Gli Usa forniranno strumenti e il necessario know how per stanare chi ha fatto della corruzione ormai un'abitudine che non permette al Paese uno sviluppo sostenibile. Dall'altra parte il Governo di Kenyatta si impegna ad inasprire le pene per coloro che saranno colti in flagrante o portati a processo per reati collegabili alla corruzione. Speriamo davvero che questo giro di vite con il Grande Fratello americano a supervisionare, possa dare gli esiti sperati. Siamo in tanti a fare il tifo per un Paese in cui questa grande piaga possa essere eliminata.(05/08/2015) 

Tutta locale la festa "Art Extravaganza" al Parco Marino di Malindi

Pochi "mzungu" sabato pomeriggio al Parco Marino, la "Malindi International Art Extravaganza" si è rivelata una festa soprattutto per i giovani keniani, che hanno assistito alle esibizioni di artisti rap e hip-hop locali e all'alternarsi di danze tradizionali e dj set moderni, con la cornice di artisti di body painting per i bambini e spettacoli degli acrobati. L'appuntamento con la festa della creatività malindina è per l'ultimo sabato di agosto.(04/08/2015) 

Effetto Renzi in Kenya: aziende investono nel settore lattiero

Tecnici e imprenditori italiani per sviluppare un progetto agricolo da 20 milioni di euro, per la produzione di 25 mila litri di latte al giorno, e cinquecento chili di carne bovina.
E’ uno dei primi effetti degli accordi economici bilaterali tra il Kenya e il nostro Paese, all’indomani della visita del Premier Matteo Renzi a Nairobi, che ha preceduto quello di più grande risalto di Barack Obama, in coincidenza con il summit economico mondiale. Un gruppo di investitori italiani hanno deciso di esportare le loro tecniche ultramoderne per investire in un progetto di filiera lattiero-casearia a nord di Nairobi. 
Il consorzio di nove imprese italiane ha collaborato con la Kerio Valley Development Authority (KVDA) e la Moi University per questa novità con cui si prevede di rivoluzionare il settore nel nord della Rift Valley.
L’operazione, che ha visto arrivare a Eldoret una delegazione di funzionari delle imprese italiane specialisti del settore, è stata condotta dalla SACE, società leader per la protezione degli investimenti italiani all’estero, che ha una sede anche a Nairobi.(02/08/2015) 

International Art Extravaganza al Parco Marino di Malindi

Si svolge oggi pomeriggio al Parco Marino di Malindi la "Malindi Art Extravaganza", esibizione di artisti locali che propongono musica, arte, spettacoli di acrobati e giocolieri, body painting ed altre derive di creatività locale, compresa l'esposizione di oggetti di artigianato. Appuntamento dalle 15 con ingresso gratuito.(01/08/2015)

TAGS: