Archivio

ARCHIVIO

Aprile 2011

Tutte le notizie del mese

01-04-2011 di redazione

Festa benefica Myfem
L'iniziativa parte qualche anno fa dal cuore di Lydia Francu, contitolare dell'Italian Supermarket, e dall'organizzazione di George Edage, patron della Myfem, associazione nata per prendersi cura dei giovani poveri di Malindi. Così ogni anno viene organizzata una festa per loro, con cibo, bevande, regali e tornei sportivi. La festa di quest'anno va in scena allo stadio malindino Alaskan, gentilmente offerto dall'accademia di calcio Malindi United. Cento chili di carne, quattrocento tra riso e farina, una gran festa per tanti bimbi indigenti, grazie alla solidarietà degli italiani (anche se la fautrice di tutto è rumena...). C'è sempre bisogno di eventi del genere, e lo spazio sportivo della Malindi United si presta come sempre ad accogliere anche le iniziative della Myfem, che è stata sempre anche un bacino d'utenza di "street-boys" da aiutare, sia per la Karibuni-Genoa sia per le altre leve calcistiche del progetto sociale legato al football. Oggi però è in primo piano la solidarietà, e chi volesse dare il suo contributo è il benvenuto. Anche in futuro, contattando Lidia all'Italian Market.(30/04/2011) 

Malindi su "La Notizia"

E' il periodico in lingua italiana più distribuito in Inghilterra e chissà che non ci porti qualche turista anglo-italiano da Londra e dintorni. Si chiama "La notizia" e il suo direttore Salvatore Mancuso (se non è un nome da emigrante questo!) ha trascorso una vacanza a Malindi grazie al nostro portale, che lo ha introdotto nella vita della "colonia" italiana in Kenya e gli ha fatto visitare le meraviglie della zona, i luoghi più interessanti e lo ha messo in contatto con persone che hanno potuto raccontare la loro Malindi. Dal Key Group all'imprenditore caseario Roberto Bosco, dal console onorario Roberto Macrì al ristoratore Eugenio del Curatolo, dal tour operator Antonio Bosso al responsabile del comitato italiano, Silvano Celotto. Questi incontri hanno permesso a Mancuso di tratteggiare un profilo di Malindi sconosciuto a molti, quello di una cittadina africana che emerge e cresce grazie agli italiani, senza perdere (si spera) le sue caratteristiche predominanti, che le consentono di rimanere un piccolo paradiso esotico di relax e immersione nella natura. Nel servizio di due pagine del direttore Mancuso, si parla di come gli italiani abbiano ormai piantato radici e già a Malindi si vedano italiani di terza generazione, seppur ancora piccoli, come successo in tempi passati proprio in Paesi con l'Inghilterra ma anche, parlando di nazioni più lontane, come in Australia e Sudamerica.(29/04/2011)

Giovani kenyoti sposi più tardi

Un nuovo studio rivela che nella pianificazione del loro futuro, gli adolescenti kenyani prevedono di rinviare a un'eta' piu' matura il matrimonio per dare piu' spazio alla carriera. Il direttore dell'istituto di ricerca che ha condotto il sondaggio su un campione di giovani tra i 12 e i 19 anni d'eta', Geoffrey Kimani, ha rilevato che "in passato i giovani erano intenzionati a finire presto gli studi per potersi sposare, mentre ora dopo il diploma o la laurea cio' che si desidera di piu' e' l'auto o la casa". Per Kimani "cio' significa che un buon lavoro costituisce un obiettivo piu' pressante, rispetto a quello di costituire una famiglia".(28/04/2011) 

Pasqua bellissima sulla costa

Il Kenya al meglio delle proprie possibilità. In pochi si sarebbero aspettati una Pasqua così meravigliosa, quasi uno spot per il Kenya dalle mille possibilità. Sulla costa keniota un sole splendente e una brezza che ha spazzato via la cappa di umidità che si era fatta decisamente opprimente nei giorni precedenti. Spiagge piene soprattutto di turisti locali, ma i pochi stranieri hanno potuto godere un mare cristallino, specie a Watamu, e prendere la tintarella come fosse piena estate. Sono spuntate le vele e anche per chi a Mambrui ha voluto cimentarsi nel kite è stata una bella domenica. A Malindi, inoltre, è andato in scena il Festival Culturale multietnico, nella zona del porto. Sfilate delle diverse tribù che popolano la cittadina, danze e tornei sportivi, con un palco sistemato sulla spiaggia, di fronte al museo nazionale, per le esibilzioni. Splendido weekend pure per gli amanti della Natura. Ultimi safari con strade non ancora inguaiate dalle piogge, con animali in evidenza tra Tsavo e Maasai Mara. Pasqua ideale per l'avvistamento di ghepardi, ad esempio. Maasai Mara pieno di turisti ("mai visti così tanti durante le vacanze pasquali" - ammettono i proprietari di lodge nel parco nazionale) e spettacolo di fauna con tempo ancora piacevole. Anche il lunedì dell'angelo si presenta con sole e possibilità di godersi l'ultima Africa della stagione. Poi, sarà il caso, via all'acqua che serve tanto ai coltivatori e alla povera gente.(27/04/2011) 

Kenya under 18 in Italia con tanta Malindi

E' tutto pronto a Nairobi per la partenza della nazionale keniota Under 18, allenata dal malindino Riccardo Botta, titolare dell'Accademia di calcio Malindi United di cui anche il nostro portale è socio. Un evento storico non solo per il Paese africano, ma anche per sei ex ragazzi di strada che fanno parte del progetto sociale italiano a Malindi e rappresentano il vertice alto di una piramide in cui dopo due anni si iniziano a vedere i risultati dell'ottimo lavoro svolto, a partire dai bimbi di dieci anni della Karibuni Genoa, attraverso le altre due leve giovanili. Charles Bruno, capitano della nazionale, ha già esordito in quella maggiore, Tony Otieno il centravanti è stato opzionato dall'Avellino, Vincent Otieno fa parte stabilmente delle nazionali giovanili keniote, Victor Ligingo è uno dei giovani portieri più quotati in Kenya e infine Alfred e Nabil sono i veri prodotti del vivaio malindino, perchè arrivano dai quartieri poveri di Shela e Kisumundogo. Questa la banda che approderà il 4 maggio prima a Vasto, in Abruzzo, per il miniritiro italiano, poi a Gubbio, in Umbria, per partecipare al prestigioso torneo "Dodici nazioni", con Italia, Inghilterra ed altre nove nazioni a tutto il mondo. Unico Paese africano e rappresentativo di progetti sociali (oltre alla Malindi United sono presenti ragazzi dalla National Youth Talent Academy dell'Unicef), grazie all'interessamento del presidente della LND, Carlo Tavecchio.(26/04/2011) 

Riforma della scuola

Anche il Kenya prepara una grande riforma sulla scuola, ma a differenza di quella italiana qui si parla del minimo indispensabile per rendere l'istruzione di base fruibile per tutti e per consentire a chi in passato vi è stato privato, di rimediare. Ad annunciare un cambiamento radicale della politica scolastica in Kenya è stato ieri il ministro dell'Istruzione James Ole Kiyiapi presentando il nuovo piano legislativo che sostituira' le disposizioni in vigore dal 2005.
  Secondo il ministro Kiyiapi, "serve una strategia innovativa in grado di affrontare le sfide del mondo della scuola".
  L'intervento legislativo e' mirato a risolvere problemi legati all'aumento del numero delle persone cui manca un'istruzione primaria, sia adulti sia bambini, e quelli delle barriere culturali che ancora oggi impediscono a molti bambini di frequentare la scuola, dalla poverta' alla paura delle violenze. A questo proposito secondo il ministro e' necessario tutelare i minori "evitando che vadano a lezione in istituti frequentati anche da adulti", cosa che oggi accade spesso. Per scongiurare "un apprendimento distruttivo", il nuovo piano prevede la creazione di strutture ad hoc per l'istruzione primaria e secondaria degli adulti.(23/04/2011) 

Rose maasai a Londra

La dichiarazione ufficiale avvenne alle pendici del Mount Kenya, dopo una breve vacanza in un esclusivo lodge del Maasai Mara. Lì l'erede al trono d'Inghilterra William chiese a Kate Middleton di diventare principessa. Ora, nell'attesa di rivederli in Kenya per la loro luna di miele (un colpo mica male per il turismo britannico nell'ex colonia, e per il Kenya dopo la "buttata" di americani pro-Obama), insieme con il Kenya Tourist Board ecco una trovata romantica e allo stesso tempo pubblicitaria nei giorni precedenti alle prime grandi nozze del nuovo Millennio, come qualcuno le ha già battezzate. In questi giorni, in giro per Londra, c'è un gruppo di maasai che consegnano alle signore una rosa rossa prodotta in Kenya. Oggi nella capitale del Regno Unito, anche nelle stazioni della metropolitana di London Bridge, London Waterloo, Liverpool Street e Kings Cross i pendolari saranno accolti da giovani Maasai nel loro abbigliamento tradizionale, che distribuiranno rose raccolte a mano nella tenuta Flamingo Farm presso il lago Naivasha. 
Ogni rosa è accompagnata da un bigliettino che invita i passanti a trovare “il lato romantico in Kenya” così come hanno fatto William e Kate che si sono dichiarati amore proprio durante quella vacanza in Kenya lo scorso ottobre. Come scenario per chiedere la mano alla sua futura Regina, il Principe William aveva scelto un luogo remoto nel Lewa Wildlife Conservancy sulle pendici del Mount Kenya. Nella loro lista di nozze, tra i doni caritatevoli, gli sposi hanno incluso anche il progetto "Save the Black Rhino in Kenya" per la conservazione e la riproduzione del raro rinoceronte nero. 
Quest’iniziativa organizzata dal Kenya Tourist Board assieme a Kenya Flower Council e al Maasai Arts Organisation vuole promuovere il Kenya come destinazione romantica e ricordare che il Kenya è il primo produttore al mondo di rose.(22/04/2011)

Rent-a-diva al White Elephant

Opera lirica e umorismo, questi i contenuti dell'originale piéce, dal titolo "Rent-a-diva", in scena al White Elephant di Malindi domani, venerdì 22 aprile, alle 18, lo spettacolo ideato da Sven e Doreen Ziegler, racconta di una cantante lirica che muove i primi passi nel mondo dell'opera e che cerca l'agente e promoter giusto per sfondare in un ambiente difficile. (Ingresso kshs 1300, comprensivo di drink di benvenuto). Il ricavato dell'incasso sarà devoluto per il progetto sociale "Opera for school fees" in favore di bambini disagiati che hanno difficoltà ad accedere all'istruzione.(21/04/2011)

Ultimi "botti" di Pasqua, dove andare

Ultimi giorni di vacanza sulla costa keniota, grazie a una Pasqua mai così "alta". Il tempo sembra reggere, prima dell'arrivo della stagione delle piogge. L'umidità resta alta ma una piscina rinfrescante o una nuotata in mare vengono accolte con ancor più piacere e il sole, non c'è dubbio, ragala un'abbronzatura che fa tornare in Europa con l'anticipo d'estate sulla pelle. Ecco chi è ancora aperto e dove si può mangiare e passare le belle giornate pasquali tra Mambrui, Malindi e Watamu. Per la spiaggia, si può fare affidamento al Kola Beach di Mambrui, ultimo gioiello scoperto dai residenti, tra una piscina sontuosa, buona cucina e il panorama della spiaggia dorata. A Malindi c'è Rosada, che a Pasqua raddoppia proponendo anche la cena a lume di candela sulla bianca sabbia di Silversand, oppure il Billionaire di Briatore al Parco Marino, ma solo a pranzo, con il buffet su prenotazione. A Watamu ancora aperti il Mapango, con piscina, lettini e pranzetti a base di pesce fresco e altro. Speculare la situazione al Kitangani, ancor più a ridosso della spiaggia, con la splendida terrazza panoramica. Per chi ama invece il classico ristorante dove cenare in un ambiente elegante e fuori dalle luci delle serate malindine, ai bordi di illuminate piscine, c'è la doppia scelta de La Malindina (con lo storico menu di pesce ma anche molte variazioni sul tema e, su prenotazione, menu alternativo) e Lorenzo Il Magnifico al Mwembe. Per prepararsi invece a vivere invece la "movida", può essere perfetta una cena al Karen Blixen.(20/04/2011) 

Roncoli: Un libro, una vita in Africa

Trent'anni d'Africa, mille avventure di un percorso iniziato nelle valli bergamasche e non ancora terminato, con recente permanenza a Malindi. E' un libro la vita di Nemesio Roncoli, ottantenne italiano che trascorre parecchio tempo in Kenya. Nel volume, dal titolo "Sotto la palma del viaggiatore" (Edizioni Sottovoce) , si rivive l'avventurosa esperienza umana di Roncoli e di sua moglie Giuseppina, dal lago d'Endine dove sono partiti alla volta del lago Tanganica, e poi Ruanda, Burundi ed altre nazioni africane, tra missioni cristiane e lavoro. Una storia di formazione di una coppia che va di pari passo con quella di un Continente alle prese con l'indipendenza dei suoi Paesi e l'inizio del difficile cammino verso la democrazia. "L'Africa ormai è dentro di noi - spiega Roncoli a malindikenya.net che lo ha incontrato - questo libro, scritto grazie all'aiuto del giornalista Ugo Piccoli - raccoglie tantissime esperienze di vita uniche come questo continente. Infattri il volume avrebbe potuto avere più di mille pagine". Iniziativa lodevole, perchè "Sotto la palma del viaggiatore" è anche un'iniziativa benefica. Buona parte dei proventi del volume di Roncoli, infatti, aiuteranno una scuola materna in Burundi. Per acquistare il libro al prezzo di 20 euro, potete chiamare il numero italiano 3296715362 o scrivere a info@stedyservice.it e lo riceverete a casa senza alcuna spesa di spedizione aggiuntiva.(19/04/2011)

Tre della Malindi United convocati in nazionale

Tre giovani calciatori della Malindi United sono stati convocati nella nazionale Under 23 keniota per la partita ufficiale contro l'Eritrea, in programma all'Asmara. I difensori Charles Bruno e Vincent Otieno e l'attaccante Tony Otieno faranno parte (insieme ad altri due "malindini") anche della comitiva della nazionale Under 18 keniota, allenata da mister Riccardo Botta, che si recherà in Italia per il prestigioso torneo "Dodici nazioni" in Umbria, dal 8 al 15 maggio.(18/04/2011)

Acqua dispersa, una risorsa incredibile
Mentre le autorità locali assicurano che dalla prossima stagione miglioreranno i servizi inerenti all'acqua, a Malindi, Mambrui e Watamu prosegue l'emergenza idrica, specialmente nei quartieri poveri e per chi non può permettersi di "storare" molti litri ogni giorno. Infatti l'acquedotto distrettuale smette di fornire acqua quasi ogni sera, fino alla mattina successiva. Questo mette in ambasce molti cittadini. Ma un recente studio condotto dal fotoreporter e giornalista francese Philippe Boursellier, ha indicato che uno dei problemi principali in Kenya è costituito dalla dispersione dell'acqua per via delle perdite nelle condutture o per gli allacciamenti abusivi, che provocano problemi di circolazione e deviazioni delle corrette forniture. Un problema che, secondo la ricerca, deve essere risolto perchè i numeri dicono che in Kenya c'è acqua per tutti: con le sole dispersioni e allacciamenti raffazzonati della capitale Nairobi, ad esempio, lo studio ha calcolato che si potrebbe dare acqua gratis a Mombasa, seconda città del Kenya, e quindi a tutto il distretto di Malindi. Sembra incredibile ma è vero: ecco un datio di fatto su cui bisognerebbe lavorare.(17/04/2011) 


Pasqua multietnica a Malindi

Mentre il sole continua a splendere incurante delle previsioni meteorologiche che prevedono pioggia già da qualche giorno, la costa keniota si prepara ad accogliere migliaia di turisti per il "botto finale", quello delle vacanze di Pasqua. Gli hotel e i resort italiani hanno preparato le loro super offerte, abbassando i prezzi delle settimane (andate a vedere le occasionissime Lawford's, ad esempio) e mantenendo un charter fino al 26 di questo mese. Ovviamente tutto questo è possibile anche grazie a Zanzibar, con cui ci si dividono i turisti per una rotta che in aprile da sempre subisce la concorrenza di mete più vicine dove inizia a splendere il sole. Ma la recrudescenza delle proteste egiziane e le sommosse del mondo arabo hanno riproposto il Kenya come meta di relax e tranquillità. La parte del leone, in queste vacanze pasquali, la faranno comunque altre etnie: previsto il solito cospicuo esodo a Malindi, Watamu e Mambrui di turismo locale. I kenioti di Nairobi e dintorni si muoveranno in massa per godersi le ultime ferie della stagione, cercando il sole sulla costa. L'anno scorso Malindi ha soppiantato per la prima volta Mombasa nelle scelte dei nairobini e sono stati contati anche turisti sudafricani, nigeriani e ghanesi. Oltre alle presenze dal Continente Nero, quest'anno si segnalano prenotazioni anche dalla Cina e dall'Est Europeo. Colonie di slovacchi stanno già sbarcando in questi giorni, affollando soprattutto Nyali. A loro si uniscono i tedeschi, con i loro charter della Condor tedesca, e gli inglesi. Nei giorni di Pasqua, ne vedremo proprio di tutti i colori.(16/04/2011)

Polizia stradale ferma moto a Malindi
Brillante operazione della Polizia Stradale di Malindi contro i motociclisti non in regola con le proprie due ruote. Solo nella giornata di lunedì sono state ritirati venti libretti di moto taxi (piki piki) non in regola con assicurazione o non sicure per l'incolumità del conducente, dei clienti e del traffico in generale. La Polizia Turistica ha fatto sapere che la caccia ai motociclisti irregolari andrà avanti anche nei prossimi mesi, alfine di garantire una circolazione più sicura in tutta la cittadina.(15/04/2011)

Rent-a-diva al White Elephant
Opera lirica e umorismo, un connubio raramente rappresentato in scena. Ci provano due autori e rappresentano la loro piéce, dal titolo "Rent-a-diva" a Malindi. Il White Elephant, sempre più polo artistico della costa keniota grazie al vulcanico e creativo Armando Tanzini, presenta venerdì 22 aprile, alle 18, lo spettacolo ideato da Sven e Doreen Ziegler che racconta di una cantante lirica che muove i primi passi nel mondo dell'opera e che cerca l'agente e promoter giusto per sfondare in un ambiente difficile. Arie, recitazione e malintesi da commedia teatrale sono gli ingredienti di questo spettacolo il cui ricavato (kshs 1300 l'ingresso, comprensivo di un drink di benvenuto) sarà devoluto per il progetto sociale "Opera for school fees" in favore di bambini disagiati che hanno difficoltà ad accedere all'istruzione.(14/04/2011).

Ammodernamento ferrovie della Rift Valley

Rift Valley Railways, l'operatore della ferrovia che collega il Kenya all'Uganda, ha annunciato che nell'arco di tre o quattro mesi ricevera' un prestito di 164 milioni di dollari da sei operatori finanziari e dalla banca kenyana Equity, il numero uno del mercato nazionale dei mutui. Il prestito, che servira' all'ammodernamento dell'infrastruttura, sara' spalmato in cinque anni. Una fonte della societa' ha reso noto che saranno in parte sostituiti i binari, realizzati nuovi sistemi di automazione e saranno ammodernati o acquistati nuovi vagoni e locomotive. La compagnia ferroviaria, il cui piu' importante azionista e' la holding egiziana Citadel, gestisce una rete estesa per circa 2.000 chilometri nei territori kenyano e ugandese.(13/04/2011) 

Ex Mau Mau fanno causa al Regno Unito

Quattro cittadini kenioti, oggi ultraottantenni, stanno scuotendo la coscienza collettiva inglese e mettendo in difficoltà il Ministero degli Esteri del Regno Unito. Si tratta di quattro ex partigiani vicini al movimento guerrigliero dei Mau Mau che subirono personalmente violenze inaudite da parte dei soldati britannici poco prima dell'Indipendenza del Kenya (avvenuta nel 1963) e che possono testimoniare riguardo a centinaia di altre torture e sulla presenza, più volte smentita dalle autorità britanniche, di veri e propri campi di concentramento a cielo aperto in Kenya, durante la guerra per liberare il paese da parte dei kenioti nei confronti della colonia europea. Dodicimila i guerriglieri uccisi, mille i ribelli impiccati, centosessantamila quelli rinchiusi nei lager. Un’inaccettabile memoria rimossa, tornata a galla quando - dopo un viaggio del dolore durato cinquant’anni - Wambugu Wa Nyingi, Jane Muthoni Mara, Paulo Nzili e Ndiku Mutua, hanno deciso di affrontare i 6.450 chilometri che dividono Nairobi da Londra per chiedere di essere risarciti e inchiodare il Foreign Office alle proprie responsabilità. Lo studio legale Leigh Day & Co che li rappresenta, sostiene che «questo caso non serve a riaprire antiche ferite, ma deve occuparsi del percorso individuale di quattro esseri umani costretti a sopportare sofferenze indicibili da parte di ufficiali inglesi coperti dai governi del nostro Paese».(12/04/2011) 

Stella Mwangi, icona keniota del pop nordico 

C'è un nuovo fenomeno keniota del pop internazionale. Il suo nome è Stella Mwangi e vorrebbe fare concorrenza nientemeno che a Shakira e al suo Waka Waka. Stella è originaria di Nairobi, ma vive fin da piccola in Norvegia. Sarà stato il freddo a farla ballare e cantare, tant'è che nella nuova patria è già un idolo e ora inizia ad affermarsi anche negli altri Paesi europei. Trascinante la sua partecipazione all'Eurofestival, con la risposta keniota allo "Waka Waka", dal titolo "Haba Haba" (poco a poco, in swahili). Secondo la critica il suo pezzo, un misto di sonorità africane (da canzone pop), cori da stadio e messaggi di autoaffermazione, è una delle migliori presentate quest’anno, fosse solo per l’allegria caciarona che contagia. Karibu nel firmamento pop internazionale, Stella!(11/04/2011) 

Gemellaggio Kenya-Italia nel segno della Malindi United

E' stato ufficialmente siglato il gemellaggio del calcio tra Italia e Kenya, sotto l'egida della Lega Nazionale Dilettanti presieduta dal Vicepresidente della FGCI, Carlo Tavecchio. Ovviamente in questa vicenda che abbraccia i settori a noi cari del sociale, dei giovani e del calcio, c'è lo zampino della Malindi United. In vista della partecipazione in Italia della nazionale keniota Under 18, allenata dal nostro Riccardo Botta, lo stesso Tavecchio ha incontrato l'ambasciatrice del Kenya in Italia Josephine Gaita. Sul tavolo argomenti di grande attualità quali il futuro dell'Africa, lo sviluppo della pratica calcistica in ambito giovanile e la possibilità di cooperazione. L'incontro, venerdì scorso, si è aperto con il ringraziamento del presidente Tavecchio alla Federazione del Kenya per aver accettato l'invito a partecipare al Torneo organizzato dalla Lega Dilettanti: "Sono molto felice che il Kenya abbia risposto favorevolmente a questa occasione di confronto sul campo tra due scuole calcistiche così diverse; personalmente sono molto legato al continente africano e credo che l'apertura di un canale diretto di comunicazione con il Kenya farà bene ad entrambe le squadre". Un segnale chiaro su come la LND stia investendo nella crescita dei suoi giovani, facendoli maturare sia dal punto di vista tecnico che umano. Nell'accogliere la proposta di Tavecchio, l'ambasciatrice ha colto l'occasione per formulare a sua volta un invito al presidente della Lega Nazionale Dilettanti: "Saremo lieti di ospitarvi per un incontro a Nairobi durante le festività per l'indipendenza del nostro Paese il prossimo 12 dicembre; crediamo molto in occasioni di cooperazione di questo tipo che potremo anche estendere alla formazione tecnica su diversi livelli". Nell'ambito dell'invito keniota, la nazionale italiana, con ogni probabilità, verrà a disputare anche un'amichevole con la nostra Malindi United a Malindi.(10/04/2011) 

Carta costituzionale dell'Est Africa

Al piu' presto una Costituzione che ponga le basi morali e giuridiche della Comunita' dell'Africa orientale (Eac). In questo senso si e' espressa l'Assemblea legislativa dell'Eac nel corso di una riunione a Kigali, capitale del Ruanda. In un appello rivolto al consiglio dei ministri, massimo organo decisionale dell'Eac, i parlamentari di Ruanda, Kenya, Tanzania, Uganda e Burundi hanno sostenuto che la Carta costituzionale e' una "necessita' improcrastinabile e rappresenta la via naturale per la realizzazione di una maggiore integrazione interstatale, unica in grado di aprire le porte al raggiungimento di una federazione politica".(09/04/2011) 


La pozione magica di Babu Mwasapile
Si chiama Ambikile "Babu" Mwasapile, è un ex pastore luterano e ha scoperto, a Samunge, un villaggio al confine tra la Tanzania e il Kenya, sulla strada che porta ad Arusha, la panacea per tutti i mali, compreso il cancro. Così pare e le code di macchine e persone, che arrivano fino a trenta chilometri (guardate le foto sul profilo facebook dei suoi fan) lo confermano. La sua fama accresce di giorno in giorno, confermata dai tanti casi di guarigione riscontrati e dai commenti positivi di medici e missionari. L'intruglio di erbe e tisane di Babu Mwasapile è portentoso. I torpedoni e le colonne di automobili attendono di essere visitati e di sorbire la pozione "magica" per giorni interi, tanto che sono stati segnalati alcuni casi di moribondi che non ce l'hanno fatta e sono spirati nella speranza di incontrare lo stregone africano. Caso di suggestione di massa? A sentire la gente e come riferisce il Daily Nation no, ma Babu ha deciso di non rivelare a nessuno gli ingredienti della sua bevanda, che vende a prezzo rigorosamente accessibile alla sua gente, 500 scellini tanzaniani (5 centesimi di euro). Le autorità tanzaniane, che insieme a quelle della dogana keniota, sorvegliano sul fenomeno, hanno analizzato la bevanda escludendo che sia pericolosa per la salute. E anche politici e ricchi commercianti si recano da lui, cercando di avere corsie preferenziali. Alta pressione, diabete, aids. La pozione di Babu Mwasapile il guaritore è un vero fenomeno africano.(08/04/2011) 

Muti in concerto a Nairobi

Si avvera il sogno del maestro Riccardo Muti. E’ stato creato ieri a Piacenza un comitato per promuovere il concerto a Nairobi, il prossimo 9 luglio, dell’Orchestra giovanile Cherubini diretta dal maestro Riccardo Muti e aiutare in maniera costante le associazioni che operano in Kenya. Presidente sarà il sindaco della città emiliana Roberto Reggi e parteciperanno anche gli organizzatori del Ravenna Festival. 
"Si tratta di un’iniziativa che ci rende orgogliosi - ha affermato il primo cittadino  - perché ci vede come capofila. L’obiettivo è accendere i riflettori sulle realtà che già oggi le nostre associazioni aiutano, per permettere di raccogliere più risorse".
Verranno così organizzati tre concerti: il 6 luglio a Piacenza, il 7 luglio a Ravenna e il 9 luglio a Nairobi, nella cornice del popolare Uhuru Park, cuore verde della città. Riccardo Muti dirigerà la Cherubini, a cui si affiancheranno i ragazzi dell’Orchestra Giovanile di Nairobi, con la presenza festante sul palcoscenico della gioventù africana accolta e aiutata dai numerosi missionari italiani (ex bambini di strada provenienti da Kibera e dagli altri slum che si esibiranno con acrobazie, canti e ritmi sulle loro percussioni tradizionali). 
Il programma che prevede un’alternanza di sinfonie, arie e duetti del più popolare repertorio italiano sarà concluso dal coro del ‘Va pensiero’ eseguito da oltre 200 giovanissimi allievi delle missioni italiane a Nairobi coordinati da Padre Kizito e da Nino Valerio, ravennate da anni attivo nella metropoli africana per conto dell’Associazione Volontari per il Servizio Internazionale.(08/04/2011) 

Stagione con poche piogge

Sarà una stagione delle piogge con poca acqua. Questa è l'indicazione dei meteorologi di Nairobi, che ci hanno voluto dare una voce più "ufficiale", anche se meno romantica, di quella dei pescatori di Watamu, che hanno pronosticato l'inizio della bassa stagione dopo le vacanze pasquali. "Sarà una stagione delle piogge con poca acqua, rispetto all'anno passato", fanno sapere dal servizio governativo di meteorologia. La notizia preoccupa specialmente gli agricoltori, ma sembrerebbe far tirare un sospiro di sollievo a quanti l'anno passato hanno subito i danni da allagamenti e straripamento dei fiumi. L'emergenza fu specialmente a nord, dove si contavano interi villaggi sommersi e sulle rive del fiume Tana, cento chilometri a nord di Malindi, dove lo straripamento causò non pochi problemi, non ultimo quello di coccodrilli sulla terra ferma che fecero diverse vittime. Intanto sulla costa keniota ha iniziato a piovere, perlopiù precipitazioni mattutine e serali, come succede solitamente all'inizio della "rain season". "Quest'anno la Pasqua alta e il pericolo di piogge ha tenuto lontano il 50% dei turisti, rispetto all'anno passato - lamenta Sam Ikwaye, presidente dell'associazione degli hotelier e ristoratori del Kenya". Di certo le piogge potrebbero tenere lontana anche una fetta del turismo locale, di Nairobi soprattutto, che a Pasqua è solito fuggire dalla capitale per cercare l'ultimo sole al mare.(07/04/2011) 

Proseguono le attività solidali alla Malindi United

Dopo i tornei nazionali under 18 e quelli scolastici provinciali dei più piccoli, e dopo il sabato di solidarietà con i venti pediatri portati dall'ex arbitro Rodomonti, sono riprese al campo della Malindi United le giornate di solidarietà in cui i ragazzi delle scuole calcio Karibuni-Genoa e Malindi United under 16 incontrano gli orfanotrofi di Malindi. Ieri è stato il turno dell'associazione "Cuore d'Africa", la casa di accoglienza per ragazzi curata dal Karen Blixen bar di Malindi. Si tratta del sesto orfanotrofio che ha preso parte all'iniziativa della Malindi United (oltre a tante scuole elementari). Una giornata come sempre indimenticabile per i ragazzi che hanno conosciuto la nostra realtà di calcio ed educazione. Il lato agonistico e il risultato finale (2-1 a favore della Karibuni Genoa) passano in secondo piano, di fronte al clima di gioia e di cooperazione che si è vissuto. Ora in cantiere per quest'estate c'è addirittura, da parte di malindikenya.net e malindi united, l'organizzazione di un torneo per orfanotrofi del distretto di Malindi. Viva il calcio, splendido e divertente tramite per insegnare ai giovani valori importanti.(06/04/2011) 

Piogge? Dopo Pasqua dicono i pescatori

Altro che colonnelli dell'aeronautica o signorine "touch screen", sulla costa keniota sono i pescatori le autorità più attendibili in fatto di previsioni meteorologiche. E i pescatori di Watamu questa settimana si sono espressi sull'arrivo della stagione delle piogge. In un primo tempo, le precipitazioni nella rift valley sembravano poter annunciare l'acqua sulle rive dell'oceano indiano per la seconda quindicina di aprile, ma i pescatori locali non sono d'accordo. "Le nuvole e il vento dicono che l'acqua potrebbe arrivare anche a fine mese - è il vaticinio di Said Mohammed, proprietario di una barca che ogni giorno salpa da una delle baie di Watamu - noi da un certo punto di vista preferiremmo che la stagione turistica si allungasse, anche se invece chi ha un pezzo di terra, si augura che piova per predisporre i nuovi raccolti di mais e di verdura". Said ha dato le sue previsioni, ma c'è da considerare anche l'umidità crescente e la bassa pressione. Quindi resta la possibilità che la stagione delle piogge inizi intorno al quindici aprile. I tanti turisti locali, kenioti e anche sudafricani e indiani, si augurano che i pescatori abbiano ragione, per potersi permettere vacanze di Pasqua con il sole. Ed è quel che spera anche chi ha già prenotato il Kenya per Pasqua dall'Italia (con volo di linea, perchè come si sa i charter terminano il 18 aprile).(05/04/2011) 

Fertilizzanti gratis ai contadini

Il governo del Kenya ha sbloccato fondi per un valore di oltre 526.000 euro per il finanziamento di un programma che prevede la vendita agli agricoltori di fertilizzanti a prezzi sovvenzionati. Lo ha annunciato il segretario permanente del ministero dell'Agricoltura, Romano Kiome, in una riunione di dirigenti di associazioni di coltivatori nella citta' di Sagana, situata nella provincia centrale di Murang. Kiome ha avvertito che le autorita' attiveranno una serie di dispositivi per impedire che i fertilizzanti siano rivenduti. E ha precisato che team del ministero effettueranno a sorpresa sopralluoghi nelle piantagioni per constatare l'uso effettivo dei prodotti acquistati a prezzi agevolati. (AGIAFRO)(04/04/2011)

Più attenzione alla VAT
Il governo del Kenya sta valutando l'opportunita' di procedere all'eliminazione di alcuni incentivi fiscali e, nello stesso tempo, estendere l'imposizione fiscale ad alcune categorie finora esentate. Il ministro delle Finanze, Uhuru Kenyatta, ha detto in conferenza stampa che le eventuali nuove misure, da inserire nel bilancio 2011-2012, saranno "in parte conseguenza della constatazione dei magri risultati scaturiti dagli incentivi fiscali accordati ad alcune categorie". Il ministro ha anche fatto riferimento alla recente dichiarazione del Fondo monetario internazionale (Fmi) secondo cui il Kenya potrebbe veder crescere di un valore pari a oltre 116 milioni di euro le proprie entrate fiscali, "se solo si decidesse a migliorare il sistema di raccolta dell'Iva e desse un taglio alle esenzioni su alcuni beni importati".(03/04/2011)

Tanto Kenya alla BMT
Saranno molte le attività italiane della costa keniota presenti da domani alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli. Guidate come sempre dal Kenya Tourist Board e anche dai "padroni di casa", il Tour Operator Magik Africa, esporanno il loro prodotto molte attività associate con il nostro portale malindikenya.net: Aqaurius Resort di Watamu, Karibuni Villas di Mambrui, Coral Key e Key Group di Malindi, Lion in The Sun di Malindi, l'agenzia di Safari Ahotsun, Albaclub Sun Palm di Watamu, più Kenya Airways ed un'altra decina tra le attività di safari, hotel ed altri servizi nel campo del turismo. E' una partecipazione di massa che, al termine di una stagione positiva, conferma la voglia dell'imprenditoria italiana in Kenya di investire maggiormente in vista della prossima. Le strutture sopraelencate esporranno negli stand 5109 e 5010 della BMT. Orari d'ingresso: Venerdì 01 Aprile dalle 10.00 alle 18.30. Sabato 02 Aprile dalle 10.00 alle 18.30. Domenica 03 Aprile dalle 10.00 alle 15.00.(02/04/2011)

Il pesce d'Aprile su Berlusconi a Malindi
Dopo Lampedusa, Silvio Berlusconi acquista una villa anche a Malindi. Il clamoroso scoop di malindikenya.net arriva all’indomani della bufera in parlamento e potrebbe non essere un caso. 
Che anche il Presidente del Consiglio si sia deciso a lasciare la Penisola sempre più in mano ai pazzi? 
I residenti malindini ora si augurano che, come promesso ai lampedusani, con le sue immense ricchezze possa trasformare le zone più degradate di Malindi in una nuova Portofino. Certo, c’è da lavorare e non è facile passare l’intonaco color pastello alla ligure sulle capanne di fango, ma sappiamo che il nostro premier non è certo persona che si perde d’animo. 
Secondo indiscrezioni della nostra collaboratrice April Samaki, la villa si troverebbe nel quartiere popolare di Majengo, proprio dietro i locali notturni più noti di Malindi. Che il Cavaliere, deluso dalla poca affidabilità delle sue giovani donzelle europee e maghrebine, stia pensando di rifarsi un harem di colore? Ecco quale potrebbe essere il misterioso “piano colore” di cui il premier ha parlato davanti ai lampedusani. Sicuramente, oltre che realizzare un suo sogno e un desiderio antico del suo amico Emilio Fede, trasformerebbe in realtà il sogno di molti italiani, quello del Cavaliere in esilio.(01/04/2011)

TAGS: