Editoriali

EDITORIALE

Caccia alle streghe o stregoneria mediatica italiana?

La superficialità dei nostri giornalisti fa un solo minestrone di tutto ciò che arriva dal Kenya

10-03-2009 di Freddie del Curatolo

Recentemente su questo portale abbiamo riportato nella sezione “brevi dal Kenya”, senza inutili allarmismi ma con l’asciuttezza propria di chi, per dettami di linea editoriale, si occupa solo marginalmente di cronaca locale e sempre con la sintesi (e l’asetticità se vogliamo) di un’agenzia di informazione di cui il portale è insieme specchio e voce, alcune notizie relative alla “caccia alle streghe” e agli stregoni sulla costa keniota e nell’entroterra.
Un fenomeno ancora isolato ma che, a causa soprattutto della volontà delle nuove generazioni di liberarsi di antichi tabù, potrebbe dilagare con i soliti fenomeni di imitazione. Per fortuna in Kenya ancora non c’è quel terrorismo mediatico basato sull’apologia del crimine, del processo che eleva a personaggio pubblico l’assassino e regala notorietà, visibilità, qualcosa più di una comparsata nella nostra storia contemporanea ad illustri sconosciuti, spesso frustrati e insignificanti esseri umani protagonisti di atti efferati. Per ora i media locali si limitano a riportare le notizie, non passano direttamente al commento. 
Poco tempo fa il quotidiano nazionale “Nation” ha pubblicato un’inchiesta su alcuni omicidi di persone anziane nelle aree rurali legati alla stregoneria. Alcuni di questi fenomeni avvengono perché i giovani hanno comunque paura del malocchio e delle incantagioni di cui si dice gli “witch-doctor” dei villaggi siano capaci. Spesso la microcriminalità, l’adulterio, la droga, il lassismo delle nuove generazioni, vengono ridotti proprio dall’azione dei cosiddetti “muganga” che lanciano anatemi ai presunti colpevoli. Chi, come noi, vive in Kenya ed è informato sugli avvenimenti locali, è in grado di portare a conoscenza del mondo occidentale svariati episodi di cui ha letto sui quotidiani o di cui è stato erudito da polizia o istituzioni. Così ricordiamo le maledizioni ai saccheggiatori di negozi durante il caos elettorale dell’anno scorso (gente colta da dissenterie fulminanti, o paralizzata agli arti superiori) e ben sappiamo che l’autosuggestione porta gli autori dei crimini addirittura a morire di paura e restituire segretamente il maltolto. 
 Avviene spesso con i furti di bestiame. In questo modo la popolarità e il potere di certi “muganga” accresce e come veri sovrani se ne possono approfittare, chiedendo veri e propri “pizzi” ai compaesani, sotto forma di cibo o di favori anche sessuali, o tenendoli sotto giogo in altre maniere. Questo è quel che si dovrebbe sapere, che un buon servizio televisivo o un bell’articolo di giornale dovrebbe fare. Ma in Italia la tv e i giornali sono quello che sono, la peggior informazione possibile, al soldo di un becero sensazionalismo, al soldo dei politicanti che chiedono notizie eclatanti per coprire la loro incompetenza e le malefatte della “casta”, e in competizione con internet che offre la visione di qualsiasi avvenimento. Così ultimamente i telegiornali, invece di rappresentare un’alternativa di seria e di qualità, una legenda di questo mondo difficile in cui un’anarchica bulimia viene scambiata per libertà e non esistono più percorsi educativi credibili, si buttano a capofitto su fatti e notizie presentati solo per colpire lo spettatore, senza approfondire, senza spiegare il contesto.
Ecco perché la “caccia alle streghe” del Kenya è diventata un servizio televisivo osceno in cui da fatto di cronaca di cui non vengono spiegati moventi, contesto ambientale e storico, precedenti e altre concause, si presenta solo l’orrore e perfino la brava presentatrice parla di “fatti che insanguinano il Kenya”, quando invece l’episodio pur gravissimo di qualche giorno fa (3 morti e 8 ustionati) non fa certo parte della quotidianità e si è concluso con 29 arresti. I soliti complimenti al terrorismo fine a se stesso (e agli interessi di pochi) dei media italiani, e un ringraziamento al corrispondente Rai da Nairobi Enzo Nucci, che da mesi ci promette un servizio sulla Malindi che cambia e sulla nostra campagna anti-pedofilia, e invece confeziona splatter alla “youtube” in prima serata, senza nemmeno quel minimo di informazione che lui, in quanto residente in Kenya, sarebbe in grado di dare.

TAGS: Freddie del CuratoloStregoneria KenyaCaccia streghe KenyaMuganga

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Un altro teatro gremito  in Lombardia per il concerto-spettacolo italo keniota di Freddie del Curatolo con la sua band.
Un'altro gran bel colpo per la solidarietà degli italiani in Kenya e per la promozione turistica. Sono stati raccolti, tramite gli ingressi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico e sottolineato da continui applausi del pubblico presente.
Venerdì sera è andata in scena una serata...

LEGGI TUTTO

Il Kenya a teatro. Malindi, Watamu, la savana, i masai, gli italiani, il popolo keniota. "Freddie del Curatolo vi racconta il Kenya" ha esordito sabato sera al Teatro Nuovo Ariberto di Milano con un grande successo. Accompagnato da Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non potevano essere indirizzati meglio, i 5000 euro di incasso della serata di Freddie del Curatolo lo scorso maggio a Treviglio, grazie all'organizzazione di Maxlife e dei commercianti della cittadina in provincia di Bergamo. 

LEGGI TUTTO

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' andata in scena sabato sera a Treviglio, in provincia di Bergamo, la seconda edizione di "Serata Kenya", la kermesse in teatro organizzata dal Luxury Club "Maxlife" che riunisce una trentina di imprenditori del settore del lusso impegnati anche nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Esce in questi giorni in Italia il nuovo romanzo dello scrittore e direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo.
La notizia, se vogliamo, è che questa volta non si parla di Kenya e di Malindi.
Si tratta infatti di una storia...

LEGGI TUTTO

Una serata per il Kenya anche a Capalbio, il borgo in Maremma che conta moltissimi amici di Malindi e di Watamu.
Oltre a questo però Capalbio ospita uno dei più interessanti spazi d'arte e di cultura della zona, Il Frantoio,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO