Editoriali

EDITORIALE

Ci risiamo: basta una rapina in Kenya e i media sbroccano

La cialtroneria di Oggi.it, notizie false e gonfiate sui fatti di Mayungu

23-02-2013 di Freddie del Curatolo

Nel bailamme delle notizie uscite in Italia relative alla rapina di Mayungu (ma veramente in Italia, con tutti i problemi che hanno, non hanno di meglio a cui pensare?), tra gonfiamenti, falsità e "alberizzate" varie, spicca un delirante articolo apparso su Oggi.it per il quale un gruppo di imprenditori e residenti italiani di Malindi e Watamu sta già pensando di attivarsi per vie legali.
La rapina con un ferito (Dino Di Nicola, intervistato in esclusiva da malindikenya.net con cui per fortuna ha riso e scherzato) se per il Corriere della Sera era "in gravi condizioni" (mai citare la fonte della notizia, ovviamente) per Oggi diventa "un assalto con decine di feriti"!
L'estorsione notturna si trasforma in "giornata di ordinaria follia", ma soprattutto il racconto, senza fonti che lo confermino, parla di "vigilantes che rispondono al fuoco sparando".
Ma in che film siamo capitati? Siamo a Los Angeles, a Castellamare di Stabia o dove?
Qui in Kenya non esiste porto d'armi e la security non può essere armata, solo la polizia. Poi si dice che anche Briatore e la Gregoraci hanno paura: intanto sono ripartiti per l'Italia da alcuni giorni, e lo stesso Flavio contattato da Tg5 ha chiarito che Mayungu non è Malindi e che la situazione è comunque tranquilla.
In Italia le persone facoltose vivono in fortezze blindate e spesso hanno il porto d'armi, qui i servizi di sicurezza non sono armati e spesso basta avere una casa protetta da mura e da qualche "askari".
Certo Mayungu è una località insicura perché un po' lontana da tutto. Comunque bisogna fermare in qualsiasi modo la cialtroneria (quando non è malafede, come nel caso del pensionando corrispondente del Corriere) di chi scrive convinto che tanto da Malindi nessuno gli potrà fare nulla.
Parlando con uno dei tanti giornalisti che mi hanno intervistato ieri, tra radio tv e quotidiani, il giovane collega nella sua ingenuità mi chiedeva notizie per "far venire un po' di paura al lettore...lei mi capisce...è questo che mi chiedono dalla redazione".
Posso usare un francesismo? Ma vaffanculo! Tra poco ci saranno le elezioni, mi sento un po' solo a gestire la situazione dal punto di vista dell'informazione, per non rovinare gli interessi, la reputazione e la tranquillità degli italiani in Kenya. Quelli che amano il Kenya ovviamente, gli altri possono restare in Italia a leggere il Corriere e guardare i telegiornali.
 

TAGS: MayunguRapina MalindiNotizie Malindi

Tutto pronto a Casuarina per asfaltare il primo chilometro della strada che porterà al villaggio dei pescatori di Mayungu e da lì, poco alla volta, attraverso il resort Malaika Beach, alla Jacaranda Bay e da lì infine a Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una donna italiana di 71 anni, Maria Laura Satta, è stata uccisa durante una rapina in una casa privata, una villa molto isolata a Kikambala, non lontano da Mombasa. Durante la rapina, avvenuta ieri mattina, è stato ferito in modo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Il Ministro del Turismo keniano Najib Balala ha chiesto subito più sicurezza a Watamu e nelle località turistiche, in vista dell'alta stagione. La tragica fine del medico italiano Rita Fossaceca durante una rapina finita nel peggiore dei modi, ha messo...

LEGGI TUTTO

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

Una messa in suffragio per lo storico proprietario del Casino Malindi, Robert J. Cellini, conosciuto da tutti come Bobby, scomparso un anno fa a 76 anni dopo una breve malattia. (leggi qui la commemorazione di malindikenya.net).
La messa sarà...

Non ci è voluto più di un giorno per vendere la Toyota Amazon per la quale un residente italiano aveva chiesto una cifra più che consona, ma soprattutto per cui aveva lanciato un appello di aiuto (leggi qui...

Sono state tolte nei giorni scorsi le indicazioni di deviazione, il primo tratto (2km) della strada che collega Casuarina al villaggio di pescatori di Mayungu, è definitivamente transitabile 24 ore su 24.
Il progetto, che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mayungu sarà la prossima frontiera del turismo costiero. Il villaggio di pescatori tra Malindi e Watamu si sta evolvendo, tra le ultime compravendite di terreni e immobili (anche personaggi di spicco di Nairobi hanno acquistato plot o abitazioni già esistenti)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia del film che Spielberg avrebbe girato a Malindi era un pesce d'Aprile di Malindikenya.net, WAC, Watamukenya.net e Kenyaoggi.
Tutti i siti e pagine social si sono uniti nello scherzo per affermare che Watamu è bellissima e sicura...anche senza...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra i progetti che il Ministero del Turismo intende lanciare per migliorare l'appeal e i servizi della costa nord del Kenya, c'è anche la strada asfaltata che unirebbe Malindi a Watamu, via Parco Marino e Mayungu. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa volta sembra proprio che ci siamo.
Il Governo di Kilifi ha dato l'appalto a una ditta cinese per i primi lavori di manutenzione straordinaria della strada di Mayungu, che da Casuarina porta a Watamu.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un gruppo di criminali armati ha cercato questa mattina di assaltare un bus del Politecnico di Kwale, in Costa Sud, nelle vicinanze della cittadina di Ukunda.
Secondo le prime ricostruzioni dei testimoni

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi fa Malindikenya.net (leggi qui la notizia) aveva raccolto l'appello degli Honorary Warden di Malindi e Watamu (i residenti italiani e locali che aiutano il Kenya Wildlife Service a proteggere la natura e gli animali, far rispettare...

LEGGI TUTTO

Un portale rinnovato per essere più funzionale per i suoi lettori, che da otto anni sono sempre tantissimi, quotidianamente.
Da oggi Malindikenya.net ha una grafica più semplice, uniforme e al passo con i tempi.
 

LEGGI QUI IL SEGUITO

Per fortuna il Marafiki era un albergo chiuso, e anche per quello le fiamme si sono propagate.
Ma è stato anche l'intervento del gruppo Malindi Against Crime (MAC) e di molti membri dell'associazione MWTWG (tra cui Kilili Baharini, Mwembe e...

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA