Editoriali

EDITORIALE

Ebola: in Kenya meno pericoli che in Italia

Ma per i media è comodo associarlo al Kenya

17-10-2014 di Freddie del Curatolo

Che palle, sì proprio "che palle" dover passare le giornate a chiedere smentite, a tranquillizzare chi sta prenotando una vacanza in Kenya, a rasserenare gli animi di operatori e imprenditori, a parlare con i residenti e chi fa avanti e indietro con Malindi e Watamu.
Tutto per replicare alle "non notizie" della stampa allarmista e terrorista che sventola il virus ebola in faccia ai lettori ad ogni diarrea e vomitata di essere umano nel pianeta.
Ora non si puà più avere una gastroenterite che si rischia di finire in prima pagina come "caso sospetto", non si può nemmeno essere ricoverati senza sapere di stare recando un grave danno al turismo, non certo per colpa delle ostriche andate a male mangiate la sera prima.
Le multinazionali e altre lobby che lucrano sulla paura della gente si sfregano le mani da settimane e i media che aumentano i loro lettori con titoloni ad effetto e spaventevoli si crogiolano. Ormai non è più nemmeno cialtronaggine, è un vero e proprio sistema collaudato: prima si spara la notizia non vera ma solo presunta come dato di fatto, e poi si smentisce, lasciando però online la precedente. Mentre i TG non usano più da tempo il condizionale, così un "potrebbe trattarsi di ebola" diventa "caso sospetto di ebola". Ma che cos'è un "caso sospetto"?
E' tutto e niente: la tosse, ad esempio è un caso sospetto di tubercolosi!
La stanchezza un caso sospetto di osteoporosi, il sonno un caso sospetto di morte. La verità è che la questione Ebola è riesplosa da tre mesi e in questo tempo nessuno dei Paesi confinanti con i 4 che hanno il focolaio (Gambia, Liberia, Guinea e Mali) come ad esempio la Costa d'Avorio o il Senegal, hanno avuto pazienti infetti.
Ormai gli stati sono isolati, anche se sembra (ma è ancora da verificare) che in alcuni casi il virus possa stare anche due mesi in incubazione. In questo caso ricordiamo che i cittadini dei 4 stati arrivati in Italia o italiani rimpatriati sono centoventi volte superiori a quelli entrati in Kenya prima che chiudessero le frontiere.
Ergo: virus eventualmente molto più probabile in Italia che in Kenya. E finiamola di dire e scrivere minchiate per tenere la gente in casa, incollata davanti alla televisione o internet e murata viva nei Centri Commerciali a comperare cose rassicuranti. Ormai il fine delle notizie è solo unicamente guadagnare, non informare. Il nostro obbiettivo è dire le cose come stanno riguardo a Malindi e al Kenya, a mentire non avremmo nessun tornaconto.

TAGS: Ebola KenyaEbola bufalaKenya malattie

Un'italiana, non turista, vola dalla Nigeria a Istanbul (aeroporto di Kano) con la malaria, vomita e viene trattata come un caso sospetto di ebola. Santa precauzione, si direbbe, ci può stare benissimo, anche perché in Nigeria (168 milioni di abitanti,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tour operator, voli charter e compagnie aeree di linea sono pronti: la nuova stagione turistica della costa del kenya partirà regolarmente come l'anno scorso e non sono previsti ritardi né tagli ai voli.
Meridiana dovrebbe aprire le danze per la...

LEGGI TUTTO

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO

Sinceramente non riusciamo più a starci dietro. 
Si è creata una tale catena di disinformazione sul Kenya che ormai qualsiasi pseudogiornalista, freelance e anche qualcuno bravo (è il caso dello scrittore ed esperto d'Africa Raffaele Masto) si sente autorizzato a...

LEGGI TUTTO

Dall'Italia arrivano finalmente spiragli di luce per la costa keniota. 
Dopo una stagione terribile, per colpe non certo di Malindi e Watamu, ma di congiunture astrali mondiali che tra crisi economica, terrorismo internazionale e paure ingiustificate (virus ebola a migliaia...

LEGGI TUTTO

Buone notizie da Berlino per il turismo in Kenya. 
La Borsa Internazionale del Turismo tedesca (ITB) ha premiato il nostro Paese come la seconda miglior destinazione in Africa per quanto riguarda i safari e il turismo ecosostenibile. Una posizione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malaria e virus importanti, a livello di malattie da prendere in Africa, hanno sicuramente la prima pagina, si fanno cliccare e danno visibilità. 
Tornare dal Kenya con l’ebola può essere un motivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni giorno i media keniani riportano proposte, progetti, dichiarazioni e possibilità lanciate da tutte le forze in campo che si stanno adoperando per la ripresa in pompa magna del turismo nel Paese. E' assurdo pensare che il Kenya fino a...

LEGGI TUTTO

I residenti se la godono. 
A cena con i ristoratori di Malindi o nella piscina degli hotelier di Watamu esprimono solidarietà di comodo, fingono di preoccuparsi per la situazione ed elargiscono gratuite pacche sulla spalla: “vedrai, il Kenya si riprenderà”,...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

NON VADO PIU’ A MALINDI perché c’è l’Ebola in Sierra Leone
NON VADO PIU’ A MALINDI perché c’è il fermo pesca in Giappone 
NON VADO PIU’ A MALINDI perché in Botswana un contadino si è tagliato un dito ed è...

LEGGI TUTTO

Devo ammettere che mi riconosco sempre più nella canzone di Giorgio Gaber "Io non mi sento italiano", soprattutto quando dice "...ma per fortuna o purtroppo lo sono". All'estero e in un Paese "al di sopra di ogni sospetto" come il...

A Malindi e sulla costa keniana le piogge sono attese come una manna dal cielo. La siccità ha fatto danni estremi, alla terra e agli allevamenti.
Sono già morti capi di bestiame e molte piante si sono ridotte a rami...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno studio dell'Università di Los Angeles conferma anni di studi e secoli di dicerie e leggende locali: il pesce crudo dell'oceano indiano (sailfish, red snapper, dorado, kolekole) fa bene soprattutto alle persone in età avanzata, più di altri tipi di pesce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata importante all'Ocean Beach Resort di Malindi, alla luce del calo consistente di turismo soprattutto italiano a Malindi e Watamu.
Il Governo del Kenya da alcuni mesi ha istituito una Task Force, ovvero un comitato di "saggi" coordinati dal...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è flagellato dalla siccità.
Mentre il Governo centrale di Nairobi sta pensando di chiedere la calamità naturale alle Nazioni Unite, per avere stanziamenti straordinari e fronteggiare un'emergenza senza precedenti, nell'entroterra della costa arrivano i primi segnali di un...

LEGGI TUTTO