Editoriali

EDITORIALE

Gli ori di Pechino e il rosso di Kenya Airways

Splendori e paradossi di un Kenya che viaggia a due velocità

02-09-2015 di Freddie del Curatolo

Kemboi, Cheruyot, Bett, Rudisha, Yego, Jepkemoi, Kiprop.
Non è uno scioglilingua del lago Baringo e nemmeno l’invocazione di uno stregone samburu. 
Sono i sette atleti del Kenya che, conquistando la medaglia d’oro ai recenti campionati del mondo di atletica di Pechino, hanno portato il loro Paese sulla vetta del mondo, grazie anche a sei medaglie d’argento e tre di bronzo.
E’ un Kenya che fa parlare di sé, finalmente, non soltanto per i guai con la vicina Somalia e per le esagerazioni dei media che consigliano al nostro uomo immagine di indossare un giubbotto antiproiettile ad un incontro pubblico con politici (roba che nemmeno ai tempi di Kissinger a Mosca). 
Perfetta coincidenza di tempi, avrebbe detto Sandro Ciotti. 
Che fosse tutto previsto, noi che viviamo qui, non ci crediamo: ma cade a fagiuolo la settimana del Kenya all’Expo di Milano, con la giornata di “Expo Kenya Running”. Due gare non competitive nel segno del “Paese che corre” e tanti campioni presenti.
In un mondo in cui correre è diventata una filosofia di vita, non più solo uno sport o un tenersi in forma, il Kenya non poteva sperare di meglio per rilanciare la sua immagine pacifica e pulita (ombre di doping escluse, ovviamente).
Il rischio, però, è che questi ulteriori trionfi, queste belle immagini, siano fumo negli occhi, polvere che dalle suole dei grandi mezzofondisti della Rift Valley, si solleva per coprire costumi un po’ meno sudati e un po’ più malsani delle tutine attillate di Rudisha & co.
Sì, perché il Kenya continua a viaggiare a due velocità.
I record nell’atletica si sommano ad un PIL sempre lusinghiero e all’economia florida che invita imprese di tutto il mondo ad investire, portare capitali ed esperienza a Nairobi, ma dall’altra parte qualcosa inizia a scricchiolare, per la fame atavica di una classe politica che non sa e non vuole guardare lontano.
L’esperto Luis Franceschi, decano della facoltà di Giurisprudenza di Nairobi, analizzava qualche giorno fa sullo Star la situazione paradossale della compagnia aerea di bandiera. 
La Kenya Airways, “orgoglio dell’Africa” come recita il suo slogan, versa in una situazione problematica, sommersa da debiti incredibili (perdite per 274 milioni di dollari nel bilancio 2014) nonostante abbia le stesse potenzialità di una Ethiopian Airlines che in pochi anni l’ha surclassata, presentando un attivo di 113 milioni di dollari, raddoppiando le destinazioni nel mondo e soprattutto potendo permettersi di ridurre i prezzi delle tratte interafricane. 
Cose che Kenya Airways non ha nemmeno preso in considerazione, continuando a perdere quota anno dopo anno.
E’ lampante vedere come alla vigilia di questo importante momento di immagine mondiale (o quantomeno europea) del Kenya, con la settimana all’Expo a cui parteciperà anche il Presidente Uhuru Kenyatta, le delegazioni politiche, diplomatiche, mondane, sportive, commerciali e turistiche che parteciperanno alle giornate milanesi, dovranno recarsi probabilmente con Ethiopian, con Turkish Airlines o con compagnie del mondo arabo in Italia, per la mancanza di un volo diretto tra Nairobi e l’Italia, terzo partner turistico del Kenya dopo Stati Uniti e Inghilterra, e in ascesa come investitore, considerate le aziende e le imprese che stanno arrivando e la mole di lavoro della nuova Camera di Commercio Italia-Kenya tra Nairobi e Roma.
Kenya Airways potrebbe rappresentare un’eccezione per l’economia keniana, e ce lo auguriamo, ma suona anche come un campanello d’allarme. Altri vanti di un Kenya che vuole correre verso il top, come la compagnia telefonica Safaricom che ha fatto notizia in tutto il mondo per la geniale invenzione di Mpesa, il sistema di pagamento via cellulare, potrebbero presto seguirla, e così altre compagnie minori, travolte da scandali, bisticci e ingerenze. 
Secondo Franceschi il grosso problema di questo Paese è la crescita disomogenea, ma soprattutto l’eterno conflitto d’interessi tra pubblico e privato. MP, ministri e governatori locali sono spesso i proprietari delle grosse aziende che dovrebbero muoversi con il Paese per garantire una crescita uniforme e il cosiddetto, ormai quasi utopistico, sviluppo sostenibile. 
Facendo correre gli altri e stando fermo a vedere cosa succede non vai da nessuna parte, specialmente se non metti in condizione di aspirare a una medaglia d’oro o di bronzo quanti più concittadini.
I mitici Asbel Kiprop, David Rudisha e men che meno Vivian Cheruyot, non sarebbero riusciti a qualificarsi nemmeno per le batterie eliminatorie di Pechino, correndo con un parlamentare in spalla.


 

TAGS: Kenya Airways rossoKenya atletica

Un grattacielo di venti piani in riva all'Oceano Indiano.
Sorgerà a Malindi, sulle macerie dell'ex villaggio turistico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le compagnie di bandiera italiana e keniana, Alitalia e Kenya Airways, hanno raggiunto nei giorni scorsi un ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo gli arrivi dei charter della compagnia TUI dal Belgio e dall'Olanda, e i voli programmati a partire dal prossimo 9 dicembre della Qatar Airways, l'aeroporto internazionale Moi di Mombasa potrebbe nel prossimo futuro essere collegato direttamente con Londra, grazie...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Stava andando ad allenarsi, Nicholas Bett, tra le sue montagne nell'alta Rift Valley del Kenya.
L'ex campione mondiale dei 400 metri ad ostacoli, oro a Pechino 2015, aveva...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un nuovo amministratore delegato per il rilancio della compagnia aerea di bandiera del Kenya.
Il polacco Sebastiano Mikosz prende il posto del dimissionario Mbuvi Ngunze che ha guidato Kenya Airways negli ultimi due anni, in un difficile periodo di transizione dopo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia aerea Qatar Airways ha annunciato che dal prossimo 11 Dicembre aprirá la rotta.....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una decisione storica, quella della compagnia di bandiera keniana Kenya Airways, di tornare a volare da Nairobi a Mogadiscio.
Annunciata nelle scorse settimane, la rotta dalla capitale del Kenya a quella della travagliata nazione confinante, sarà operativa da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento costruito ad arte per uno dei più grandi campioni dei nostri tempi in grado di abbattere...

LEGGI L'ARTICOLO

Jambojet, la compagnia low cost di Kenya Airways, ha preso in leasing un nuovo velivolo, un Bombardier da 78 posti, per poter servire all'occorrenza da Nairobi gli aeroporti di Malindi e Ukunda (Diani) senza creare disservizi come avvenuto durante le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia di bandiera keniana Kenya Airways ha annunciato che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ventata di speranza che dalla prossima estate si possa volare da Roma a Malindi, con un...

LEGGI L'ARTICOLO

Un San Valentino per tutti, all’insegna del piacere di stare insieme, in una delle cornici più eleganti ed esclusive di Malindi.
 Amore non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un improvviso sciopero dei dipendenti dell'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi, annunciato poche ore prima di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Non ci saranno più Boeing 737 MAX nei cieli del Kenya, così come in Europa.
Gli...

LEGGI L'ARTICOLO

A partire dal 25 marzo 2018, i clienti Air France potranno volare verso Nairobi (Kenya) da Parigi-Charles de Gaulle grazie a 3 nuove frequenze settimanali.
I voli saranno operati da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un comunicato ufficiale della compagnia di bandiera keniana Kenya Airways avverte che da...