Editoriali

EDITORIALE

Kenya tra non riapertura e regole non rispettate

Nairobi da blindare e preoccupazione anche sulla costa

19-06-2020 di Freddie del Curatolo

E’ difficile, adesso come adesso, pensare alla riapertura totale del Kenya il prossimo 6 luglio.
Questo è il sentore che traspare in via ufficiosa dagli ambienti nazionali che dovrebbero iniziare a prepararsi per tornare alla completa normalità.
Nel discorso che accompagnava la sofferta decisione di proseguire nelle restrizioni per altri 30 giorni, lo scorso 6 giugno il Presidente Kenyatta aveva dettato alcune tappe di dialogo e confronto tra vari settori che avrebbero dovuto stilare programmi per una lenta riapertura, una sorta di “fase due” cauta e avveduta, da gestire con una sinergia tra pubblico e privato.
Gli incontri e le discussioni avvenute da allora fino ad oggi non hanno contribuito a chiarire se e quando i famosi “protocolli” per la ripartenza saranno svelati.
Ma andiamo per ordine: per prima cosa, dando un limite di una settimana, Kenyatta aveva citato la riapertura e la riorganizzazione dei luoghi di culto. Chiese e moschee avrebbero dovuto essere operative già da domenica scorsa, ma a quanto pare, pur essendo aperte, non accoglieranno i fedeli nemmeno questa domenica, per i cattolici, e in tutti gli altri giorni, per quanto riguarda gli islamici.
I numeri dei casi positivi al Covid-19 di questi giorni, in crescita esponenziale anche relativamente ai tamponi eseguiti nel Paese, stanno ulteriormente mettendo in allarme il Governo, soprattutto a Nairobi, che poi è “caput mundi” per le alte sfere della politica nazionale.
Pensare ad una riapertura dei cieli il 6 luglio, e particolarmente dell’aeroporto internazionale Jomo Kenyatta è improponibile al lato attuale. Da fonti interne agli ambienti delle compagnie aeree, si prevede un prolungamento del lockdown di almeno 15 giorni per poi pensare alla riapertura a livello nazionale in vista anche delle ferie di agosto, che almeno salverebbero il turismo locale nelle destinazioni costiere. Ma anche in questo caso, sarà fondamentale vedere la diffusione del virus nella capitale, perché dall’altra parte potrebbero essere le Contee di mare a rifiutare gente proveniente dalle zone a rischio, o quantomeno a richiedere il certificato Covid free.
“Da quando il Governo ha fatto riaprire le nostre frontiere – ha detto due giorni fa il Governatore della Contea di Kilifi Amason Kingi – abbiamo registrato il record di casi in un solo giorno, ben 7. Ora siamo a 34 casi da quando è scoppiata la pandemia e purtroppo la nostra gente non ha compreso che il contagio è possibile anche qui. Fa male al cuore vedere tanta indifferenza”.
La preoccupazione in questo momento mette in secondo piano ogni discorso economico e velleità turistica, anche perché nonostante si continui a morire pochissimo e ad avere l’ottanta per cento di asintomatici, non si può sapere fino a che numeri e a che tipo di emergenza sanitaria si potrà arrivare. Tra i Paesi del Continente Nero che non sono riusciti a contenere la diffusione del coronavirus, ad esempio, c’è il Sudafrica che è arrivato a più di 80 mila casi, così come sarebbe interessante sapere cosa realmente accade in realtà come Tanzania, Burundi e Zimbabwe che hanno bloccato la trasmissione quotidiana dei dati all’Organizzazione Mondiale della Sanità. La Tanzania, in particolare, è ferma al 29 aprile scorso quando aveva contato solo 500 positivi e nel Paese confinante la vita procede come se niente fosse. Guardacaso però tra i camionisti che cercano ogni giorno di entrare in Kenya attraverso le dogane di Lungalunga e Namanga, c’è un’altissima percentuale di positivi, anche se quasi tutti asintomatici. Per l’Africa, in questo momento, più che per ogni altra realtà, sarebbe fondamentale avere la certezza che le persone affette da Covid-19 ma asintomatiche non trasmettono il virus. Potrebbe essere la salvezza di Paesi dove far rispettare le regole, più per povertà e abitudine che per ignoranza e lassismo, è davvero un’impresa.

TAGS: riapertura kenyacasi kenyaturismo kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Aumentano i casi, si sfiorano i 400 positivi in sole 24 ore e adesso la riapertura del Paese e dei ...

LEGGI L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO

Clicca sul file allegato per scaricare e leggere il protocollo del Ministero del Turismo del Kenya...

LEGGI TUTTO

Nel giorno della riapertura ai viaggiatori internazionali, il Kenya ha registrato 723 casi positivi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Situazione sempre più sotto osservazione in Kenya, da parte del Ministero della Salute e di...

LEGGI L'ARTICOLO

Presto dovrebbe esserci un comunicato ufficiale del Governo keniano su una riapertura parziale...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è uno dei nove Paesi più sicuri dove viaggiare in tempi di Covid-19, per lavoro o vacanza, secondo...

LEGGI L'ARTICOLO

Massimo storico di casi nel Paese, minimo storico sulla costa.
Quello che sembra...

LEGGI L'ARTICOLO

Percentuali sempre rassicuranti, ben sotto il 5 per cento in Kenya nell’ultimo bollettino diramato dal ...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre il Ministero della Salute keniana è impegnato a respingere al ...

LEGGI L'ARTICOLO

In Kenya una vera e propria “emergenza pandemia” non si è mai verificata, ma ad oggi si ...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è niente di sicuro sotto il cielo del Kenya, e non potrebbe essere altrimenti in un...

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora troppe incertezze sul futuro dei viaggi organizzati per il Kenya dall’Italia...

LEGGI L'ARTICOLO

The New Normal, “La nuova normalità”. Con questo motto il Ministro del Turismo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi, presumibilmente questo pomeriggio, il Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Covid-19 non è uno scherzo in Kenya e la riapertura, per quanto rappresenti una boccata...

LEGGI L'ARTICOLO