Editoriali

EDITORIALE

L'effetto B & B: Malindi sì, Malindi no

Meglio la Malindi dei Vip o la Malindi dei turisti per caso?

20-12-2012 di Freddie del Curatolo

L'effetto B&B ha aumentato i lettori di Malindikenya.net e ha anche scatenato un florilegio di e-mail alla redazione che sta diventando un vero e proprio dibattito. B&B ovviamente non sta per "bed & breakfast", ma per la premiata (dai paparazzi) coppia Briatore-Berlusconi.
Non tanto per i due tycoon in quanto tali, la discussione verte su "dove va Malindi" con lo sbarco di vip e di una "certa" Italia.
La prima cosa che viene da chiedersi è dove andava prima, dov'è sempre andata. I moralisti della crociata anti-Manuela Arcuri o anti-Valeria Marini o gli indignados che si vedono accerchiati dai politici in quota UDC e PDL saranno mica gli stessi che fino a poco fa ci fustigavano per i pedofili e i latitanti?
Non sarà che il problema sono in generale gli "italiani da esportazione"?
Il fatto è che ci si cristallizza facilmente su quelli che hanno fatto già danni in patria. Sempre si tace su coloro che invece in Italia non riescono più a lavorare onestamente e campare decentemente, che non vedono più in giro da tempo dignità, che non trovano più gratis nemmeno un sorriso.
Di queste persone anche abbonda Malindi, e decine d'altre con le stesse istanze nel cuore ci scrivono settimanalmente e vorrebbero trasferirsi qui.
Gli "invisibili" sono sempre più numerosi. Vivono in buona sintonia con la popolazione locale, li aiutano e ricevono spesso in cambio rispetto.
Più di quelli che ancora resistono in maniera misteriosa, dato che non fanno altro che lamentarsi. E magari scriverci una mail. Meglio la Malindi dei Vip o la Malindi dei turisti per caso? Meglio la Malindi di Briatore o quella del pensionato tutto discopub e slot machine? Come se Malindi fosse tutta qui.
Se è vero che sono ormai tre decenni buoni che Malindi è un ricettacolo d'Italia e l'Italia vive di mode, per fortuna passeggere, la punta dell'iceberg ci ha stufato e alla fine non è tanto Malindi in sé il problema, ma il fatto che chi rimane in Italia non si faccia i cavoli suoi e venga qui in cerca di chissà quale scandalosa novità. Così ha fatto una giornalista aziendalista e priva di creatività che ha confezionato un tristissimo servizio per La7, così si ostinano a fare periodici e quotidiani campioni di banalità.
Ora è il tempo dei politici e dei personaggi televisivi, che hanno sostituito evasori e reduci di Tangentopoli degli anni Novanta o ex terroristi e commercialisti degli anni Ottanta...luoghi comuni magari ma sicuramente quella parte d'Italia che da sempre fugge.
Semmai sono le brave persone, chi sceglie la Natura, la deriva sociale, chi ama l'Africa e il Kenya per come erano e non per come potrebbero diventare, ecco quel tipo di italiani arrivavano negli anni Sessanta e arriveranno sempre.
Malindi ha sicuramente preso una strada che potrebbe portare al benessere generale, se al business si aggiungessero servizi per la popolazione locale.
Noi stranieri non possiamo sempre e solo attaccarci al fatto che "loro non fanno niente per la propria Nazione".
Per me, personalmente, il bello di Malindi è poter lavorare grazie agli italiani ma poter vivere grazie ai kenioti.
In cinque minuti da Casuarina sei in luoghi che il 90% dei miei connazionali non conoscono e che sono il mio rifugio ideale.
Che poi in centro ci sia Paolo Bonolis o Gino Paoli, che scenda dall'aereo Silvio o ci salga Belen, poco m'importa.
Meglio loro del puttaniere da quattro soldi che fa miglior pendant con le strade statali del Lombardo Veneto.
Ormai siamo una piccola colonia, in cui in pochi chilometri quadrati è condensato il meglio e il peggio di un'Italia da rotocalco. Dove però almeno non ci si suicida per Equitalia, non si uccidono moglie e figlia in preda alla furia da stress o da cocaina e non si viene bombardati da televisione, consumismo e tecnologia.
Non ancora.
Per quanto riguarda i nuovi arrivi...avremo i buoni e i meno buoni, e sinceramente credo sarà sempre così. Questo è il nostro ex Belpaese, e una piccola colonia non può che somigliargli.
Perché, come cantava il grande Lucio Dalla "senza grande disturbo qualcuno sparirà, saranno forse i troppo furbi, o i cretini d'ogni età".

TAGS: Berlusconi MalindiBerlusconi KenyaMalindi Vip

Il Kenya è sempre più un paese per ricchi.
Sopratutto è nei desiderata dei billionari, che iniziano ad apprezzare il lusso e gli affari da fare a Nairobi, la quiete delle riserve nazionali come Maasai Mara e Samburu e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mai come quest’anno Malindi e la costa keniota hanno suscitato interesse dei media nazionali per l’affluenza di Very Important Persons. Politici, uomini di sport, spettacolo, cultura (poca) e mondanità (tanta) hanno fatto parlare di sé tra noci di cocco, aragoste...

LEGGI IL RACCONTO COMPLETO

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO


Silvio Berlusconi a Malindi: ecco il passo avanti! 
Chissà se poco a poco Flavio Briatore diventerà geloso. Sì, perché se prima il Tycoon era il personaggio più "in" di Malindi, il più ricercato e ambito da paparazzi e videocamere,...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Alberto Sordi, lo sappiamo bene, non ha inventato niente. 
Malgrado i tentativi sgraziati o meno di ripulire il retroterra, di fabbricarci un nuovo pedigree di viaggiatori a-là-page, noi italiani rimaniamo sempre i simpatici buffoni che il mondo vede in giro...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

Una bella vacanza in Kenya per l'attrice di Hollywood Naomi Watts, tra Nairobi e la Rift Valley.
L'icona britannica, protagonista di "Mullholland Drive" e "King Kong" e della nuova serie Tv "Gipsy" su Netflix, si è concessa il meritato riposo dopo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rammarico è che quest'anno i turisti avrebbero potuto essere molti di più, se solo le compagnie aeree ci avessero creduto maggiormente.
Non solo quelle del cosiddetto "turismo domestico", che hanno lasciato a casa almeno 400 persone da Natale ad...

LEGGI TUTTO

Di quale Kenya vorrà parlare il giornalista e anchorman Gad Lerner, all'interno del suo nuovo programma "Ricchi e Poveri" che esordisce domani sera, domenica 12 novembre, in seconda serata su Rai Tre?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Freddie e Sbringo a Como, show prima di tornare in Kenya
Un assaggio italiano dello spettacolo malindino dell'anno, prima di tornare in Kenya (lunedì prossimo). Questo il programmino di stasera per Freddie del Curatolo con il fido musicista Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

E’ partita Naomi. 
Non che in molti l’abbiano vista quando è arrivata (ma poco tempo fa è arrivato anche Bono degli U2 nella Beauty Farm di Briatore e Chenot, peccato non averlo incrociato, gli avrei proposto un duetto su “Na...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

L’arma più pericolosa rintracciabile sulla terra, quella più subdola, violenta, silente e inesorabile, è senza dubbio la mano dell’uomo. 
E’ l’unica capace di cancellare in pochissimo tempo millenni di storia, di usi e costumi, di pace e dominio della Natura,...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

La serata-evento di sabato 25 giugno, con la mostra "Mijikenda" di Leni Frau e lo spettacolo di racconti, poesie e canzoni di Freddie del Curatolo, ha rinsaldato una sorta di gemellaggio che unisce due realtà solo apparentemente agli antipodi: Malindi...

LEGGI TUTTA LA STORIA

ARCHIVIO

Luglio 2013

Tutte le notizie del mese

di redazione

Koimur, il professore keniota che vive sulle piante
Si chiama Nixon Koimur di 32 anni che vive vicino ad Eldoret, ma non vi abita. E’ un ecologista per vocazione che ha sbalordito molti per far crescere delle piante in meravigliosi...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Il nostro Eugene in Sudafrica
Il grande giorno per Eugene Moses, talentino sedicenne cresciuto nella Malindi United, è arrivato. Il ragazzo, uno dei migliori studenti dell'accademia e già capitano della Karibuni-Genoa, è stato convocato nella nazionale Under 17 del Kenya...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Rispolveriamo un brano da noi tradotto, tratto da un divertente, ironico e ormai introvabile libretto del giornalista e scrittore keniano Binyavanga Wainaina, che prende in giro i luoghi comuni degli scrittori occidentali che si cimentano con l'argomento africa.

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

ARCHIVIO

Ottobre 2012

Tutte le notizie del mese

di redazione


"Sotto una lanterna africana" 
Uscirà per l'editore Liberodiscrivere di Genova, il prezioso volume fotografico con diversi contributi scritti, che racconta la splendida avventura delle scuole calcio del Genoa e della Sampdoria a Malindi e Watamu. Il libro, che ha...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE