Editoriali

L'EDITORIALE

L'elefante attacca per paura se avvicinato

Quella del povero Nando è stata una grave imprudenza

20-09-2016 di Freddie Del Curatolo

Come spesso accade, al dispiacere per la perdita di una persona che si conosceva da anni, si aggiunge la tristezza di vedere mal gestite, distorte se non manipolate le notizie che riguardano il fatto di cronaca scaturito dalla sua scomparsa.
Il povero Ferdinando Mocciola, per tutti a Malindi semplicemente "Nando", per alcune testate italiane è stato vittima dell'aggressione di un "elefante agguerrito" se non addirittura di un "pachiderma killer", che lo avrebbe deliberatamente schiacciato, ebbro di cattiveria. 
In realtà le cose sono andate diversamente e chi è esperto di savana o avvezzo all'Africa e dotato di un minimo di buon senso, lo può immaginare. 
La vicenda peraltro è stata confermata in egual maniera dai tanti testimoni della tragedia, oltre che dall'attivo personale dello Swara Camp che ha cercato prima di dissuaderlo dall'avvicinarsi all'elefante e in un secondo tempo (sapendo come fare) ha fatto fuggire l'animale, evitando che potesse tornare su di lui. 
C'è la percezione che Nando sia sceso al fiume ben sapendo il rischio che stava correndo e probabilmente è stato questo rischio a dargli l'adrenalina necessaria a vincere la paura, a fargli ignorare le avvertenze di tutti e ad approfittare di un attimo in cui moglie e amici erano nelle tende e il personale nella sala delle colazioni per sgattaiolare giù per il sentiero che conduce al fiume. 
E' forse una fine meno gloriosa di quella dei tanti "base jumper" che ultimamente sono morti schiantandosi sulle rocce con le loro tute alari, ma l'adrenalina che sale è più o meno simile. E anche il tremendo risultato finale.
La sfida alla natura è insita nell'animo umano, ma deve avere un senso. 
Stuzzicare un animale selvaggio quindici volte più pesante di noi per fare due foto con il telefonino non è uno sport, non reca nessun tipo di gloria.
Non si deve fare e basta. Ci sono regole ben precise nella savana: gli animali ignorano l'uomo o ne hanno paura, anche quelli più grossi e forti di noi.
E' questa la grande fortuna del genere umano e nei secoli ha fatto sì che la nostra razza non si estinguesse ma che, anzi, continuasse ad evolversi e fare grandi scoperte, guerre, opere immortali e danni quotidiani fino ad oggi.
A parte un carnivoro affamato, nessun animale se non avvicinato o molestato, aggredisce per primo.
Fare un safari è una delle esperienze più emozionanti della vita, ma è anche l'ingresso in un mondo in cui bisogna entrare in punta di piedi, in silenzio, stare ai margini e rispettare abitudini ancestrali.
Dobbiamo essere solo grati agli animali, alla Natura, di farci assistere a questo spettacolo e non comportarci da sconsiderati padroni della terra.
Allo stesso modo però è stupido e superficiale parlare di "Africa pericolosa" o di "animali aggressivi" o assassini, quando accadono episodi del genere. Sono loro ad avere più paura, e non perché gliel'ha messa addosso qualcuno.
E' così da sempre.
E' che viviamo nella società mediatica del terrore, dove regna la paura di ogni cosa. 
Come dimostra la triste vicenda di Nando non è la paura cieca che bisogna coltivare ed insegnare ai nostri figli, paura che l'ignoranza può solo trasformare in azioni incoscienti. 
Sono la conoscenza, l'approfondimento, la cultura e la curiosità consapevole che ci salveranno. 
Se mai vorremo salvarci.

TAGS: elefantiSwara Camp savanaFerdinando Mocciolaelephant kills

Prosegue con successo l'iniziativa di Malindikenya.net e Swara Osteria Camp "Vivi la magica Savana con noi".
(Leggi qui dell'iniziativa e delle condizioni).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Voleva scattare una fotografia ravvicinata all'elefante che si stava abbeverando sulla riva del Galana e ha commesso l'errore di avvicinarsi troppo all'animale. 
Così è morto ieri mattina Ferdinando "Nando" Mocciola, lodigiano sessantaseienne, villeggiante italiano molto conosciuto a Malindi.
Nando era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Safari da Malindi e Watamu da quest’anno è decisamente più “friendly”, nel segno della professionalità e del piacere di vivere un’esperienza che merita di godere dei migliori servizi a prezzi accessibili.
 

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

"Magda, Caterina, Nicola e Lucrezia ringraziano tutti coloro che, con il loro affetto e il loro calore, li hanno confortati e supportati e sono stati vicini al loro dolore in questo tragico momento". Queste le parole affidate a Malindikenya.net dalla famiglia...

LEGGI TUTTO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Da oggi il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo, ha un nuovo proprietario. L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo safari. Il...

LEGGI TUTTO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Conservatorio di Musica di Nairobi, dopo un anno, sarà di nuovo a Malindi il prossimo venerdì 18 novembre, con tutti i suoi musicisti.
Il concerto si terrà presso il White Elephant Art & Creativity Lodge, a partire dalle 18:00. Il White Elephant...

LEGGI TUTTO

Lo Shoroa River Camp rinasce sulla sponda del fiume Galana.
In pochi mesi lo storico campo tendato dell’esperto di savana Simone Trentavizi situato alle porte dello Tsavo Est, che per anni ha accolto moltissimi turisti ed è diventato una delle...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Un Medical Camp per i malindini, venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile allo Star Hospital, con visite specialistiche di cardiologia, oncologia e ortopedia (spina dorsale e ossa). E' un'iniziativa della clinica cittadina in collaborazione con l'Ospedale superspecialistico di Nuova...

In questi giorni il Kenya Wildlife Service, secondo quando annunciato, doveva compiere un censimento degli animali presenti all'interno del Parco Nazionale dello Tsavo. Una conta davvero importante, perché l'eccezionale e tragica siccità di quest'anno sta purtroppo mettendo in pericolo la...

LEGGI TUTTO

Lo chiamano il corridoio. 
Ma non è quello con le mattonelle a rombi di una vecchia casa, nobile o di ringhiera che sia, con la padrona anziana che lo asfalta avanti e indietro con le pattine ai piedi. 
Questo è...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

La savana è la materia. 
E’ ciò di cui siamo fatti tutti e da cui tutti proveniamo. 
Non sono solo i mesozoici elefanti e le grottesche giraffe a ricordarcelo. 
Ce lo dicono le improvvise colline che sono frammenti della Rift...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi ama l'Africa, la savana e la sua natura, ci sono emozioni ancora più profonde e indelebili della normale estasi dell'osservazione.
Sabato pomeriggio, 7 Febbraio, eravamo soli con la nostra macchina alla pipeline davanti allo Tsavo Lodge ed abbiamo...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO