Editoriali

EDITORIALE

L'università di Garissa e la paura ad ogni costo

I mussulmani di Malindi: "Siamo prima kenioti, poi islamici"

03-04-2015 di Freddie del Curatolo

“Noi qui i somali non li facciamo arrivare, anche se sono mussulmani come noi. 
Noi siamo prima kenioti e poi islamici”. 
L’amico Ahmed Ali Hassan (che forse ha altri sette otto nomi dello stesso tenore ma evita di snocciolarmeli) mi chiede di dire agli italiani che Malindi non può essere minimamente paragonata a quel che succede ormai da anni nel nord del Kenya, soprattutto al confine con la Somalia.
“Intanto voi giustamente avete paura in quanto cristiani – ammette – perché non sapete che i somali non ce l’hanno con voi occidentali, e soprattutto non sono integralisti come quelli siriani o iracheni. Loro ce l’hanno con i keniani perché hanno invaso i loro territori. Attaccando l’Università di Garissa hanno voluto attaccare le nuove generazioni di keniani benestanti. Per andare all’Università devi avere una famiglia ricca, qui una persona normale non se lo può mica permettere. 
E i ricchi sono sempre in qualche modo collegati con le istituzioni”.
Ahmed mi spiega cose che già so e che da anni cerco di far capire a chi mi scrive preoccupato, ai turisti che cancellano le loro vacanze in Africa, magari sognate fin da quando erano bambini. 
Mi sono anche un po’ stancato di passare da difensore ad ogni costo di questo paradiso che non ha mai avuto a che fare con il terrorismo, che anzi insegna da anni la serena convivenza tra islamici e cattolici, ma anche indù, animisti, buddisti e protestanti. 
Non devo difendere nulla, non sono pagato da nessuno e la mia vita non è condizionata dal numero di turisti che frequentano Malindi e Watamu. 
Io semplicemente vivo qui, questa è casa mia e se solo mi sentissi più in pericolo qui piuttosto che a Torino, Pescara, Marsiglia o Budapest, avrei già fatto le valige. 
Anche perché una delle cose che amo più di questo posto è la tranquillità. 
Vivo nel quartiere arabo di Malindi, a Shella. Rispetto e sono rispettato e non ho mai avvertito ostilità per il colore della pelle o per la presunta appartenenza a un Dio diverso da Allah. Cosa che ad esempio in Italia, a ruoli invertiti, ho sempre notato.
Certo, ultimamente ho le antenne più dritte, ma solo perché non mi piace fare l’ottimista a tutti i costi e perché non c’è più sicurezza di nulla, i tentativi di imitazione ed il malcontento giovanile crescono con una velocità incredibile dappertutto. 
Se una volta per fare casino imitavi il Nazismo o le Brigate Rosse, oggi i punti di riferimento per una certa gioventù possono essere proprio i radicali islamici.
Oggi il mondo gira così, non si è più sicuri da nessuna parte, ma io non mi stancherò mai di dire che non mi sono mai sentito così tranquillo, libero e in pace con il mondo, come quando vado in savana. L’ultima volta? Lo scorso weekend. 
E’ una prerogativa degli occidentali riempirsi di palliativi all’ansia di non essere al passo con i tempi, con ciò che è richiesto dalla società, dal consumismo e dal life-style. 
Tutta quest’ansia da prestazione genera paura e la paura si fa leggere, cliccare, fa parlare di sé più di ogni altra notizia.
Vorrei spiegare a chi mi legge che da queste parti basta staccarsi per un giorno da internet, dai social network, da telefonini e computer, e si recupera una visione davvero oggettiva delle cose.
Siamo arrivati a preoccuparci per scorribande dall’altra parte del mondo, quando negli anni sessanta e settanta c’erano più guerre civili e indotte che automobili, aspettiamo l’Isis sotto casa come se fosse interessato a decapitarci ad uso mediatico, continuiamo a mettere X su ogni nazione e città in base a quel che leggiamo o sentiamo, quasi mai in base alla nostra conoscenza. 
Cosa succederebbe se da domani tutti i media tacessero dei fatti di guerra, delle repressioni sanguinose, degli attentati terroristici? Probabilmente quello che succede a me quando stacco 24 ore da internet e vado in savana. 
Un’incredibile, strepitosa, appagante sensazione di libertà e di affezione con il mio io.
Cosa che ormai per l’essere umano, evidentemente, è terrificante al solo pensiero più di 150 studenti morti dall’altra parte del mondo.

TAGS: Malindi SomaliaMussulmani MalindiIslam Malindi

E' stato presentato recentemente dal Governo del Kenya in collaborazione con quello della Contea di Kilifi, un importante dossier sulla lotta alla radicalizzazione di matrice islamica dei giovani nella Kilifi County. 
Il piano d'azione che sta procedendo e inizia a...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Dopo un anno di rassicurazioni, di veti tolti e silenzio, gli Stati Uniti rilanciano un "travel advisory", ovvero un consiglio di evitare certe zone del Kenya, dal proprio Ministero degli Esteri. 
 

LEGGI TUTTO

E' terminato il mese di digiuno sacro dei mussulmani, il Ramadan che sulla costa del Kenya ha coinvolto una buona parte della popolazione di credo islamico.
Dopo i consueti 29 giorni di pulizia spirituale, durante i quali dall'alba al tramonto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dadaab, un luogo famoso come Hollywood visitato da dignitari da tutto il mondo.
La regione da asilo ad un milione di rifugiati la gran maggioranza dalla vicina Somalia. 
Daadab, il campo profughi, a circa 100 km dal confine, ha fatto...

LEGGI TUTTO

Torna a denigrare il Kenya la rivista Panorama, una delle pubblicazioni da sempre più ostili con il Paese africano, anche per l'appartenenza all'orbita Mediaset (come peraltro TgCom e Tg5, testate che rappresentano chi ha interessi in altre mete turistiche a...

LEGGI TUTTO

I servizi segreti della Gran Bretagna vengono considerati i più attendibili del mondo, specialmente in Africa, continente di cui conoscono molto bene dinamiche e risvolti. Dopo anni di avvertenze e di timori, da questo mese finalmente tutta la costa del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La costa del Kenya è ritenuta più sicura di alcuni mesi fa. L'Intelligence Britannica, una delle istituzioni investigative ritenute tra le più attendibili a livello mondiale, ha consigliato il Governo del suo Paese di ritirare il "Travel Advisory" che sconsigliava...

LEGGI TUTTO

E arrivò la prima telefonata del Presidente americano Donald Trump al collega keniano Uhuru Kenyatta.
A un mese e mezzo dall'insediamento alla Casa Bianca e nel pieno di meeting e attuazione del suo piano di Governo, il leader degli USA ha...

LEGGI TUTTO

147 morti accertati, altrettanti dispersi da ritrovare. 
La strage di Garissa, nord est del Kenya, ha portato per un attimo l'attenzione del mondo intero sul Paese africano, noto soprattutto alle cronache per i suoi meravigliosi scenari, i suoi parchi nazionali...

LEGGI TUTTO

E' una storia di passione, e di una "cicatrice d'amore".
Non solo scaturita dal grande spirito cristiano del protagonista e dei suoi compagni di viaggio.
Quella di Monsignor Joseph Alessandro, qui in Kenya conosciuto da tutti semplicemente come Joe, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi è un'isola per ora felice, benché ormai nessuno può dirsi tranquillo in quasi nessun angolo di mondo, grazie a coloro che fomentano guerre di interessi mascherandole da dispute ideologiche o religiose.
Il Festival Multiculturale che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mi sono innamorata del Kenya all'inizio del nuovo Millennio. Dopo il tristemente famoso 11 settembre chiunque mi chiedeva se fossi pazza a viaggiare e per giunta ad affrontare voli intercontinentali per atterrare in una terra piena di mussulmani. Dal 2001...

LEGGI TUTTO

Da giovedì 23 marzo a domenica 27 le imbarcazioni del Kenya Wildlife Service saranno impegnate nella più grande operazione di censimento marino mai svolta nelle acque territoriali keniane.
Lo ha annunciato il portavoce del KWS Paul Gatitu, che ha illustrato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aidan Hartley è nato in Kenya nel 1965 da genitori inglesi.
Ha studiato in Inghilterra ma ha sempre sentito l'Africa come la sua terra.
Ha vissuto nelle farm materne e a Malindi, prima di intraprendere la carriera di giornalista di...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il 2016 si è chiuso come uno degli anni più tranquilli e sicuri per il Kenya e la costa ha confermato questa tendenza.
 

LEGGI TUTTO

Sul Kenya se ne sentono tante, forse troppe.
Da una parte non può che far piacere a chi tiene a questo Paese, agli italiani residenti che si sentono meno "soli" e a chi vive di turismo e campa grazie all'ingresso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO