Editoriali

EDITORIALI

Lettera del candidato ideale per Malindi alle elezioni

"Fratelli keniani, vi rendete conto in che paradiso viviamo?"

06-07-2017 di Freddie del Curatolo

Buongiorno, mi presento: sono il candidato ideale per Malindi al Parlamento del Kenya, nelle prossime elezioni nazionali.
Innanzitutto voglio premettere che non appartengo nè alla maggioranza, cioè al partito del Presidente Kenyatta e del suo alleato Ruto, il Jubilee, né all’opposizione rappresentata da un’alleanza guidata dal suo sfidante Raila Odinga.
Non che abbia nulla di personale contro di loro, intendiamoci.
Sono keniano anch’io ma sono contrario al tribalismo, che secondo me ha sempre impedito a questo Paese di crescere socialmente e culturalmente.
Capisco bene che la nostra storia comincia dai villaggi, dai nuclei famigliari e dalle tribù; che è una storia fatta di discendenze, tratti somatici, dialetti diversi.
Ma non è così in tante altre nazioni del mondo?
Quindi, per quanto riguarda la politica nazionale, i rapporti con l’estero, l’economia, le strategie di difesa e gli accordi con le multinazionali non mi sento in grado di dare consigli a nessuno, tantomeno a due politici di professione come Uhuru e Raila, anche perché non ho l’ambizione di candidarmi alla Presidenza della Repubblica.
Quello che mi interessa è fare il bene di Malindi, per questo motivo voglio parlare al cuore, prima ancora che al cervello, dei miei elettori.
Ma ci tengo che queste mie parole arrivino anche a voi “mzungu” che da tanti anni vivete o frequentate Malindi, che date lavoro a tanti di noi e spesso ci aiutate a migliorare le nostre condizioni di vita.
Fratelli keniani, vi rendete conto in che paradiso viviamo?
Certo, siamo sempre stati poveri anche se un tempo eravamo poveri senza vestiti addosso, senza nemmeno le scarpe e oggi siamo poveri con il telefonino, la tariffa internet e la motoretta cinese.
Però la nostra terra è il nostro patrimonio, quello che da sempre ha attirato i turisti, fa crescere frutta e verdura, pascolare gli animali ed è sempre bellissima da vedere.
Vogliamo poi parlare del mare, con tutto il pesce che basta avere una barchetta ed è gratis?
E il clima così piacevole?
Pensate se avessimo le temperature di Eldoret, o di Meru…moriremmo di freddo nelle nostre casette senza camini e con muri sottili, con i nostri tetti di makuti.
E i turisti non si farebbero vedere.
Dobbiamo insieme pensare a proteggere e curare il nostro ambiente, perché ci può far vivere meglio e allo stesso tempo guadagnare più soldi, indispensabili per uscire tutti insieme dalla povertà.
Perciò nelle mie intenzioni, se verrò eletto, vorrei innanzitutto vorrei ripulire le strade e le piazzole dalla sporcizia e dall’immondizia latente.
Malindi rappresenta una delle cittadine storiche del Kenya, è meta di turisti e di interesse mondiale, è triste e controproducente per tutto il Paese vederla in uno stato di semiabbandono.
E’ vero, siamo in Africa e non si può pretendere di cambiare radicalmente le cose.
Ma anche a Kigali, in Ruanda, avrebbero potuto pensarla così, e invece se la vedete oggi è curata e pulita, nonostante non sia una località marittima e di turismo come Malindi.
Per fare questo non ci vogliono grandi spese, basta un servizio di raccolta quotidiano della spazzatura, che tra l’altro darebbe lavoro a tanti disoccupati, e uno smaltitore di rifiuti di modello europeo.
Nel frattempo, se verrò eletto, farò costruire marciapiedi e strade come si deve, con aiuole fiorite e attraversamenti  pedonali.
A Nyali, la propaggine vacanziera di Mombasa, lo hanno fatto, perché non possiamo farlo anche noi?
Mi piacerebbe poi mettere a posto la zona del porto, che è anche la più antica e ricca di suggestioni dell’intera costa.
Qui approdò Vasco Da Gama e qui c’è la cittadella araba di Shella.
Qualcuno di voi ha visto l’omonimo quartiere di Lamu?
Nella Shella di Lamu sono state creati vicoli e viuzze caratteristiche, con una pavimentazione elegante che mantiene però l’idea swahili che appartiene alla storia della nostra costa.
Seguendo quell’esempio, la parte araba potrebbe diventare un gioiello e permettere a tanti negozianti che oggi fanno fatica a mantenere aperte le loro attività, di avere una rinascita economica.
Immagino un quartiere come Stone Town a Zanzibar, con tanti bazar e negozietti di artigianato, spezie, profumi, tessuti, sandali e quant’altro.
Anche Lamu Road, la parte moderna e commerciale della cittadina, con le sue banche, i bar europei e i locali notturni, avrà bisogno di marciapiedi e parcheggi, di illuminazione e sicurezza.
Qui bisognerà convincere il Governo ad investire, così come per completare finalmente l’aeroporto internazionale.
Ci sarà anche da agire abbastanza velocemente per snellire le arterie stradali principali dal traffico che, mese dopo mese, sta diventando sempre più caotico.
Da anni si parla del “by pass”, una tangenziale che dalla zona dell’aeroporto taglia la città all’esterno per poi uscire prima del fiume Sabaki.
Si potrebbe vietare ai TIR e ai grossi camion, così come agli autobus diretti a nord, di passare dal centro della cittadina.
E che dire della via centrale della Old Town, quella del mercato vecchio, assediata dai grossi pullman che fanno capolinea proprio lì.
Vorrei spostarli in una zona commerciale adatta a loro, con un grande parcheggio e spazi per i loro uffici, e decongestionare una zona che dovrebbe essere pedonale, senza smog e casino.
Sono tutte cose che da solo un politico locale, con il suo poco potere, non potrà mai fare, ma se partiamo dalle cose semplici, abbellire Malindi e renderla più ospitale e appetibile, anche le istituzioni, così come i soggetti privati, capiranno che converrà puntare su questi luoghi e agiranno di conseguenza.
Facendo la prima mossa, non dispero di trovare anche sponsor per i progetti che ho in mente.
Per la popolazione locale invece bisogna pensare a rendere vivibili i sobborghi, a garantire l’educazione primaria a tutti, e se ciò non avviene a livello nazionale, almeno farlo qui.
Anche per non dover vedere più nelle nostre strade ragazzini giovanissimi che chiedono l’elemosina. Così come una delle cose da fare sarà regolarizzare i beach boys.
Quello dei lavoratori sulla spiaggia può diventare un mestiere come un altro, se regolamentato e svolto in maniera rispettosa dei turisti.
A Bamburi è stato fatto, perché da noi no?
Le nostre spiagge sono un bene comune importantissimo e devono essere costantemente monitorate, pulite e tenute in ordine.
Sono sicuro che se da un politico locale o un’amministrazione si iniziassero a vedere azioni e buona volontà, anche tanti operatori stranieri del turismo farebbero la loro parte, dandoci una mano.
Per questo, una volta dato il buon esempio, mi piacerebbe formare una sorta di consiglio cittadino alternativo a quello della Contea, composto da tutti i soggetti che operano o vivono ormai da tempo a Malindi e tengono a questo posto.
Per fare tutto questo, se mi eleggerete cari concittadini, sono disposto a devolvere metà del mio futuro stipendio da parlamentare, per essere il primo a dimostrare che insieme si possono migliorare le cose.
Ecco cosa mi piacerebbe fare per la mia cittadina, il luogo dove sono nato e che mi ha permesso di diventare uomo e di tentare oggi l’avventura politica.
Potete dirmi che sono un sognatore o, peggio, che vi sto prendendo in giro e che una volta guadagnato lo stipendio di parlamentare non farò nulla di quello che ho promesso.
In realtà c’è una sola cosa che mi dispiace e per la quale non posso fare proprio nulla.
Il fatto che io, purtroppo, non esisto.

TAGS: Elezioni MalindiFreddie MalindiMalindi Kenya

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Corte Suprema del Kenya ha accolto il ricorso dell'Opposizione rappresentata dall'Alleanza Nasa e dal suo candidato presidente Raila Odinga, annullando il risultato delle elezioni nazionali.
Ciò rappresenta un fatto senza precedenti in una Repubblica del Continente africano.
I giudici della Corte,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

L'Ambasciatore degli Stati Uniti d'America in Kenya Robert Godec è intervenuto a mezzo stampa sulle prossime elezioni presidenziali in Kenya.
"Non abbiamo un candidato preferenziale - ha detto Godec alla stampa keniana - per noi è importante che il nuovo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Il Kenya a teatro. Malindi, Watamu, la savana, i masai, gli italiani, il popolo keniota. "Freddie del Curatolo vi racconta il Kenya" ha esordito sabato sera al Teatro Nuovo Ariberto di Milano con un grande successo. Accompagnato da Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico e sottolineato da continui applausi del pubblico presente.
Venerdì sera è andata in scena una serata...

LEGGI TUTTO

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...

La data delle nuove elezioni in Kenya potrebbe slittare.
E' quanto avrebbe riferito ieri sera la commissione elettorale IEBC al quotidiano nazionale Daily Nation, dopo aver ricevuto un dossier sull'organizzazione telematica delle prossime votazioni da parte della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale del Kenya IEBC ha rigettato la dichiarazione del leader dell'Opposizione Raila Odinga in cui annunciava di rinunciare a correre per la Presidenza del Kenya nelle nuove...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le nuove elezioni presidenziali del Kenya si terranno giovedì 26 ottobre anziché martedì 17.
La conferma è arivata all'indomani della pubblicazione da parte della Corte Suprema del Kenya della sentenza di annullamento delle precedenti elezioni.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro teatro gremito  in Lombardia per il concerto-spettacolo italo keniota di Freddie del Curatolo con la sua band.
Un'altro gran bel colpo per la solidarietà degli italiani in Kenya e per la promozione turistica. Sono stati raccolti, tramite gli ingressi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Centoquindici persone, montagne di spaghetti all'Amatriciana offerti dalla casa insieme con ostriche e provola.
Lo spettacolo di Freddie e la musica di Sbringo, ma soprattutto la generosità degli italiani di Malindi che in una sola sera, per dare il via...

LEGGI TUTTO