Editoriali

EDITORIALE

Moi Day, Moi Day...e mani in tusker!

Una festa indimenticabile tra Thika e Nairobi

11-10-2008 di Freddie del Curatolo

Ieri in Kenya si celebrava il Moi Day.
Secondo un'usanza antica come la giovane repubblica keniota, che ha più o meno l'età di Barack Obama, il compleanno dei presidenti equivale a una "national holiday".
Per fortuna (o no?) il Kenya fino ad oggi ha avuto soltanto tre capi di Stato: Jomo Kenyatta il padre della patria, Daniel Arap Moi appunto e l'attuale Mwai Kibaki. In Italia con un decreto del genere si farebbe festa ogni giorno, tranne il 29 settembre.
In compenso nell'Africa orientale non esiste ancora il ponte e se esistesse lo chiamerebbero in un altro modo, perchè qui i ponti crollano facilmente.
Sulla strada tra Thika e Nairobi, tutta saliscendi col contorno di verdeggianti colline, un camion della Tusker Breweries si è rovesciato su un fianco, perdendo un centinaio di casse di birra.
L'autista (come ogni dipendente della Tusker leggermente alticcio, uno che farebbe cambiare colore anche ai palloncini del luna park) come sempre in questi casi, benché ammaccato si è dato alla fuga.
E in men che non si pronunci la parola "asante mwungu" in swahili (grazie Signore) dalle verdeggianti colline e dalle marroneggianti capanne è uscito il mondo intero tra Thika e Nairobi. Tusker nelle tasche, in mano, in larghi cesti sulla testa. Mamas con i parei traboccanti a saltellare di qua e di là della carreggiata, qualcuna rotolante e un paio seminascoste dietro un baobab che provano l'ebbrezza della birra per la prima volta nella loro vita. Bambini scattanti e furbi pronti a vendere l'indomani le loro bottiglie a chi sarà già in crisi d'astinenza, per comprarsi un paio di Bata da basketball, vecchi con stampelle e senza denti. Tripudio di tappi levati con qualsiasi espediente, dalle pietre ai molari, decine di etichette francobollate sulla fronte, cartoline di gioia insperata. Fiumi tiepidi di malto liquido riversati in gole capaci di tutto. Chi se la spruzza addosso, come Shumacher sul podio, chi arriva con la damigiana da dieci litri della paraffina e stappa senza sosta. Canti, balli, scherzi e risate alcoliche e appiccicose fino a tarda notte. Una festa nella festa, neanche fosse stato Pilsner Kubwa l'ex presidente da festeggiare. Noi occidentali, con le nostre vite piene di tutto, i nostri fine settimana tra lungomari ed autostrade, tra code agli impianti di risalita e geloni davanti al camino, non ci ricordiamo cosa abbiamo fatto il 25 aprile di tre anni fa o il 2 giugno dell'anno scorso. Per tutti invece, a Thika, un Moi Day indelebile nella memoria. Fino al prossimo presidente, o fino al prossimo camion.

TAGS: Birra KenyaMoi Day KenyaFesta KenyaTusker Kenya

Nuova vita per la vecchia, mitica "tusker baridi sana"!
Il Governo del Kenya, dopo l'incontro tra il boss della multinazionale dei liquori Diageo e il Vicepresidente William Ruto, ha annunciato la costruzione del più grande stabilimento per la produzione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Seguendo le indicazioni di una sentenza dell'Alta Corte di Nairobi, del novembre del 2017, il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha deciso di dichiarare la giornata del 10 ottobre "festa nazionale".
In realtà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Kenya è festa nazionale. Si celebra infatti il "Jamhuri Day".
E' il giorno della Repubblica, ovvero la data in cui entrò ufficialmente in vigore l'Indipendenza del Kenya, il 12 dicembre 1963, con Jomo Kenyatta primo presidente.   
Jamhuri è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Kenya è festa nazionale, si celebra il cosiddetto Jamhuri Day.
Viene commemorato infatti il giorno della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"La Tusker è orgogliosa di presentare l'ultima nata tra le sue etichette, la Premium Ale, prodotta con...

LEGGI L'ARTICOLO

Molte famose etichette di alcolici e distillati nel mondo nascondono, dietro ai loro nomi talvolta curiosi talvolta altisonanti, curiose leggende o interessanti risvolti legati ai loro fondatori o ai luoghi di produzione.
E’ il caso della...

LEGGI TUTTA LA STORIA

“Per dare la possibilità a tutti i keniani di unirsi alle celebrazioni ed al ricordo dell’ex Presidente del...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya saluta il suo secondo Presidente della Repubblica dopo il Padre della Patria...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo giovedì di pienone per lo spettacolo di Freddie e Sbringo incentrato su storie di uomini e...

LEGGI L'ARTICOLO

Quello dei funerali è ormai uno dei business più importanti, tra gli affari del "popolo", che animano l'economia del Kenya.
Già nel 2013 uno studio del Journal of Human Developement indicava le spese per i funerali tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da questa domenica il Jacaranda Beach Resort apre agli ospiti esterni di Watamu e Malindi con...

LEGGI L'ARTICOLO

Già un bel pienone a Malindi per la prima delle cinque serate di agosto del nuovo spettacolo a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Almeno per ora, non ci sarà nessuna cerimonia di investitura di Raila Odinga quale "Presidente del Popolo del Kenya".
Lo "swearing-in" del candidato dell'Opposizione e del suo Vice Kalonzo Musyoka, annunciato una prima...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima quantomai confuso e desolante, ogni anno in Kenya si festeggia il Madaraka Day.
Cinquantasei anni fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il gran finale del cabaret in musica di Freddie e Sbringo questa sera al Baby Marrow è una parata con...

LEGGI L'ARTICOLO

Un Capodanno anni Venti al Driftwood Club di Malindi. E’ l’atmosfera che lo storico ritrovo sulla ...

LEGGI L'ARTICOLO