Editoriali

EDITORIALE

Perché tutti i mesi sulla costa manca acqua per giorni

Governo e Contea si danno la colpa, ma la gente non la beve più (l'acqua...)

08-02-2017 di Freddie del Curatolo

Il sistema è elementare.
L’azienda parastatale che elargisce l’acqua alla Contea di Kilifi, attraverso l’impianto sul fiume Galana che prende dalle infinite (per fortuna) risorse delle falde e delle sorgenti del fiume, intasca le bollette di tutti i consumatori privati, delle aziende, degli hotel e delle tantissime attività costiere, di cui gran parte collegate al turismo, e con quelle bollette paga le spese di manutenzione, dei propri operai e principalmente dell’impianto, delle turbine e dei suoi filtri che permettono all’acqua di arrivare ovunque, moderatamente depurata.
Il sistema è elementare, ma chissà perché in questo angolo di (Terzo? Secondo e mezzo?) mondo, l’applicazione pratica è quasi impossibile.
Così praticamente ogni mese la costa keniana si trova a fare i conti con la chiusura dei rubinetti, decisa dall’azienda parastatale che elargisce la corrente elettrica.
Già, perché turbine e filtri dell’impianto di Baricho, sul fiume Galana, funzionano con l’elettricità e se non si paga la bolletta quando scade, o si pretende di pagarne solo una parte immaginando una totale empatia, una simpatica complicità tra parastatali, l’impianto viene spento e con esso la possibilità di far confluire l’acqua negli acquedotti.
Questo accade con regolarità impressionante almeno da quando in Kenya è stata introdotta la devolution. Quando cioè la Malindi Water and Severage Company (MAWASCO) da paracomunale, è diventata un po' pararegionale e un po' parastatale, restando sempre abbastanza paragnosta (nel senso che è in grado di valutare l’acqua passata, quella che ti fa ritirare i soldi delle bollette, ma meno di leggere il futuro prossimo, quello che ti dovrebbe dire di pagare a tua volta il mollettone alla Power & Lightning Company).
E ogni volta sono tre, quattro, cinque giorni senza erogazione d’acqua.
Non stiamo parlando di mancanza di birra (che già creerebbe qualche scompenso in zona…) o di cocacola, ma del genere in assoluto più importante.
La mancanza d’acqua non porta solamente disagi a chi lavora, a chi vive nelle case di cemento e magari ha la fortuna di avere una cisterna da 5000 litri che gli fa superare il momento di impasse, ma mette in ginocchio migliaia di kenioti che vivono in condizioni precarie nelle loro capanne e con quell’acqua ci cucinano e ci si lavano.
Quell’acqua se la bevono, e forse anche per questo quando ritorna, dopo giorni di veri problemi, sono disposti a bersi anche le balle che dall’alto gli vengono raccontate.
La mancanza d’acqua porta malattie nelle periferie dove non ci sono reti fognarie, crea problemi negli allevamenti caprini e bovini che costituiscono il primo sostentamento per le famiglie.
Insomma, cinque giorni al mese senza l’acqua sono un bel casino.
Eppure, vi sembrerà impossibile, non è colpa di nessuno.
O meglio, è colpa delle istituzioni, sicuramente.
Ma non si capisce quali.
Figuriamoci adesso che siamo in campagna elettorale.
Il vicepresidente William Ruto, arrivando a Kaloleni, nel cuore della Contea di Kilifi amministrata dall’opposizione, si è lamentato per la carenza mensile d’acqua.
“Certe cose non possono accadere – ha detto – il Governo stanzia annualmente dei fondi per il sistema degli acquedotti. Cosa ne fa il Governo di Kilifi?”
La replica del Governatore Amason Kingi non si fa attendere: “La Coast Water Board Service è un’azienda governativa parastatale – spiega – sono loro che dovrebbero pagare le bollette”.
Il problema, però, più che la parastatale, sono i paragnosti che non pagano i conti mensili a monte, i morosi della Coast Water Board Service, tra cui ci sarebbero le stesse istituzioni.
Nel mondo occidentale si usa dire che “il gatto si morde la coda”.
In Kenya non sappiamo quale animale africano abbia l’abitudine di mordere la coda, ma una cosa è certa: la coda che morde non è mai la sua.

TAGS: Acqua MalindiAcqua KenyaWater MalindiWater Kenya

Costa Nord del Kenya, da Magarini a Kilifi di nuovo in ambasce per la chiusura dei rubinetti dell'acqua da parte del Coast Water Service Board, che amministra la centrale idrica di Baricho da cui proviene la quasi totalità del rifornimento...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'annoso problema della mancanza saltuaria d'acqua nei condotti non è ancora risolto.
Ed è sempre in bassa stagione che crea problemi alla popolazione della Contea di Kilifi ed al settore turistico.
Da venerdì scorso residenti e villeggianti sono completamente

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un supermanager da Nairobi per risolvere la questione dell'acqua sulla costa, che con la siccità dei mesi scorsi si è fatta ancora più evidente e insopportabile.
Ormai sono anni che la popolazione e l'industria turistica soffrono di continui black out...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Malindi si torna a vendere ed acquistare immobili.
Furtto dell'espansione di una cittadina che non è ormai solamente un fenomeno turistico ma un centro residenziale dove la qualità della vita sposta l'asticella non più fissa sul "terzo mondo" ma...

LEGGI TUTTO E VAI AL LINK

"Volevo essere un tuffatore, per rinascere ogni volta dall'acqua all'aria".
Cantava così Flavio Giurato, uno dei cantautori più geniali e poetici e meno celebrati del Belpaese.
Sarà anche perchè quel "Belpaese" non somiglia nemmeno più al formaggino della Galbani, che...

LEGGI TUTTO

E' uno dei simboli della vacanza da sogno di molti, e un italiano lo ha realizzato all'interno dell'insenatura di Kilifi, a meno di un'ora da Malindi e Watamu.
La Houseboat costruita dalla proprietà dell'Olimpia Club, è un gioiello di eleganza...

LEGGI TUTTO

I kaimati sono dolcetti caratteristici del Kenya, e particolarmente della costa swahili, simili ai nostri tortelli di carnevale, non ripieni.
Vengono guarniti spesso con una glassa caramellata e rivestiti con zucchero bianco.
ECCO LA RICETTA

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il riso "pilau" è uno dei piatti unici più frequenti da trovare nei ristoranti del Kenya, specialmente quelli della costa. La ricetta è di origine mediorientale, ma la sua variante swahili è diffusa soprattutto in Kenya e Tanzania e la...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Bice Ferraresi frequenta Malindi da quasi trent'anni, il suo "mal d'Africa" è evidente non solo negli occhi e nelle sue parole, ma soprattutto nella sua espressione artistica. 
L'artista faentina, che ha recentemente esposto le sue tele a Nairobi, nel prestigioso...

LEGGI TUTTO

L’aria del primo mattino, sugli altipiani d’Africa,
è fresca e così palpabilmente frizzante
da spingerci di continuo alla stessa fantasticheria:
pare di trovarsi non sulla terra
ma immersi in una profonda acqua scura
e di avanzare sul fondo del mare. 

La generosità di certe persone di cuore è come l'appetito che viene mangiando, anzi nella fattispecie si potrebbe dire che viene "facile come bere un bicchier d'acqua". Chi non l'ha mai provato dovrebbe cimentarsi, almeno una volta nella vita.
Così...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le "matoke" o "matoki" sono banane verdi non eccessivamente dolci che anche in Kenya, come in gran parte dell'Africa, hanno svariati utilizzi. Oltre alla farina e al pane, vengono usate a mo' di patate negli stufati.
ECCO LA RICETTA PIU'...

LEGGI LA RICETTA

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Il Kenya è flagellato dalla siccità.
Mentre il Governo centrale di Nairobi sta pensando di chiedere la calamità naturale alle Nazioni Unite, per avere stanziamenti straordinari e fronteggiare un'emergenza senza precedenti, nell'entroterra della costa arrivano i primi segnali di un...

LEGGI TUTTO

Non è stato solo un annuncio. I progetti elencati circa un mese fa, durante un incontro con il nuovo Senior Warden dello Tsavo East, stanno diventando realtà con una tempistica quanto meno insolita rispetto ai ritmi del” pole pole” ai...

LEGGI TUTTO

E' una disperata operazione per salvare un centinaio di ippopotami nella regione del fiume Tana, centocinquanta chilometri a nord di Malindi.
Siamo nel distretto di Lamu, dove il fiume più importante del Kenya forma un delta che include anche due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO