Editoriali

EDITORIALE

Silvia, unico rapimento in Kenya lontano dalla Somalia

Sulle tante castronerie ed esagerazioni della stampa italiana

15-05-2020 di Freddie del Curatolo

Chi conosce e frequenta quotidianamente o anche sporadicamente il nostro portale, che da dodici anni informa e promuove il Kenya per gli italiani in varie forme, tutte positive e costruttive, sa che raramente chi vi scrive cade nella puerile melma della polemica sterile e di chi per motivi diversi tra loro fomenta odio, spaccia ideologie anacronistiche o cavalca interessi di sorta.
Quel che personalmente non sopporto e mai riuscirò ad ignorare sono le fake news, le inesattezze e le castronerie perpetrate da colleghi giornalisti e sedicenti esperti di quel che scrivono (i tuttologi sono depennati dalla lista, anche se purtroppo fanno numero...).
Fatta la dovuta premessa, preferisco parlare della realtà, piuttosto che smentire decine di notizie inesatte, travisate se non proprio inventate rispetto alla situazione attuale del Kenya.

Il rapimento dell’italiana Silvia Romano (non una cooperante, come continuano a scrivere in troppi e purtroppo anche giornalisti autorevoli e che stimo, ma una giovane volontaria alle prime armi reclutata da una Onlus alquanto disorganizzata) è L’UNICO rapimento avvenuto in Kenya ai danni di stranieri in zone non al confine con la Somalia. E per confine si intenda una fascia di non più di 40 chilometri o miglia marine.
Caso gravissimo che costituisce senza dubbio un precedente, ma non dà automaticamente il diritto a nessuno di vendere come verità che il Kenya sia una “terra di rapimenti” come hanno fatto molte testate e media italiani.
Snocciolando poi dati abbastanza ridicoli all’interno degli articoli.
Questo altrettanto ovviamente non significa che il Kenya sia un posto più tranquillo e sicuro di altri in Africa e nel mondo, ma neanche la nuova Patria di Belzebù. Lo dico a beneficio dei nuovi maitre a pensér dei social, per i quali se non è nero è bianchissimo, se difendi qualcuno perché ha detto una cosa giusta sei automaticamente suo "fan" e significa che disprezzi i suoi avversari e chi non la pensa come lui e via dicendo.
Ma torniamo ai colleghi, che ci danno più giramenti...perché hanno i mezzi per screditare questo Paese e le sue realtà con una superficialità e un menefreghismo imbarazzanti.
Si sappia che il precedente rapimento ai danni di un turista (ovvero uno straniero con visto di soggiorno di tre mesi rinnovabili per altri tre e non un permesso da cooperante, religioso o membro di associazioni internazionali riconosciute in Kenya) risale al settembre del 2011, nell’isola di Kiwayu, un paradiso isolato e fino ad allora tranquillo, a nord dell’arcipelago di Lamu e quindi molto più vicino alla Somalia.
In un resort da miliardari dove negli anni avevano alloggiato personalità di ogni tipo, da Mick Jagger a Carolina di Monaco, i coniugi Tebbutt, David e la moglie Judith, furono attaccati nel loro cottage da una banda di pirati somali approdati sulla spiaggia con una barchetta a motore.
David cercò di difendere sé stesso e la moglie e fu ucciso, la donna catturata ed ignara della fine del marito. Fu venduta dai pirati ad Al Shabaab e liberata poco più di sei mesi più tardi con un riscatto di quasi 1 milione di euro di allora, pagato tramite una colletta privata organizzata in Gran Bretagna ma gestita e portata a termine dall’Intelligence di Sua Maestà.
Judith raccontò alla stampa di non essere stata trattata male, accudita sempre da donne, ma di aver passato un periodo psicologicamente duro, in seguito anche allo sconforto per la morte del marito, che le venne comunicata dal figlio al telefono, due settimane dopo il rapimento, ma di avere sempre pregato e creduto nella sua liberazione. Durante i giorni di prigionia la donna fu trasportata in diversi rifugi, nella foresta dell'entroterra somalo e raccontò di aver pensato più volte alla conversione all’Islam. Una volta liberata, si presentò al mondo con una veste tipica somala che le copriva testa e corpo. Judith Tebbutt ha raccontato la sua storia in un libro che ha venduto migliaia di copie: A long walk home.
Non vi sono altri casi di rapimenti di turisti collegabili al terrorismo somalo, ma nemmeno rapimenti ai danni di stranieri da parte di criminalità organizzata o disorganizzata keniana.
Tutti gli altri sono avvenuti o nel campo profughi di Dadaab (da considerarsi praticamente un enclave somala in Kenya), come le due cooperanti spagnole di Medicins Sans Frontieres che furono tenute in prigionia 21 mesi, o in zone limitrofe. Anche in quel caso le donne dissero di non aver subito alcun genere di violenza.
Infine vorrei ricordare al presunto “Giornalista, esperto in Geopolitica” del Fatto Quotidiano Roberto Colella che, a differenza di quanto scrive in uno degli articoli più allucinanti e cialtroni di questo periodo, che l’Ogaden National Liberation Front non è un movimento locale keniano, ma chiaramente un’organizzazione etiope che fa riferimento, guarda un po’, ad una regione dell’Etiopia che si chiama Ogaden. Che i “mungiki” non sono una gang dedita a rapimenti, ma una setta segreta del Monte Kenya che un tempo sequestrava giovani adolescenti per riti tribali, e che durante il caos elettorale del 2008 si disse fosse stata assoldata anche per regolare faide politiche locali. Ci piacerebbe sapere cos’è accaduto a Colella poco prima di scrivere quello sciagurato articolo, il cui titolo sparge ingiustificato terrore. E anche con quale diritto si autoproclama esperto di Geopolitica. Vorrei fare uso dello stesso metodo per definirmi idraulico, che si guadagna bene.

TAGS: silvia kenyarapimenti kenyaeditoriale kenya

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla vigilia del triste anniversario della sua scomparsa, si torna a parlare di Silvia Romano come...

LEGGI L'ARTICOLO

"Silvia Romano è stata liberata, Ringrazio le donne e gli uomini dei servizi...

LEGGI L'ARTICOLO

Giornalisti per passione, con voglia di raccontare e l’esigenza di farlo liberamente.
Oggi è...

LEGGI L'ARTICOLO

A Malindi e nel suo entroterra inzuppato dalle grandi piogge stagionali e minato dal lockdown parziale, non...

LEGGI L'EDITORIALE

Un pensiero per Silvia Romano, la volontaria italiana rapita in Kenya ormai 195 giorni fa, è stato rivolto dall'Ambasciatore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono momenti importanti, forse decisivi, per la risoluzione della drammatica vicenda del rapimento di Silvia Romano, da ormai una settimana nelle mani di una banda di criminali nascosti nella foresta di Dakacha, nel profondo entroterra della costa keniana.
Secondo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un mese fa, il 20 novembre, poco dopo il tramonto equatoriale, una ragazza italiana di 23 anni che in quel momento era l’unica presenza “bianca” in un’area dell’entroterra della costa del Kenya grande come la provincia di ...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Alla luce degli ultimi avvenimenti per cui dal Kenya siamo tutti in ansia e pena, con notizie più o meno fondate che si susseguono e spifferi che alimentano solo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ore di tensione, tristezza e preoccupazione per la sorte della volontaria italiana Silvia Romano, scomparsa ormai da un giorno e mezzo e forse ancora in mano a un manipolo di banditi nell'entroterra costiero. 
Basterebbero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Silvia Romano potrebbe essere stata portata in Somalia pochi giorni dopo il suo rapimento, questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Si è aperto ieri mattina in maniera inaspettata il processo ai due cittadini keniani accusati di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una domenica di preghiere, canti, unità tra cattolici, protestanti e islamici della costa keniana per solidarietà con gli italiani pensando alla volontaria Silvia Romano, rapita ormai da undici giorni da una banda di criminali nel villaggio di Chakama.
Quasi ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo la polizia locale ed alcune fonti raccolte dai cronisti del quotidiano nazionale keniota "The Standard", nelle ultime ore si sarebbe ristretta l'area di ricerca delle forze congiunte keniane e italiane che stanno da giorni setacciando la vastissima area di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana di silenzio: quello sacrosanto di chi indaga sul rapimento di Silvia Romano a Chakama, datato ormai 20 giorni fa, quello rispettoso di chi, come noi, ha scelto di scrivere solo i fatti veri dal Kenya o le notizie...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Silvia Romano è viva e sarebbe in corso una trattativa per liberarla.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO