Personaggi

PERSONAGGI

Anastasia porta in Friuli l'esempio del Kenya

17 anni, racconta un'iniziativa a Watamu per sentirsi utile

06-04-2019 di Freddie del Curatolo

Sentirsi utili e fare qualcosa di buono, per "essere la differenza".
Anastasia ha 17 anni ed è una studentessa di un Liceo Linguistico di Cividale del Friuli, splendido borgo ricco di storia alle porte di Udine.
Per cinque anni di seguito è stata in vacanza con la famiglia sulla costa del Kenya.
"I primi tre anni siamo abbiamo soggiornato a Diani - racconta lei stessa - gli ultimi due al Jacaranda Resort di Watamu, davanti all'omonima meravigliosa baia. Sono state vacanze di quindici giorni e abbiamo avuto il tempo di interagire con la popolazione locale, oltre che andare in safari e visitare children center".
Sono più di due anni che Anastasia Brusini e i genitori non tornano in Kenya, ma il mal d'Africa e l'ultima esperienza non si dimenticano, per questo la ragazza sta cercando di fare qualcosa per quella realtà, pur da così lontano. 
"Da un'idea di mio padre Andrea - spiega Anastasia a Malindikenya.net - abbiamo iniziato una raccolta della plastica sulla spiaggia, coinvolgendo un gruppo di ragazzi locali e la Ocean Conservation. La plastica raccolta viene portata al centro di riciclo di Watamu e scongiura l'inquinamento di quel tratto marino da proteggere. Il Kenya mi ha dato tantissimo perchè mi ha fatto riflettere su quanto lavoro ci sia da fare per migliorare il nostro ambiente e mi ha aiutato a capire che nella vita vorrei essere in qualche modo al servizio degli altri".
Anastasia è stata invitata a parlare dei suoi desideri e della sua esperienza ad un evento regionale, "We 4 Others, fa bene al mondo fa bene a te", una sorta di conferenza per gli studenti per prendere consapevolezza sul mondo del volontariato, organizzata da Paola Del Zotto Ferrari, esperta di tematiche sociali e di ONG ed ex dirigente delle Nazioni Unite.
La ragazza innamorata del Kenya ha stupito tutti con una relazione intelligente, diretta che ha ribaltato un po' di luoghi comuni, aiutandosi con immagini di Watamu.
"Immaginatevi una spiaggia meravigliosa come quella che vedete alle mie spalle - ha esordito Anastasia davanti a coetanei, insegnanti ed operatori del settore - pensatela ridotta in maniera oscena dalla plastica. Bisognava fare qualcosa, per questo dico che non bisogna necessariamente essere volontari per fare del bene, basta rendersi utili. Io e la mia famiglia abbiamo iniziato una raccolta della plastica in spiaggia ed educato al riciclo la popolazione locale. Che oggi prosegue la nostra opera, con il Jacaranda Beach Clean Project. Per fare qualcosa di buono è sufficiente tenere presenti alcuni principi, come quello di lasciare il luogo che si è visitato meglio di come lo si è trovato. Ovunque, non c'è bisogno per forza di andare in Africa per sentirsi ultili, per fare del bene". 
Il Kenya però ad Anastasia, oltre a una maturità incoraggiante per una ragazza della sua età, ha anche donato equilibrio e serenità.
"Spero di tornare presto in quella che ritengo la culla dell'uomo e che mi ha donato un grande senso di libertà e pienezza".
Intanto racconta la sua esperienza a Watamu e come con un gesto non fine a se stesso si possa fare davvero qualcosa di importante.
"Perchè per poter essere utili a questo mondo e fare la differenza, dobbiamo essere noi la differenza". 

TAGS: plastica kenyaspiaggia watamujacaranda puliziaanastasia brusini

Come tanti ragazzi di spiaggia tra Malindi e Watamu, anche Anthony Furaha ha un...

LEGGI L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Avevamo presentato la splendida e originale iniziativa della Onlus "Flipflopi Expedition" (LEGGI QUI IL PRECEDENTE ARTICOLO) che illustrava la costruzione a Lamu di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quasi due tonnellate e mezzo di rifiuti raccolti in mezza giornata sulla spiaggia di Malindi, dall’Ocean Beach

LEGGI L'ARTICOLO

Sabato 21 settembre in tutto il mondo si celebra la giornata internazionale della pulizia delle...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ultimo World Cleaning Day in Kenya ha rivelato numeri crescenti e preoccupanti di plastica sulle spiagge della costa.
Gli operatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' una storia che si ripete ogni anno: alla giornata internazionale della pulizia delle spiagge, a cui Malindi partecipa grazie all'organizzazione del Kenya Wildlife Service nella sede del Parco Marino, partecipano molti studenti, tanti volontari locali e anche qualche straniero,...

LEGGI TUTTO

L'occasione è offerta dalla Giornata Mondiale della pulizia delle spiagge, a cui il Kenya partecipa nelle più belle località della costa.
Ma in realtà quella di pulire la spiaggia da detriti, plastica ed altri rifiuti, dovrebbe essere un'abitudine a cui...

LEGGI TUTTO

Le bianche spiagge della Jacaranda Bay, tra Watamu e Mayungu proprio di fronte a quel paradiso di sabbia, oceano e barriera corallina che da anni ormai viene conosciuto come "Sardegna 2", hanno fatto bella mostra di sè per tre giorni...

LEGGI TUTTO

Se le spiagge di Watamu e Malindi sono sempre più pulite lo si devono alle iniziative della collettività ma...

LEGGI L'ARTICOLO

Tutto pronto a Casuarina per asfaltare il primo chilometro della strada che porterà al villaggio dei pescatori di Mayungu e da lì, poco alla volta, attraverso il resort Malaika Beach, alla Jacaranda Bay e da lì infine a Watamu.
Per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All'indomani delle dichiarazioni su Malindi e Watamu di Roger Jones, responsabile dell'agenzia ingaggiata dal Ministero del Turismo keniano per rilanciare il settore, gli imprenditori italiani della Contea di Kilifi ci hanno contattato, hanno scritto in privato o sulle nostre pagine...

LEGGI TUTTO

Una festa per celebrare i cinquant'anni del Parco Marino di Malindi e un weekend nel segno della pulizia della spiaggia cittadina e del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la nostra "prima buona intenzione del 2019" lanciata online, con la raccolta quotidiana della plastica sulle spiagge di Malindi (LEGGI QUI L'INIZIATIVA) sono tanti i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non esiste la bassa stagione per Papa Remo Beach.
Il locale di Watamu non ha mai...

LEGGI TUTTO