Personaggi

PERSONAGGI

Justin e la sua farm di granchi nel paradiso di Che Shale

L'ultima invenzione del proprietario del retreat sulla spiaggia dorata

25-01-2017 di Freddie del Curatolo

Dall'ospitalità e la ristorazione nel paradiso di Che Shale alla prima farm di granchi e moeche in Africa.
Non c’è uomo bianco keniota più eclettico e creativo di Justin Aniere, il proprietario del beach retreat che da il nome alla spiaggia dorata a nord di Mambrui.
Un luogo selvaggio e magico tra le palme e l’oceano aperto, senza barriera corallina, che da quasi quarant’anni rappresenta una delle mete più ambite per un’escursione in giornata, magari con pranzo a base di pesce fresco e crostacei, corse sulla battigia, kitesurf e un’immersione in un luogo incontaminato nel competo rispetto dell’ambiente.
Justin, di padre spagnolo e madre di origine scozzese, ma con tante frequentazioni italiane, ha trasformato due capanne di makuti e poco più in un paradiso che ha nella semplicità la sua eleganza, con suite a due passi dal mare che sono piccoli gioielli di arredamento genialmente minimale.
Ma non è un tipo abituato a fermarsi ad ammirare i frutti del suo ingegno. Lui, cresciuto come un piccolo Tarzan nella natura wild della costa, si diletta in Kitesurf e Che Shale è diventato anche uno dei punti d’incontro degli appassionati di tutto il mondo.
“Sono appena tornato da una traversata da Lamu a Zanzibar per beneficienza – ci racconta – insieme ad altri sei kiters, abbiamo percorso più di mille miglia a tappe per raccogliere fondi a favore della tutela dell’oceano indiano. E’ stata una splendida faticaccia, e alla fine abbiamo raccolto 8000 sterline”.
Un viaggio per mare ancora più lungo e non meno faticoso, lo aveva intrapreso qualche anno fa, per portare a Che Shale un dhow, la tipica imbarcazione swahili, costruito in Mozambico. Ora è ancorato davanti al boutique hotel.
Appagato? Per nulla.
Justin recentemente si è inventato un nuovo lavoro, che gli sta dando grandi soddisfazioni.
“Come accade spesso – racconta il proprietario di Che Shale – tutto è nato per caso. Tra i granchi vivi che avevo acquistato dai pescatori delle mangrovie di Ngomeni, ce n’era uno particolarmente grosso. Aveva due chele come braccia di un ragazzino. Con la mia compagna, abbiamo pregustato una cena favolosa. L’ho sbollettato vivo e ho preparato le varie salsine ma nel momento di romperlo per dividerci la preziosa polpa, il granchio era completamente pieno d’acqua! La polpa era praticamente inesistente. Il giorno dopo mi sono arrabbiato con il pescatore e gli ho chiesto come potesse accadere”.
Siamo in Africa, dove tutto accade perché deve accadere e difficilmente le risposte che arrivano sono abbinabili a domande di tipo occidentale.
“I pescatori non sapevano, si limitavano a dirmi che ogni tanto capita che il granchio sia vuoto e pieno d’acqua. Ho deciso di informarmi, sono andato a fare ricerche su internet e ho scoperto quello che forse molti già sanno su questo tipo di crostacei ma nello stesso tempo ho avuto l’illuminazione”.
Quel che Justin è venuto a sapere è che il granchio durante le fasi della sua crescita, cambia più volte il guscio e per un ristretto lasso di tempo se ne presenta privo. Al primo cambio di guscio, quando è ancora piccolo e verde, impiega meno di tre ore a ricostruire il carapace. Lo produce più grande per poter continuare a mangiare e crescere. Più il granchio diventa grande e più ci metterà a cambiare il carapace. Ecco che se viene catturato subito dopo che ha mutato il suo aspetto esteriore, l’interno non avrà ancora abbastanza corpo e chi lo cucinerà avrà l’amara sorpresa che ha fatto scattare qualcosa nella fervida mente di Justin Aniere e che, dopo le ricerche nella rete, lo ha portato in Thailandia e in Malesia a studiare come allevare e nutrire i crostacei.
“Alla prima muta di guscio, quando i granchi sono ancora giovani – spiega il neo imprenditore ittico – per quelle poche ore sono morbidi e dolcissimi, sono le famose moleche che si gustano a Venezia e in Oriente e che sono pregiatissime. La mia idea è stata quella di predisporre nel terreno dietro a Che Shale un allevamento di granchi e monitorarli costantemente per poi prelevarli al momento del cambio di guscio, surgelarli e spedirli ai ristoratori o ai grossisti che me li chiedono”.
In poco tempo, costruendo vasche comunicanti con acqua di mare filtrata in maniera naturale (sono le ostriche a fare il “lavoro sporco”!) e facendo crescere i granchi separati in gabbie singole (altrimenti si mangerebbero tra di loro), Justin ha creato una produzione in serie destinata ad aumentare. La domanda è ingente, i suoi clienti sono ristoranti di Nairobi e aziende orientali contentissime di qualità e prezzi.
“Una singola moleca può arrivare a costare anche 6 dollari – spiega Justin -  ora a Che Shale c’è la prima produzione di moleche dell’Africa ma l’idea nell’immediato futuro è allestire il primo allevamento di granchi. Farli riprodurre nelle vasche. Il granchio depone ogni volta 100 mila uova e il 10% saranno nuovi granchietti, quindi moleche. Ecco perché nell’oceano ne troviamo sempre così tanti. Si può immaginare quanti potremo produrne nell’allevamento. Qui oltretutto diamo loro da mangiare in maniera naturale, piccoli pesci di cui sono ghiotti, e teniamo pulitissime le vasche. Bisogna lavorare 24 ore su 24, a ciclo continuo”.
Nel frattempo Justin non dimentica la sua prima creatura, che negli anni Novanta aveva abbandonato temporaneamente per dedicarsi ad un’altra grande passione, i safari (lo sapevate che fu anche il primo ad organizzare i safari al Lago Chem Chem in cammello?). Ora a Che Chale c’è un menu speciale in cui si possono gustare i granchi cresciuti a pochi metri.
“Quelli che non diventano moleche, ce li mangiamo noi. E già che ci sono, allevo anche le aragoste".
Un consiglio a turisti e residenti: prima fermatevi a godere di questi splendidi frutti dell’oceano indiano cucinati dai cuochi di Che Shale, poi al limite chiedete di poter fare un tour guidato alla farm!

TAGS: Che Shale CrabsChe Shale GranchiMoleche KenyaMoleche AfricaJustin Aniere

I benefici della Moringa Oleifera spiegati dall'esperta in un incontro oggi pomeriggio al Museo Nazionale di Malindi (dietro "Uhuru Garden", la cosiddetta piazzetta del cambio). 
Oggi alle 16 Vanessa Aniere spiegherà come coltivare, trattare ed utilizzare al meglio questa pianta...

Prendo in mano granelli di sabbia dorata, li spargo lentamente sui palmi. 
Sono gli stessi granelli che disegnano arazzi infiniti che, come diamanti, brillano al sole del Kenya, lungo le rive dell'oceano indiano, sull'immensa spiaggia di Che Shale.
Mi sdraio,...

LEGGI TUTTO

Il "mondo bianco" della costa keniota si trova una trentina di chilometri a nord di Malindi.
Dopo la spiaggia dorata di Che Shale, oltre la base italiana del progetto aerospaziale San Marco, la vista dell'oceano sparisce e appaiono chilometri e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

COSTA KENIANA

Mambrui

Spiaggia dorata ed eleganza araba

di redazione

Dodici chilometri a nord di Malindi, passato il ponte sulla foce del fiume Sabaki, dove si possono scorgere ippopotami e la vegetazione è particolarmente rigogliosa, sorge il villaggio di Mambrui.
Nel passato Mambrui fu un importante centro religioso mussulmano, e...

LEGGI TUTTO

Mi sono innamorata del Kenya all'inizio del nuovo Millennio. Dopo il tristemente famoso 11 settembre chiunque mi chiedeva se fossi pazza a viaggiare e per giunta ad affrontare voli intercontinentali per atterrare in una terra piena di mussulmani. Dal 2001...

LEGGI TUTTO

Il Kola Beach di Mambrui, da anni considerato un punto di riferimento di eleganza informale e relax sulla spiaggia dorata di Che Shale, inaugura una nuova stagione di eventi e si prepara a stupire con l'ingresso di nuove professionalità.
Si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualche mese fa, noi di Malindikenya.net, su spinta di due storici residenti e amici suoi, Eugenio del Curatolo e Roberto Macrì, avevamo organizzato una “colletta” online per poterlo ricoverare e curare. 
Ieri, a 86 anni, i profondi occhi azzurri di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo ammetto, quando un turista italiano o, peggio, un residente, chiama i banchi di sabbia che affiorano sullo splendido tratto di mare tra Malindi e Watamu “Sardegna 2”, ho un sussulto di cuore che si trasforma in empito di rabbia...

LEGGI TUTTO

Il Kenya è una delle destinazioni più varie e straordinariamente ricche di occasioni uniche, emozioni per tutti ed attrazioni per ogni tipo di appassionato o esperto di avventura. Se per molti il Paese africano è soprattutto sinonimo di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Altro giro, altra corsa.
In uno dei pochi luoghi del mondo dove non importa che non ci siano più le mezze stagioni, perché qui di stagioni da sempre se ne alternano soltanto due, stanno per tornare i nostri amici turisti. LEGGI TUTTO

I signori Tortelli hanno comprato un bellissimo minivan nuovo di zecca. Erano stanchi di viaggiare in taxi e talvolta pure in tuk tuk.

Il minivan è arrivato oggi da Mombasa, grigio metallizzato con gli  interni di alcantara grigio perla, superaccessoriato.

“Finalmente staremo...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

“Da Vanga a Kiunga”.
Così si potrebbe intitolare la costa keniota se fosse un film. 
Un interminabile, meraviglioso, variopinto lungometraggio che si srotola attraverso spiagge bianche e sabbiose, improvvisi saliscendi rocciosi, barriere coralline, isole e faraglioni, villaggi di pescatori e...

LEGGI TUTTA L'INTRODUZIONE

1. UN PAESE PIU' SICURO

Il mondo ultimamente ci regala terrore e insicurezza a go-go. 
Il Kenya ha passato momenti difficili, per la vicinanza con la Somalia, nido del terrorismo di matrice islamico-estremista. 
Ora però con il ritorno dell’Intelligence americana, della...

LEGGI TUTTI I MOTIVI

Molto ci è stato raccontato ed altrettanto abbiamo letto riguardo l’Africa prima di partire per la prima volta.
Da un lato del tavolo, chi ci serviva piatti colmi di ansia e paure: la pericolosissima malaria, trasportata da una speciale zanzara...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Carta igienica all'ambasciata: protesta di Amnesty
Ieri mattina l’ambasciata del Kenya a Roma è stata invasa da duemila rotoli di carta igienica. E’ l’iniziativa lanciata dall'organizzazione Amnesty International per sollecitare il governo kenyota a garantire l’accesso ai servizi igienico-sanitari alle donne che vivono...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE