Personaggi

PERSONAGGI

La rosa italiana con le radici di un albero del Kenya

I 99 anni della prof. Giuliana Mollea Moretti e la sua storia

03-07-2019 di Freddie del Curatolo

Dovete credermi, esistono monumenti che sembrano delicati come rose ma in realtà hanno la solidità secolare di alberi di cedro.
Sono monumenti umani e di umanità ma dei fiori conservano il profumo e degli alberi la rispettabilità.
Quando ci troviamo al cospetto di un simbolo di eternità, non dovremmo chiederci da dove venga o quanti anni abbia ma semplicemente respirarne la saggezza, lo spirito vero e senza tempo perché è ciò che si avvicina di più al senso stesso dell’esistenza.
Dietro ad ogni monumento umano però c’è una storia, che vale la pena di essere raccontata.
Il profumo di rosa che chi vi scrive ha respirato in una sobria villa di Nairobi immersa nella vegetazione equatoriale, arriva dall’Italia.
Se per mezzo secolo i figli degli italiani in Kenya hanno potuto studiare o perfezionare la loro madrelingua, lo devono a lei: Giuliana Mollea Moretti, che tra un anno ne compirà cento.
La rosa esisteva veramente. Era custodita in un piccolo vaso di terracotta, unico cimelio che la giovane professoressa di lettere dell’entroterra di Savona portava con sè in Africa, su una bananiera pronta a salpare dal porto di Genova, nel 1955.
"Duve ti vé, bella figgetta?" (Dove vai, bella figliola?) le chiedevano in dialetto i marinai, tra la curiosità e l’eccitazione di averla a bordo.
Quella donna coraggiosa e allo stesso tempo sbarazzina andava a Mombasa, abbracciava l’Africa nera per sposarsi.
Aveva conosciuto il il futuro marito, Domenico Moretti, ex prigioniero di guerra italiano in Est Africa, andando l’anno prima a trovare suo fratello che lavorava in Kenya.
Galeotta fu una vacanza nello Tsavo.
Il suo primo alloggio, come appunta in un preziosissimo diario, era composto da: “una lanterna e migliaia d’insetti, un tavolaccio in una capanna di foglie di palma, un letto duro ma ottimo per ascoltarvi ad occhi chiusi i ritmi battuti dai neri presso i fuochi sui loro rudimentali strumenti”. 
Giuliana e Domenico si sposarono e si trasferirono a nord, in una verde ed immensa fattoria delle Highlands. Scenari inediti, persone così diverse con cui raffrontarsi, una lingua nuova da imparare, il kiswahili. Lungi dall’insegnante abbattersi alle prime difficoltà.
“Sono sempre stata guidata da un naturale entusiasmo per le cose – racconta a malindikenya.net – e da un inguaribile ottimismo che mi ha permesso di vedere sempre il lato positivo di avventure e vicissitudini africane. In più ho sempre avuto la predisposizione a socializzare e il conforto che gli italiani sono amati in tutto il mondo”.
In quegli anni il Kenya stava lottando ferocemente per ottenere l’indipendenza dal Regno Britannico, sui monti intorno a Nairobi era scoppiata la rivolta dei Mau Mau, gli italiani spesso erano spettatori neutrali ma le fattorie erano spesso teatro di assalti e razzie e Giuliana Mollea Moretti frequentava indifferentemente espatriati d’ogni nazionalità e gli indigeni della zona.
“I britannici ci prendevano in giro, dicevano che noi italiani eravamo mezzi africani perché parlavamo più facilmente la lingua del Kenya piuttosto che l’inglese. Così io quando li incontravo, sorridendo li salutavo con un jambo!”   
Domenico Moretti la mattina si recava al lavoro e lasciava alla moglie, che aveva da poco dato alla luce una bambina, Dianella (che oggi lavora per l’Unione Europea a Nairobi) una pistola sul comodino.
“Sapevo già che non l’avrei mai usata – rivela l’insegnante - un giorno uscendo incontrai uno strano personaggio con lunghe trecce. Condivisi con lui un bel tratto di strada conversando amabilmente con lui. Venni poi a sapere che era uno dei capi della ribellione Mau Mau”.
Nonostante la positività e la predisposizione d’animo dei Moretti, quando la situazione del Kenya degenerò, all’inizio degli anni Sessanta, la famiglia si trasferì nella vicina Uganda, dove Giuliana ebbe modo di perfezionare l’inglese.
Durante il soggiorno a Kampala Giuliana conobbe anche il Padre della Patria, Jomo Kenyatta, che si complimentò per la sua eleganza “tipicamente italiana”.
L’insegnante e il primo Presidente del Paese si sarebbero rivisti qualche anno più tardi, quando i Moretti fecero ritorno a Nairobi.
Con l’Indipendenza del Kenya, molti italiani diventarono utili se non necessari a costruire una nuova Nazione, lavorando fianco a fianco con la nuova classe dirigente locale.
Fu così che Giuliana realizzò il desiderio di tornare ad impartire lezioni d’italiano.
Dal 1964 decine e decine di connazionali di stanza in Kenya, dai figli dei prigionieri agli impiegati di Agip e Alitalia, avevano la loro “prof”. Così come indiani, inglesi e keniani poterono imparare una lingua importante per il loro lavoro.
“Non potevo evitare uno sguardo ai meno fortunati – ammette – così spesso al termine delle lezioni regolari, mi intrattenevo con gli alunni più poveri e con i keniani che non si potevano permettere di frequentare le scuole secondarie”.  
Agli allievi con ambizioni universitarie insegnò anche il latino, ad altri fece amare i classici della nostra letteratura e la Divina Commedia.
Giuliana ha visto crescere l’attuale Presidente del Kenya, che frequentava lo stesso college dove lei insegnava italiano. Ancora oggi quando Uhuru Kenyatta la incontra, s’inchina davanti a lei rispettosamente e la ringrazia per la sua opera, per la quale due anni fa è stata anche insignita dal Presidente della Repubblica Mattarella.
In realtà ogni italiano nel mondo dovrebbe inchinarsi rispettosamente davanti a questo meraviglioso albero dal profumo di rosa, le cui radici profondamente italiane hanno ramificato armoniosamente in terra d’Africa, rendendola fertile di cultura e mantenendo il legame con le tradizioni, la bellezza e i migliori costumi del nostro Paese.

TAGS: italiani in kenyainsegnanti kenyastorie kenyapersonaggi kenya

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La prima mossa economica del nuovo Governo keniota è per la scuola.
Sia quella dell'obbligo, sia quella superiore.
La "Primary School", che sono elementari e medie insieme secondo il sistema inglese 8-4-4, in Kenya è gratuita ma ci sono diverse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Torna la voglia di vivere Malindi e torna il piacere delle feste degli italiani nelle tante splendide ville di Casuarina e dintorni.
Un sintomo felice della ritrovata serenità e sicurezza della località turistica che spesso viene data per morente o...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una "Radiomalindi" dal vivo, ogni giovedì al Baby Marrow Art & Food Restaurant.
Questa l'idea di Freddie del Curatolo per intrattenere a modo suo gli italiani che passeranno l'agosto sulla costa keniana.
Si chiama "Good Night Malindi" il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una "Radiomalindi" dal vivo, ogni giovedì al Baby Marrow Art & Food Restaurant.
Questa l'idea di Freddie del Curatolo per intrattenere a modo suo gli italiani che passeranno l'agosto sulla costa keniana.
Si chiama...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Va in scena questa sera la terza puntata di "Good Night Malindi", la radio dal vivo di Freddie del Curatolo in diretta dal Baby Marrow Art&Food di Malindi.
Tra racconti, canzoni, notizie rilette in chiave ironica, telefonate improvvise, parodie ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Terza puntata della felicissima rassegna "Io conosco il canto dell'Africa", un successo di pubblico e applausi nei primi due giovedì al Baby Marrow di Malindi.
Dopo Frank Sinatra ed Ernest Hemingway, giovedì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2017 a Malindi e Watamu incomincia nel segno dei personaggi che scelgono il Kenya per riposarsi e prendere un po' di caldo.
C'è chi ha deciso di far passare le feste (o aveva il classico impegno inderogabile del concerto...

LEGGI TUTTO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO