Personaggi

LUTTO

Lo storico residente di Malindi Mimmo Mancini ci ha lasciato

Il simpatico napoletano da gioiellere era rinato in Kenya con i safari

14-11-2014 di Freddie del Curatolo

Qualche mese fa, noi di Malindikenya.net, su spinta di due storici residenti e amici suoi, Eugenio del Curatolo e Roberto Macrì, avevamo organizzato una “colletta” online per poterlo ricoverare e curare. 
Ieri, a 86 anni, i profondi occhi azzurri di Mimmo Mancini hanno salutato l’Africa e si sono chiusi per sempre.
La storia del napoletano Mimmo è di quelle che si potrebbero racchiudere in un romanzo. 
Arrivò in Kenya per salvare il cuore da uno dei dolori più grandi che un uomo possa sopportare: la morte di un figlio. Mimmo era gioielliere nella Roma bene e il figlio, un gran bel ragazzo di cui campeggiava una gigantografia nella sua prima villa keniota, aveva seguito le sue orme. Fino a quando una banda di malviventi, una mattina, interruppe bruscamente la sua giovane vita, uccidendolo durante una rapina.
Da allora Mimmo non ne aveva più voluto sapere nulla. 
Venduta l’attività, si era fatto convincere da un amico capitolino a trasferirsi in uno dei paradisi incontaminati del pianeta, quale era Malindi all’inizio degli anni Ottanta. Aveva ideato uno dei primi “day safari”, escursione alle mangrovie di Ngomeni, con pranzo a Che Shale e poi giro in barca. 
La strada allora, poche centinaia di metri dopo il Casinò, era sterrata e spingersi oltre Mambrui pareva un’avventura. Con i suoi fuoristrada Mimmo scendeva sulla spiaggia oltre il Sabaki e faceva vivere ai turisti un’esperienza unica.
Così è andato avanti per anni, cercando di dimenticare l’affronto che il destino gli aveva fatto.  Con l’avvento della strada asfaltata, quel giro aveva perso il suo fascino e per lui era incominciata una nuova vita, più morigerata e più africana. Una casa spartana nel quartiere di Majengo con la nuova moglie keniota, due figli da mandare a scuola. Il tutto con una pensione poco più che dignitosa.
Aveva il dono dello stile, Mimmo, e un’ironia garbata e intelligente. 
Ospitava tutti i residenti maschi (e anche qualche donna appassionata e coraggiosa) nella sua terrazza ogni domenica, per sentire le radiocronache delle partite con la sua radio a onde cortissime. Era l’unico a possederne una e ogni settimana casa sua si trasformava in un Bar Sport a ottomila chilometri dagli stadi d’Italia, con scommesse e sfottò inclusi nel pomeriggio. Lì si alternavano i personaggi indimenticabili di quella Malindi che io ho vissuto da ragazzo e Mimmo, da elegante padrone di casa, faceva capire senza maschere chi fosse gradito e chi meno. Alla fine, però, per ognuno c’era sempre la possibilità di rimediare ed entrare nelle sue grazie, a patto che non portassero iella al Napoli.
E la passione per “o’ ciuccio”, la sua squadra del cuore, era rimasta l’unica cosa che lo tenesse legato all’Italia e alla comunità malindina, nelle sempre più rare apparizioni al bar. Si era fatto esile e la risicata pensione che gli arrivava finiva in un baleno. 
Ma a noi piace ricordarlo vivace ed acuto, con la classica parlata partenopea e la battuta sempre pronta e ancora più ficcante perché piena della flemma, della filosofia e della classe che fanno grandi i napoletani nel mondo.

TAGS: Mimmo ManciniResidenti MalindiItaliani MalindiGioielliere MalindiKenya Italiani

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Prosegue l'iniziativa degli italiani di Malindi e dintorni "Amatriciana solidale per i terremotati", i residenti e i villeggianti italiani in Kenya aiutano i connazionali colpiti dalla sciagura che ha toccato Lazio, Umbria e Marche.

LEGGI TUTTO

Non esiste la bassa stagione per Papa Remo Beach.
Il locale di Watamu non ha mai...

LEGGI TUTTO

Un bello spot positivo per Malindi grazie alla residente italiana Cristina "Cris" Vittici e alla trasmissione di Rai Italia "Cara Francesca" che da molti anni intervista connazionali residenti all'estero.

LEGGI TUTTO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

L'esplorazione malindina del regista Giampaolo Montesanto ha avuto il suo momento pubblico con la proiezione del documentario "Italiani in Eritrea" e la presentazione del progetto "Italiani in Kenya" a cura dell'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e finanziato dal Ministero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata d'altri tempi e forse d'altra Malindi, quando si riempiva la discoteca Stardust, tempio delle notti brave della costa, anche di pomeriggio.
Tempi in cui le partite di calcio venivano trasmesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Centoquindici persone, montagne di spaghetti all'Amatriciana offerti dalla casa insieme con ostriche e provola.
Lo spettacolo di Freddie e la musica di Sbringo, ma soprattutto la generosità degli italiani di Malindi che in una sola sera, per dare il via...

LEGGI TUTTO

E' ufficiale: Malindi ha un nuovo Console Onorario Italiano. 
E' Ivan Del Prete, 43 anni, connazionale residente a Malindi dal 1997 e già da tempo attivo volontariamente nel garantire la sicurezza ai nostri connazionali a Malindi, Watamu e Mambrui. 

LEGGI TUTTO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Di seguito trasmettiamo le informazioni relative all'assistenza sanitaria in Italia per i residenti all'estero iscritti all'AIRE (Associazione Italiana Residenti all'Estero) e le informazioni relative alla mancanza di copertura sanitaria garantita per chi transita o soggiorna in Kenya.
A cura del...

LEGGI LE INFO ALL'INTERO CLICCANDO QUI

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Di quale Kenya vorrà parlare il giornalista e anchorman Gad Lerner, all'interno del suo nuovo programma "Ricchi e Poveri" che esordisce domani sera, domenica 12 novembre, in seconda serata su Rai Tre?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un pomeriggio significativo per le comunità di residenti e villeggianti di Malindi e Watamu, che hanno partecipato alla presentazione del progetto educativo della Nursery della onlus "Make a Difference" a Kijwetanga, appena fuori Malindi.
Un asilo che ha già ricevuto il...

LEGGI TUTTO