Personaggi

LUTTO

Ucciso Mzee Katana Kalulu, con lui muore un pezzo di storia Mijikenda

92 anni, ex Mau Mau, è stato il guru dell'etnia della costa keniana

17-01-2014 di Freddie del Curatolo

"Se arrivano io sono pronto, li affronterò a petto nudo".
Questo mi aveva detto qualche settimana fa Mzee Katana Kalulu, l'ultimo dei Gohu, dei grandi saggi dell'etnia Mijikenda, di cui fanno parte i giriama, la tribù più popolosa della costa keniota.
Sono quelli in cui si imbatte qualsiasi "mzungu" di Malindi e dintorni, i maggiordomi, le donne di servizio, gli operai, i camerieri, le commesse, i ragazzini e i vecchi che ci sorridono e salutano per le strade e nei villaggi. Un'etnia che è presente da queste parti da sempre, la cui storia è narrata soprattutto per via orale, e appare nelle cronache di viaggiatori cinesi, arabi e portoghesi. 
Mzee Katana Kalulu mi ha raccontato storie e leggende, e teneva in vita con i suoi moniti, le sue preghiere e le sue narrazioni, una tradizione che sta scomparendo. 92 anni, autista per gli inglesi durante la seconda guerra mondiale, poi protagonista dell'Indipendenza sulla costa.
Santone indiscusso e portatore di messaggi di pace. 
Ieri Katana Kalulu è stato ucciso con un colpo di pistola. Giustiziato, come un uomo qualunque, come uno dei tanti anziani che negli ultimi anni sono stati ammazzati con la scusa della stregoneria, in questa nuova inquisizione che brucia la storia dei padri e le origini stesse di chi pensa solo al denaro. Altro che stregoneria, si uccide per interessi, per le proprietà, i terreni che i vecchi possiedono.
E' la nuova religione, il vile sporco denaro che ha già completato il suo ciclo di danni nel mondo occidentale e che sta conquistando come una metastasi lenta e inesorabile questo Continente ancora troppo vergine per non essere intaccato.
Addio alle speranze di vedere un popolo fiero delle sue tradizioni, della sua semplicità e di rituali ed abitudini che faranno sorridere la nostra civiltà, ma che non hanno mai avuto nel loro vocabolario parole come violenza, sopruso e malvagità.
Con Mzee Katana Kalulu i Mijikenda hanno ucciso sé stessi, e la speranza che l'Africa un giorno possa vivere un futuro migliore, guardando indietro all'innocenza di quando era un luogo povero, arretrato, fatalista, magari anche selvaggio e ignorante, ma sicuramente più pacifico, umano, libero e vivibile di qualsiasi altra realtà.
Addio Mzee, rafiki yangu.
Ti piango e piango un mondo che non è più il mio. 
Freddie del Curatolo(17/01/2014) 

TAGS: katana kalulumijikendagiriama

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

S'intitola "Giriama Warriors" la mostra che Gian Paolo Tomasi inaugura venerdì prossimo, 15 dicembre, alle 18 presso la nuova galleria d'arte "Artistaste" di Nairobi, attigua al ristorante italiano "La Salumeria".
La mostra, già presentata in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' raro vedere tanti sguardi tristi tutti assieme, se sono quelli di un popolo che è abituato ad aspettare i segni funesti del destino come eventi naturali che regolano da sempre la vita degli esseri umani, come quella delle piante...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le foreste sacre dell'etnia Mijikenda della costa del Kenya, formata da nove tribù di cui quella dei giriama è la più conosciuta, sono da tempo patrimoni dell'Unesco, ma nonostante ciò rischiano di essere usurpate e che gli abusivi (i cosiddetti...

LEGGI TUTTO

Un evento unico che unisce la cultura della costa keniota, quella dell'etnia Mijikenda, all'arte e alle culture di tutto il mondo, attraverso i veicoli imprescindibili della musica, delle parole e dell'arte visiva. Tutto insieme in una serata dal titolo "La...

LEGGI TUTTO

Oggi a Malindi si celebra l'eroina popolare della cultura Mijikenda Mekatili Wa Menza.
Si tratta della più importante celebrazione tradizionale della popolazione della costa keniana. L'etnia Mijikenda rappresenta infatti le nove tribù che abitano da nord di Malindi fino al confine con la Tanzania.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una due giorni per celebrare la cultura e le tradizioni della costa keniana.
Il "Coastal Cultural Festival" si terrà all'Ocean Beach Resort da venerdì 21 a sabato 22 dicembre, tutto il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Immaginate l’espressione di sconcerto e stupore della signora Zahara ...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Una serata per il Kenya anche a Capalbio, il borgo in Maremma che conta moltissimi amici di Malindi e di Watamu.
Oltre a questo però Capalbio ospita uno dei più interessanti spazi d'arte e di cultura della zona, Il Frantoio,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 

Sono qui di nuovo a raccontarvi di un popolo, di una cultura, della lotta pacata e dignitosa, ma disperata di un'etnia per conservare le proprie tradizioni e proteggere i saggi anziani. 
Qualcuno, spinto dall’emotività scatenata dalla gravissima situazione del Corno...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

Una legge che privilegia l'occupazione locale e gli indigeni della costa.
E' quella passata nel parlamento della Contea di Kilifi nei giorni scorsi.
Una regolamentazione che dal prossimo anno obbligherà le aziende della Contea...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Potrebbe essere presa per un vezzo, considerata tutta una vita dedicata all'arte ad altissimi livelli, la proprietà di una delle gallerie più importanti d'Italia, a Brescia e la collaborazione con fotografi e designer di livello internazionale.
Ma la passione per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per molti di noi è impensabile intraprendere un'esperienza di volontariato in uno dei bassifondi del mondo, nello slum di Nairobi che rivaleggia con le favelas brasiliane per conquistare la triste maglia nera dell'agglomerato suburbano più povero e derelitto del pianeta.

LEGGI TUTTA LA STORIA

Lunedì 20 agosto, dalle ore 20.30, l'Olimpia Club di Casuarina a Malindi ospita un assaggio del primo Malindi Talent Music Festival, iniziativa presentata in anteprima da Maxlife, un gruppo di imprenditori italiani del settore del lusso e dell'eccellenza, in collaborazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO