Personaggi

PERSONAGGI

Wesley Edoardo, la giovane promessa italo-keniana del kart mondiale

Bettinelli, mamma keniota e papà italiano, è primo nel campionato CGR

22-06-2018 di redazione

Il kart mondiale ha una nuova giovane promessa italo-keniana.
Si chiama Wesley Edoardo Bettinelli, ha quattordici anni ed è figlio di madre keniana e di papà Massimiliano che ha vissuto e lavorato in Kenya per sei anni.
Wesley ha abbracciato questo sport cinque anni fa e da allora ha fatto passi da gigante, portando ovunque i colori delle bandiere di Kenya e Italia.
Quest'anno, oltre ad essere stato selezionato per i campionati mondiali SODI della sua categoria (i primi in Italia), dove si è classificato quinto, è al primo posto nel campionato internazionale Briggs&Stratton correndo su Kart CRG, casa campione del mondo nelle ultime due edizioni.
Segno che il ragazzo sta bruciando le tappe, portando il suo kart numero 22 (con i colori del Kenya sul primo 2 e quelli dell'Italia sull'altro) nei circuiti di tutto il Paese e presto anche in giro per il mondo.
"E' stata un'escalation portentosa - racconta orgoglioso il padre - dopo aver scoperto la passione per il goKart e aver sperimentato le prime delusioni di fronte ad avversari più grandi ed esperti, dal 2015 sono iniziati ad arrivare i primi risultati ed alcune gare strepitose che ne hanno fatto intuire il talento. Wesley riesce ad arrivare terzo alla fine del campionato, l'anno dopo 2016 si porta a casa il primo posto, ma non arriva la qualificazione ai mondiali per pochissimi punti, solo nel 2017 non solo arriva nuovamente primo nel campionato della PG corse OMP ma è sempre lui a salire il gradino più alto del podio, ecco quello che aspettava!"
Le otto vittorie gli aprono le porte al mondiale 2018, ma quest'anno padre e figlio hanno deciso di cambiare progetto, farsi conoscere in giro ed abbandonare la "pista di casa" PG Corse per iniziare una nuova avventura e un nuovo campionato: kart più performanti, telaio da corsa di casa CRG , casa plurititolata a livello mondiale, ma Wesley sarebbe troppo piccolo (campionato dai 15 anni e lui ne ha solo 14). 
"Gli organizzatori però lo vedono correre e decidono di ingaggiarlo per il campionato adulti - spiega papà Massimiliano - affermando che farlo correre ancora con la categoria "Junior" gli avrebbe fatto sprecare un anno. Ad Aprile arriva la prima gara, l'emozione è altissima, alla prima prova libera arriva il miglior tempo assoluto, ma poi arriva l'inesperienza, gli altri piloti più esperti modificavano essetto e rapporti, più performanti. Alle qualifiche si assesta 4° su 17 in gara. alla seconda curva del primo giro il misfatto, per un contatto viene buttato fuori, si ritrova diciassettesimo.... inizia la rimonta, uno dopo l'altro vengono superati, uno spettacolo, riesce a chiudere sesto! In gara 2, nuovamente la sfortuna ci mette lo zampino, dopo aver recuperato già una posizione alla terza curva i due davanti si girano fermandosi in mezzo alla pista, Wesley non riesce ad evitarli, li prende in pieno e viene centrato anche lui. E' unadisfatta, con telaio, braccetto dello sterzo, piantone piegati, non c'è che il ritiro.  La strada inizia in salita, ma il ragazzo non si perde d'animo, finalmente dopo alcune gare non proprio belle arriva la svolta sul circuito di Pomposa (FE) con la prima Pole Position, che purtroppo porterà solo al secondo posto,  che comunque sono punti da classifica". 
Infatti, prestazione su prestazione, dopo 9 gare, praticamente a metà stagione è primo a 150 punti, con 25 punti dal secondo ed aspira alla qualificazione al mondiale anche per il 2019 con i kart CRG.
Un orgoglio anche per un Paese con poca esperienza e nessun campione di kart, se si pensa che Wesley Edoardo ha corso, solo per allenamento al Kartodromo GP di Nairobi, dove girandoci per la prima volta ha fatto il nono tempo assoluto della pista ed il record del mese.

TAGS: wesley edoardo bettinellibettinelli kartkart kenyabettinelli kenya

30 aprile 2016.
Una data che entrerà nella storia : il Kenya ha scelto di bruciare, davanti agli occhi del mondo intero, le zanne di elefanti e rinoceronti sequestrati al mercato illegale.
Una cerimonia mediaticamente spettacolare, il più grande rogo...

LEGGI TUTTO

Il Kenya portato in una scuola italiana dagli "Amici dello Tsavo". 
E’ stata una lezione di quasi due ore , ascoltata con interesse e passione dai ragazzi della Scuola Media Enrico Fermi di Fagnano Olona, in provincia di Varese.
Accompagnati...

La trovarono in un secchio abbandonato sotto una tettoia di mabati nella foresta.
Un secchio rosso senza manici, sfregiato da una crepa nera.
Era una mattina di fine luglio, aveva piovuto tutta la notte e c’erano fango e pozzanghere ovunque.LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Se è vero che l’erba del vicino è sempre più verde, allora i kenioti sono molto vicini a noi.
Nel 1762 l’esploratore rasta portoghese Toquinho De Fumeiro approdò a Malindi ed esplorò per primo il bush, la rigogliosa foresta all’interno...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Nei giorni scorsi la Giustizia italiana ha archiviato per sempre uno dei capitoli delittuosi più famosi della cosiddetta “Roma bene”, il massacro del Circeo.
Era il 1975 e due ragazze furono violentate e seviziate (una a morte, l’altra si salvò...

LEGGI TUTTA LA STORIA

E’ bastato il ritorno di Beppe Grillo, e una precisazione di Flavio Briatore (che potete leggere qui), ed ecco di nuovo Malindi in prima pagina. La “solita” Malindi, quella di cui ci eravamo forse dimenticati.
Quale? Quella sotto...

LEGGI TUTTO

In quasi vent'anni di Kenya da amante dell'Africa e della sua Natura è diventato un punto di riferimento per la protezione e la conservazione delle specie animali e del loro habitat. Massimo Vallarin, torinese, ormai alterna l'organizzazione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

ARCHIVIO

Aprile 2010

Tutte le notizie del mese

di redazione


Costa, tapiro per i soldi mai mandati in Kenya
Il Tapiro d'oro di Striscia la notizia stavolta è andato a Edoardo Costa che «per anni con la sua associazione onlus C.I.A.K. non ha inviato tutti i fondi raccolti per...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE


Se i ricchi non si tassano, 3 milioni di poveri in Kenya nel 2015
"Basterebbe tassare dell'1,5% i nuovi ricchi e le Multinazionali e il problema sarebbe risolto". A parlare è il Winnie Byanyima, Direttore Esecutivo di OXFAM, la...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

ARCHIVIO

Maggio 2011

Tutte le notizie del mese

di redazione

Malaria in continuo calo sulla costa
La Malaria sulla costa keniota si avvia, anno dopo anno, a diventare un ricordo, una leggenda legata ai racconti di chi, come chi scrive, se la ricorda più di venti anni fa come un...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE