Reportage

REPORTAGE

Dal Vietnam a Malindi Italia

Così il Qwan Ki Do conquistò i kenioti

07-02-2012 di Freddie del Curatolo

Christopher intaglia il legno al mercatino dell'artigianato locale. 
Dalle sue mani escono giraffe, elefanti, guerrieri maasai. 
Martin porta in giro la gente dei sobborghi di Malindi con il suo "piki piki", la motocicletta cinese che ha comperato a rate infinite.
I suoi piedi scalano le marce, si appoggiano sulle gobbe dello sterrato, su marciapiedi instabili e sentieri sabbiosi. 
Non è una vita facile, è la quotidianità keniota di chi aspira a qualcosa in più del piatto di polenta e verdura. 
Christopher e Martin si ritrovano in palestra tre sere a settimana. Indossano il kimono che hanno comperato (sempre a rate, ovviamente) e conducono la lezione. 
Le mani di Christopher ora disegnano l'aria, il mondo che avrebbero voluto.
I piedi di Martin si alzano in volo, come si alzò l'aereo che lo condusse in Italia per gareggiare. 
Un sogno realizzato. 
A Malindi si pratica il Qwan Ki Do, antica disciplina vietnamita. 
E' stato un appassionato italiano, Franco Oriot, a portare il Qwan Ki Do in Kenya. 
Ha preso in affitto uno spazio nella piazza dei matatu, in periferia. Una terrazza chiusa da cui si domina la miseria costiera africana. 
Alla spicciolata arrivano gli altri. Cinque, dieci, trenta ragazzi che, indossando il kimono, smettono per due ore le loro fatiche, i loro problemi, le contraddizioni di vivere nel luccicante mare della Malindi italiana e di continuare a respirare a boccaglio appena sopra la melma della soglia di povertà. 
Eccoli allinearsi, librare gli arti inferiori come ali immaginarie, spiccare il volo verso oriente, verso una vita migliore. 
Attenti agli insegnamenti di Oriot, ma anche pronti a combattere tra loro, con abnegazione. 
C'è chi fa l'askari e vuole migliorare non solo la propria autodifesa, ci sono houseboy, cuochi, operai. Molti lavorano per noi italiani. 
C'è chi ha una balorda vita di strada da sfogare, chi ha visto la morte sua in faccia e quella dei suoi cari nel cuore. 
E' un gruppo affiatato, si conoscono e attraverso gli stessi movimenti si capiscono ed è come se dividessero i dolori in tanti microtraumi, come se un calcio ben assestato, una giravolta volante, un colpo secco e improvviso, potessero infrangere le sbarre quotidiane dell'indolenza africana. 
"I corsi, gli allenamenti, le gare sono gratis - spiega Oriot - nessuno è obbligato a partecipare, viene soltanto chi ne sente il bisogno, come deve essere. Per questo i ragazzi devono comprare il kimono. Io metto a disposizione la palestra e il mio tempo di insegnante. 
Tutto il resto deve arrivare da loro". 
Eppure riesce ad essere un progetto sociale. Molti di questi giovani sono stati recuperati dal rischio della prigione, dalla droga. 
Alcuni, grazie al Qwan Ki Do, hanno recuperato fiducia in sé stessi e hanno trovato un lavoro. 
Tramonta il sole sulla palestra di periferia. Il mondo, sotto, scompare nell'ombra e nemmeno si chiede se sta continuando a girare. 
Domattina Franco sarà di scena dai Christopher e Martin di domani, dai bambini di un orfanotrofio di Mijikenda, che stanno imparando a danzare in vietnamita.
Hanno fretta di imparare, i bambini. Per loro Christopher e Martin sono due eroi, due simboli. 
Loro ce l'hanno fatta. 
E adesso possono insegnare loro, con costanza e disciplina, a disegnare l'aria, a disegnare il mondo. 
Il mondo più vicino possibile a quello che vorrebbero. 

FOTO GALLERY
TAGS: Qwan Ki Do KenyaFranco Oriot

La catena di solidarietà partita dall’ambasciata keniana dell’Ordine dei Cavalieri di Malta e promossa anche attraverso il sito, con la complicità della connazionale Rita Valentini, è approdata al risultato sperato, quello di portare una cisterna d’acqua e un camion contenente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una bella serata rievocativa a Malindi per festeggiare il cinquantesimo anniversario del primo lancio di un missile dalla base italiana San Marco di Ngomeni.
L'emozione è stata rappresentata dal ritrovare alcuni veterani che hanno lavorato in quegli anni così lontani,...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

All'Olimpia Club di Malindi ormai la musica è di casa e ben si coniuga con ostriche, crostacei ed altre specialità non solo di mare.
Oltre al passaggio di Antonello Venditti, che ha regalato scampoli della sua vocalità, pur non potendo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un anniversario che non può passare inosservato, non solo a Malindi e in Kenya, ma in tutta Italia.
Mercoledì prossimo, 26 aprile, cade il cinquantesimo anniversario del primo lancio in orbita di un satellite italiano dalla base spaziale San Marco di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre, per fortuna, accade come in "La musica è finita", la canzone scritta da Umberto Bindi e Franco Califano che Ornella Vanoni portò al successo:
A Malindi la musica non finisce mai, anche se qualche amico se ne va.
 

LEGGI TUTTO

Una serata d'altri tempi e forse d'altra Malindi, quando si riempiva la discoteca Stardust, tempio delle notti brave della costa, anche di pomeriggio.
Tempi in cui le partite di calcio venivano trasmesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I risultati delle votazioni della Contea di Kilifi sono stati sospesi ieri sera dalla Commissione Elettorale del Kenya IEBC dopo la denuncia di irregolarità nei seggi di alcune circoscrizioni da parte di politici locali appartenenti a vari schieramenti.
Gli aspiranti governatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 26 aprile 1967, al fianco del suo mentore Luigi Broglio, il tecnico italiano Franco Esposito era nella squadra che organizzò a nord di Malindi il lancio del primo satellite nello spazio dall'Est Africa.
Oggi, cinquant'anni dopo, il cittadino keniano Franco Esposito, meglio conosciuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è qualcosa di interessante sotto l'Oceano Indiano al largo di Malindi.
Questa è la sensazione di uno dei più importanti archeologi marini italiani...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

E' uno dei formatori professionali e motivatori di manager aziendali più importanti d'Italia, ha scritto saggi e trattati sull'argomento e ha lavorato con le più importanti realtà italiane.
Parliamo di Alessandro Chelo, genovese che ha insegnato a centinaia di dirigenti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'esplorazione malindina del regista Giampaolo Montesanto ha avuto il suo momento pubblico con la proiezione del documentario "Italiani in Eritrea" e la presentazione del progetto "Italiani in Kenya" a cura dell'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e finanziato dal Ministero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' un grande giorno per l'archeologia marina keniana.
A Malindi sono arrivati tre esperti di fondali italiani: il sovraintendente del Mare della Regione Sicilia Sebastiano Tusa e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale Indipendente del Kenya (IEBC) annuncerà questo pomeriggio il nome del nuovo Presidente della Repubblica del Kenya.
Nome scaturito dalle votazioni nazionali che, secondo gli osservatori internazionali e la stessa IEBC si sono tenute in maniera limpida e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La prima cosa di cui si informò fu se nella suite ci fosse l’aria condizionata con il telecomando. 
“Io il caldo non lo sopporto”. 
Il Califfo parlava con l’inconfondibile afonia nasale e con l’altrettanto inconfondibile accento laziale.
“Eppure sei sempre...

LEGGI TUTTO

Se n'è andato proprio negli storici giorni in cui gli Stati Uniti sono tornati nella "sua" Cuba. Mentre Barack Obama, il Presidente con sangue keniano, metteva fine all'annoso embargo, rilanciando il turismo americano, il fondatore del Casinò di Malindi e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO