Reportage

LUOGHI

Food Movement, creatività e gusto a Kilifi

Alla scoperta di uno spazio tra natura e buona cucina

24-10-2019 di Freddie del Curatolo

Fino a trent’anni fa Kilifi era la Happy Valley della costa keniana.
Appena dentro l’insenatura chiamata creek e le insenature di Takaungu, tra improvvise scogliere a picco sul mare e bianche spiagge nascoste, apparivano distese di alberi da frutto e di anacardi, verdi pascoli per bovini e ovini, filari di sisal a perdita d’occhio e campi di mais.
Oggi gli spazi infiniti della “Kilifi Plantation” non sono più il vanto dell’agricoltura della regione costiera, la produzione di latte, succhi di frutta ed altri prodotti è limitata, la grande fabbrica dove si lavoravano i frutti dell’anacardio ha chiuso e tanti granai, fornaci, fabbriche e capannoni sono stati trasformati in progetti sociali, cooperative locali, piccole aziende.
Basta entrare nella strada di Mnarani, subito dopo il ponte di Kilifi, arrivando da Malindi, superare la barriera ed esplorare le piste sterrate in mezzo al verde e ai baobab.
Tra chi ancora lavora il sisal e altri creativi di cui parleremo in seguito, un cartello vi inviterà a scoprire un insolito locale.
Si chiama “Food Movement” ed è all’apparenza una tavernetta tra casoni diroccati ed edifici dismessi, con tavolacci di legno grezzo in una veranda ai piedi di un imponente ficus benjamin dove spicca un’altalena ricavata da una canoa locale.
Ma sono tante le intuizioni di questo locale, a partire dai graffiti alle pareti, che portano direttamente a due giovani artisti che hanno fondato "4 shore", una linea che commercializza t-shirt ed altri indumenti con disegni originali prodotti con tinte totalmente naturali.
C’è anche un piccolo shop dove si possono acquistare marmellate e chutney bio della zona, polvere di baobab, chili ed altre prelibatezze sane e originali, oltre che artigianato e magliette.
Non lontano da quello che sembra un cascinale di campagna modello comunità post-sessantottina, c’è l’Oceano Indiano e i tanti immancabili giovani, provenienti da ogni angolo d’Europa e dal Kenya si divertono con il kite e la pesca d'altura. Ma la vera sorpresa è la cucina (altrimenti che “Food Movement” sarebbe?), affidata a donne del luogo che hanno imparato l’arte culinaria avvalendosi anche della presenza per alcune settimane di una chef irlandese estrosa e capace, proponendo abbinamenti accattivanti e originali di cibi e presentazioni colorate ed artistiche dei piatti.
Il tonno affumicato viene servito su leggerissime focaccine fritte e un letto di avocato, rucola e noccioline caramellate, i tacos di pesce o gamberi saltati nella birra con salsa piccante al tamarindo e tante insalate fantasiose con prodotti a chilometro zero che sono anche vendibili nel reparto ortofrutticolo che praticamente è in mezzo alla sala ristorante. Il menù è scritto su una lavagna e cambia ogni settimana, con alcuni punti fermi che sono frittate, uova strapazzate e unite ad avocado o altri “topping” e per i golosi, i mahamri al cioccolato.
Si mangia così, si beve birra (o analcolico) e soprattutto si gode in mezzo alla semplicità, a giovani positivi e spensierati e alla creatività. Il tutto in un paradiso di natura e silenzio alle porte di Kilifi, ovvero a tre quarti d’ora da Malindi e a poco più di un’ora da Mombasa.

TAGS: locali kilificibo kilificreatività kenyanatura kenyabio kenya

La Bio Ken Snake farm di Watamu è sicuramente uno dei luoghi più interessanti ed utili da visitare nella cittadina turistica.
La struttura che...

LEGGI L'ARTICOLO

Una legge che privilegia l'occupazione locale e gli indigeni della costa.
E' quella passata nel parlamento della Contea di Kilifi nei giorni scorsi.
Una regolamentazione che dal prossimo anno obbligherà le aziende della Contea...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi torna a scommettere sugli anacardi.
Uno dei prodotti di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno studio di fattibilità condotto dall'Organizzazione per la ricerca agricola del Kenya (Kalro) e dal...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi da oggi è in mostra per tre giorni al TTG di Rimini.
Il Governo della regione a nord di Mombasa, che ha in Kilifi il suo capoluogo e in Watamu, Malindi, Mayungu e Mambrui le sue...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dall'incontro pubblico dell'Ocean Beach con la Contea di Kilifi sono emerse alcune novità che riguardano la possibile risoluzione dell'ormai annoso problema dello smaltimento dei rifiuti a Malindi.
Situazione resa insostenibile dal ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Costa Nord del Kenya, da Magarini a Kilifi di nuovo in ambasce per la chiusura dei rubinetti dell'acqua da parte del Coast Water Service Board, che amministra la centrale idrica di Baricho da cui proviene la quasi totalità del rifornimento...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se il buongiorno si vede dal mattino...il lancio della nuova piattaforma digitale "This Is Kilifi", ideata dalla Contea di Kilifi per promuovere le sue destinazioni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Già pronti 30 milioni di euro da parte di investitori nazionali e stranieri per lanciare progetti industriali nella Contea di Kilifi.
Lo ha annunciato il Governatore Amason Kingi a margine del convegno di Kilifi sull'economia e gli investimenti nella contea...

LEGGI TUTTO

Malindi, Watamu e la Contea di Kilifi si promuovono anche quest’anno con il magazine in inglese ''What’s Best in Kilifi County’’.
E’ uscita in questi giorni.....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'annoso problema dell'erogazione d'acqua dagli impianti del bacino idrico di Baricho, che servono tutta la costa e l'entroterra da Malindi a Kilifi e parte di Mombasa, potrebbe essere risolto da un'azienda tedesca.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un duro colpo in vista delle elezioni nazionali del prossimo agosto per il Governatore di Kilifi Amason Kingi e per il suo partito, l'Orange Democratic Movement del leader dell'opposizione e sfidante del presidente in carica, Raila Odinga.
 

LEGGI TUTTO

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama “What’s Best in Kilifi County” (Cosa c’è di meglio nella Contea di Kilifi) ed è la prima edizione di un magazine patinato in distribuzione gratuita che mostra le bellezze e le principali attività legate al turismo di Malindi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA RIVISTA NELLA GALLERY

Qualcosa si muove sul fronte dell'emergenza acqua che ogni mese mette in ginocchio buona parte della costa keniana.
Dopo le proteste di imprenditori e residenti della scorsa settimana, sfociate da una parte in una conferenza stampa degli hoteliers a Watamu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO