Ultime notizie

NEWS

Apre il cantiere italiano della cittadella tecnologica del Kenya

Konza City, vicino a Nairobi sarà costruita dalla compagnia Maltauro

06-08-2018 di redazione

E' stato inaugurato nei giorni scorsi il cantiere "italiano" di Konza City, la cittadella tecnologica keniana vicino a Nairobi, che nella "vision 2030" dell'attuale Governo dovrebbe diventare la nuova "Silicon Savannah" dell'Est Africa.
Konza City sarà costruita da un'azienda italiana, l'Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro di Vicenza che lo scorso anno aveva vinto l'appalto da 40 miliardi di scellini (quasi 350 milioni di euro) per edificare la città tecnologica pensata già nell'era dell'ex Presidente Kibaki ed il cui sviluppo è stato confermato dall'attuale leader Uhuru Kenyatta.
L'impresa italiana, molto attiva negli Emirati Arabi, è stata selezionata come committente generale. A lei è stato affidato il compito di progettare le infrastrutture per la prima fase del progetto e di procurare i materiali e le attrezzature necessarie.
Da questa settimana la  Giuseppe Maltauro supervisionerà la costruzione di infrastrutture: strade, condutture d'acqua e fognature dell'aerea di 400 acri di Konza City.
I documenti relativi al progetto indicano 40 chilometri di strade totali, parchi e giardini, grattacieli e hotel e modernissimi servizi di distribuzione idrica, raccolta e depurazione delle acque reflue, tutto in modello Dubai.
Si prevede inoltre che ICM costruisca un impianto di recupero dell'acqua e un serbatoio per la città.
Secondo Gideon Moi, sovrintendente per la tecnologia in Senato, Konza City rappresenterà un grande stimolo di approdo lavorativo per i tanti giovani che rischiano di finire nelle spire della disoccupazione, dopo gli studi. Nel frattempo è anche una possibilità per migliaia di operai che verranno impiegati nel cantiere. La prima fase del progetto di costruzione dovrebbe vedere la luce nel novembre 2018, ma già nei mesi scorsi si sono accumulati ritardi nella partenza, per indagare su presunti casi di corruzione.

TAGS: konza tecnologicaimpresa italiana kenyamaltauro kenyacittadella kenya

La "Silicon Valley" keniana Konza City sarà costruita da un'azienda italiana.
L'Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro di Vicenza ha vinto l'appalto da 40 miliardi di scellini (quasi 350 milioni di euro) per edificare la città tecnologica pensata dall'ex Presidente Kibaki e voluta dall'attuale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamava "Jumba La Mtwana", dove "jumba" in kiswahili significa "casa".
Era una cittadella araba sorta nel XIII secolo dopo Cristo sulle rive dell'Oceano Indiano, poco distante dall'insenatura dell'odierna Mtwapa, a una ventina di chilometri a nord di...

LEGGI L'ARTICOLO, GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Dopo il chiacchierato appalto della "Silicon Savannah" in Kenya da parte di un'azienda italiana, la Maltauro, una società di progettazione integrata a capitale italiano, Politecnica, è stata incaricata di realizzare l'East African Kidney Institute Centre of Excellence a Nairobi, modernissimo polo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riuscire a coinvolgere cento connazionali a sera, nella vacanziera Malindi, un tempo definita "colonia" italiana e oggi (un po' decaduto) luogo di villeggiatura internazionale che non ha perso il suo fascino e la sua magia, era una scommessa.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'associazione "Amici di Malindi e dintorni Onlus" nasce nel 2000 da un incontro tra il Vescovo di Taranto Guglielmo Motolese e lo storico creatore della Diocesi di Malindi, Monsignor Francis Baldacchino.
Grazie al rapporto consolidato tra Motolese e l'ospedale San...

LEGGI TUTTO

Ha scelto i festeggiamenti del Madaraka Day, il giorno della Costituzione, il Presidente del kenya Uhuru Kenyatta, per fare un annuncio tranquillizzante e di pace in vista delle prossime elezioni nazionali, previste per l'otto di agosto.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La velocissima crescita tecnologica del Kenya non può che avere qualche rovescio della medaglia.
Secondo una ricerca pubblicata dall'agenzia Serianu in collaborazione con la United States University of Kenya e sulla base di un sondaggio del Price Waterhouse Coopers (PWC),...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Conoscevo George, per questo voglio scrivere di lui.
Quando lo incrociavo, una manciata d'anni fa, faceva ancora il "beach boy".
Ma era uno di quelli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha girato un po' tutto il mondo Margherita Maresca e ha avuto una vita avventurosa: a piedi in Somalia, nella foresta del Congo, e ancora tra oceani e deserti. Ora l'italiana residente a Watamu, conosciuta particolarmente per i suoi arazzi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il consueto "pizza festival" del People Kiwi di Malindi, che tanto successo sta mietendo da ottobre a questa parte ogni settimana, questo lunedì prevede anche un fuori programma del tutto particolare.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Olimpia Club di Casuarina a Malindi propone stasera la serata degli gnocchi.
Una vera specialità italiana fatta in casa dagli chef del locale malindino con la ricetta di una volta e con condimenti a piacere: i classici al sugo di...

LEGGI TUTTO

Venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 , alla Kingdom Hall di Malindi, di fronte all'Hotel Rafiki. si terrà a un congresso che si sta tenendo in tutto il mondo è che verrà trasmesso in lingua italiana. 

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già tre le società private che vendono energia solare in Kenya, e una quarta azienda ha chiesto recentemente l'approvazione per entrare nel mercato al dettaglio dell' elettricità.
Si tratta di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sono diari di viaggio che si leggono come atlanti geografici, altri noiosi come filmini delle vacanze altrui. Ci sono romanzi a tappe travestiti da manuali intergalattici per autostoppisti ma che in realtà sono autobiografie belle, buone e utili a...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE