Ultime notizie

NEWS

Briatore estenderà il muro al Parco Marino, proteste dei barcaioli

Il manager Chai: "E' tutto in regola", la cooperativa "Peggiorerà la situazione"

30-03-2017 di redazione

Situazione molto tesa al Parco Marino di Malindi tra la cooperativa dei barcaioli e il management del Billionaire del tycoon italiano Flavio Briatore.
La questione è nota ed annosa, riguarda il muro di cinta fatto erigere da Briatore a salvaguardia del suo residence-resort di lusso. 
L'erosione della spiaggia ha infatti nel corso degli anni "mangiato" la zona lettini a ridosso del bagnasciuga e ha costretto la struttura a sradicare la prima fila di palme e alcuni alberi di Casuarina.
Ma secondo i barcaioli la costruzione del frangiflutti ha anche deviato le correnti, andando a mangiarsi anche la spiaggia pubblica del Marine Park, rovinando il litorale e costituendo un danno enorme per l'intero ecosistema della zona.
Ora, per ovviare all'erosione da più parti, Briatore ha deciso di estendere il muro, costituito da grosse pietre di corallo tenute tra loro con un'armatura di ferro.
Da qui l'ulteriore protesta che, come riferisce il quotidiano nazionale The Star, è stata piuttosto animata.
Il chairman della cooperativa dei barcaioli Twalib Ali ha lanciato l'allarme: "Quel muro porterà via l'intero parco marino, dopo aver peggiorato la situazione e procurato danni alla natura". Il riferimento è agli alberi abbattuti e anche alla zona di riproduzione delle tartarughe che storicamente arrivavano da quelle parti a fare i loro nidi. Per questo motivo alla protesta hanno aderito anche le associazioni ambientaliste locali, che promettono di tornare a marciare sulla spiaggia della riserva marina di Malindi.
Twalib Ali ha ribadito di non essere mai stato contrario alla costruzione del resort, ma condanna la proprietà per non avere mai ascoltato le suppliche di non erigere quel muro.
Dall'altra parte, il manager dell'imprenditore piemontese, Philip Chai, assicura di avere tutti i permessi per estendere il muro indispensabile a proteggere la struttura billionaria. La sovrintendenza ai beni naturali (NEMA) e il Kenya Wildlife Service non sono intervenuti e questo depone sicuramente a favore di Briatore. Ma la questione sicuramente non finirà qui. 
Il problema dell'erosione delle spiagge costiere non riguarda solo Malindi.
Anche la proprietà dell'Hemingway di Watamu è alle prese con la costruzione di un muro di cinta molto alto e con fondamenta profonde sulla spiaggia della Turtle Bay. 
Da mesi ci sono addirittura le ruspe sulla riva dell'oceano, ma anche in questo caso sono stati rilasciati regolari permessi.

TAGS: Briatore MalindiParco Marino MalindiBillionaire Malindi

Flavio Briatore è tornato a Malindi, nell'oasi del suo Billionaire e con lui non solo c'è la famiglia, ma sono tornati gli amici, i figli degli amici e qualche altro personaggio alla scoperta di un Kenya tornato ad essere considerato...

LEGGI TUTTO

Non solo vacanza per il tycoon Flavio Briatore, da sempre sponsor di Malindi e non solo perché vi ha investito parecchi soldi.
L'ex longa manus della Formula Uno ha incontrato il neo Ministro del Turismo Najib Balala e ha ribadito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rammarico è che quest'anno i turisti avrebbero potuto essere molti di più, se solo le compagnie aeree ci avessero creduto maggiormente.
Non solo quelle del cosiddetto "turismo domestico", che hanno lasciato a casa almeno 400 persone da Natale ad...

LEGGI TUTTO

L'occasione è propizia, ora più che mai prima che come successe nel 2005, tutti salgano sul carro del vincitore e i prezzi tornino a lievitare.
L'occasione del mese su Malindikenya.net è un miniresort da prendere in gestione a Malindi, zona...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Da giovedì 23 marzo a domenica 27 le imbarcazioni del Kenya Wildlife Service saranno impegnate nella più grande operazione di censimento marino mai svolta nelle acque territoriali keniane.
Lo ha annunciato il portavoce del KWS Paul Gatitu, che ha illustrato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Flavio Briatore ha deciso di vendere il suo prestigioso resort-Spa Lion In The Sun a Malindi.
L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa del suo manager Philip Chai, che è anche il direttore dell'associazione degli hotelier della costa nord keniana. Dichiarazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' una storia che si ripete ogni anno: alla giornata internazionale della pulizia delle spiagge, a cui Malindi partecipa grazie all'organizzazione del Kenya Wildlife Service nella sede del Parco Marino, partecipano molti studenti, tanti volontari locali e anche qualche straniero,...

LEGGI TUTTO

Lo ammetto, quando un turista italiano o, peggio, un residente, chiama i banchi di sabbia che affiorano sullo splendido tratto di mare tra Malindi e Watamu “Sardegna 2”, ho un sussulto di cuore che si trasforma in empito di rabbia...

LEGGI TUTTO

Mai un mare così bello a Malindi come quest'anno.
Nessuno tra residenti storici, pescatori, operatori turistici e cittadini di Malindi, ha memoria di un oceano indiano così cristallino e blu davanti alla cittadina.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

L'occasione è offerta dalla Giornata Mondiale della pulizia delle spiagge, a cui il Kenya partecipa nelle più belle località della costa.
Ma in realtà quella di pulire la spiaggia da detriti, plastica ed altri rifiuti, dovrebbe essere un'abitudine a cui...

LEGGI TUTTO

Tra i progetti che il Ministero del Turismo intende lanciare per migliorare l'appeal e i servizi della costa nord del Kenya, c'è anche la strada asfaltata che unirebbe Malindi a Watamu, via Parco Marino e Mayungu. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più di trent'anni a Malindi con la stessa compagna, con lo stesso socio in affari, con inalterato amore per il Kenya, il suo clima e la sua natura. 
La storia di Armando Cerato, cuneese arrivato per la prima volta a...

LEGGI TUTTO

Conchiglie nelle abitazioni keniote: basta una ricevuta del negoziante, o della bancarella (con timbro o dati certi del venditore) e non ci saranno problemi.
Un altro passo avanti per la corretta detenzione di conchiglie nelle case di Malindi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO