Ultime notizie

ULTIMORA

Caos post elezioni nei ghetti, sulla costa tutto tranquillo

11 morti a Mathare, proteste a Kisumu, festa per i governatori a Mombasa

12-08-2017 di redazione

Il Kenya è una nazione grande tre volte l'Italia e molto più difficile da percorrere di qualsiasi Nazione europea per intero.
Nel quadro delle proteste post-elettorali di oggi, seguenti alla nomina di Uhuru Kenyatta quale Presidente del Kenya per il prossimo quinquennio, c'è sicuramente da fare importanti precisazioni e distinguo di tipo geografico, geopolitico ed etnico per chi non conosce abbastanza il Paese africano in questione e magari ha prenotato proprio in questo periodo o nell'immediato futuro una vacanza, un safari, un viaggio di lavoro.
Ci sono stati scontri stanotte e questa mattina in Kenya, ma esclusivamente (per adesso e speriamo non oltre oggi, giorno in cui ancora la questione è calda e accesa e la delusione di una fazione politica, sociale ed etnica è ancora viva come una ferita aperta) in due slum periferici di Nairobi, quelle bidonville quasi impenetrabili per i turisti e gli occidentali, se si escludono coraggiosi giornalisti e persone legate ad organizzazioni internazionali.
Più o meno come avviene in altre zone del mondo disagiate e sempre sul filo di ribellioni date da miseria e condizioni umane al limite.
Questo sicuramente è un limite di un Paese in crescita economica e sociale come il Kenya, ma nessun commentatore, giornalista o politologo in buona fede dovrebbe sentirsi in grado di dare la colpa a quello o a questo politico. Nessuno ha mai preso le difese di una schiera di ultimi, quasi fastidiosi esseri che il sistema mondiale, non solo quello africano (i ghetti storicamente non nascono certo in Africa) ha confinato lì.
In ogni caso quello che il nostro portale, che nasce come un sito di informazione giornalistica proiettata verso il turismo prettamente italiano e votata alla promozione del territorio keniano, particolarmente della sua costa ma anche delle bellezze naturali e paesaggistiche che si possono raggiungere da Mombasa, Malindi e Nairobi, può fare è cercare di informare senza il minimo interesse a drammatizzare, ma nemmeno senza dover difendere niente e nessuno, considerati i suoi lettori vaccinati a come va il mondo oggigiorno.
Tra ieri ed oggi ci sono stati circa 10 morti nello slum di Mathare e parecchi feriti in colluttazioni tra gruppi di dimostranti non certo pacifici anche nello slum di Kibera e nelle periferie di Kisumu, terza città del Kenya e roccaforte storica dell'Opposizione perché l'etnia Luo è la stessa del suo candidato presidente Odinga.
Nel resto del Kenya, a quanto trasmettono le fonti di agenzie e quotidiani locali, ma anche numerosi amici e corrispondenti volontari di malindikenya.net, la situazione è tranquilla.
Ai festeggiamenti per Kenyatta i molte cittadine della Rift Valley e alla calma di Nairobi centro e dei suoi quartieri residenziali, fa eco il festeggiamento in una Mombasa serena dei due confermati Governatori della Contea di Mombasa appunto, e di quella di Kilifi che interessa anche le località turistiche di Malindi e Watamu. Hassan Joho e Amason Kingi hanno festeggiato insieme e il clima di gioia di questa loro elezione ha stemperato la delusione locale per la non affermazione del leader dell'alleanza di cui fanno parte i due.
Quindi per tutti quelli che sono a Malindi e a Watamu, nessun problema (hakuna matata come si suol dire qui) e anche a Mombasa, dove atterrano molti voli di chi è diretto sulla costa, la situazione è sotto controllo.

TAGS: Elezioni KenyaCaos KenyaKenya scontriKenya situazione

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

Ha scelto i festeggiamenti del Madaraka Day, il giorno della Costituzione, il Presidente del kenya Uhuru Kenyatta, per fare un annuncio tranquillizzante e di pace in vista delle prossime elezioni nazionali, previste per l'otto di agosto.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kenya: le zone frequentate dai turisti rimangono più che tranquille.
Le manifestazioni violente nelle roccaforti dell’opposizione sul Lago Vittoria, a Kisumu, Homa Bay e Kisii, hanno causato un morto e qualche contuso, con alcuni pneumatici bruciati.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un segno di distensione nell'arroventato clima politico del Kenya, in vista del countdown verso le elezioni presidenziali del 26 ottobre prossimo.
L'alleanza NASA del candidato Raila Odinga, che formalmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Solo giornalisti senza etica professionale, senza passione per il loro mestiere e in completa malafede possono titolare, come ha fatto "Repubblica" ieri, "Kenya nel caos". In prima pagina, ovviamente, quando nell'articolo interno si parlava di una sentenza storica e di democrazia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Com'è distante il mondo della Costa keniana dal nord del Paese.
Lo si nota particolarmente quando, come nel caso di eventi nazionali come le elezioni, ci sono proteste, scontri e manifestazioni.
Nei quartieri poveri e periferici di Nairobi, dove purtroppo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Saranno 150 mila i dipendenti delle forze dell'ordine nazionali chiamati a garantire la pace in vista delle prossime elezioni governative, previste per il prossimo 8 agosto. Gli agenti saranno utilizzati a partire dall'inizio ufficiale della campagna elettorale, fissato per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla fine il buon senso ha prevalso.
Probabilmente davanti al caos del giorno successivo alla proclamazione del nuovo Presidente e alle dichiarazioni animose della sua fazione, Raila Odinga ha preferito non scaldare ulteriormente gli animi di quella parte di nazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I Ministeri degli Esteri dei Paesi i cui cittadini frequentano assiduamente il Kenya non hanno emesso alcun comunicato particolare in vista delle elezioni nazionali di agosto, segno che la situazione attuale non desta particolari timori.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uhuru Kenyatta sarebbe confermato Presidente della Repubblica del Kenya.
Questo dice il più recente sondaggio dell'agenzia specializzata IPSOS, che segnala il leader del partito di Governo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale del Kenya chiede tempo per produrre i risultati ufficiali delle elezioni nazionali del 2017.
Il presidente della IEBC, Wafula Chebukati, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale davanti alla stampa nazionale ed internazionale.
"Vi chiedo di attendere i risultati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Flavio Briatore ha deciso di vendere il suo prestigioso resort-Spa Lion In The Sun a Malindi.
L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa del suo manager Philip Chai, che è anche il direttore dell'associazione degli hotelier della costa nord keniana. Dichiarazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La grande e pacifica manifestazione di ieri a Mombasa, da parte dell'Opposizione, si è svolta in un clima pacifico, dimostrando che (a parte le roccaforti di Odinga e dei suoi fedelissimi) il Paese non ha voglia di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala esce allo scoperto, alla vigilia della più importante manifestazione fieristica del settore nel suo Paese e denuncia il calo degli arrivi internazionali nel Paese e l'occupazione delle strutture alberghiere da parte di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Corte Suprema del Kenya ha accolto il ricorso dell'Opposizione rappresentata dall'Alleanza Nasa e dal suo candidato presidente Raila Odinga, annullando il risultato delle elezioni nazionali.
Ciò rappresenta un fatto senza precedenti in una Repubblica del Continente africano.
I giudici della Corte,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO