Ultime notizie

MALINDI

Cappella portoghese e cimitero in restyiling

La storia della Malindi europea inizia qui

05-10-2016 di redazione

Tra il baobab e la punta di Vasco Da Gama, sormontata dall'enorme monumento di pietra eretto in onore del navigatore lusitano, sopravvive la storia della prima Malindi europea.
Una storia che in questi giorni il Museo di Malindi sta ripulendo dalle ingiurie del tempo e dalla noncuranza delle odierne generazioni.
La cappella portoghese e il cimitero sono in restauro e abbellimento.
E' già stata approntata una pavimentazione in galana e anche le colonne d'ingresso saranno restaurate, così come il tetto in makuti del luogo in cui San Francesco Saverio disse messa in suffragio dei marinai periti nel lungo viaggio verso le Indie.
La storia del cimitero sorto di fianco alla Cappella è più recente. Infatti il luogo in cui i primi marinai (si dice quelli morti per un'epidemia di peste scoppiata a bordo, dopo aver lasciato il Mozambico) furono seppelliti era molto più vicino al mare, che in 500 anni si è ritirato di almeno duecento metri. L'attuale cimitero invece raccoglie i resti dei primi inglesi di stanza a Malindi, dalla fine dell'Ottocento ai primi del Novecento. Pedine dell'Impero Britannico che avevano varie mansioni di comando e coordinamento, e che trovarono la fine del loro percorso terreno sulle rive dell'Oceano Indiano. All'interno del cimitero, c'è un giovane tuttofare che accoglie i turisti e spiega loro per sommi capi la storia del sito che rimane una delle poche attrazioni "archeologiche" e storiche di Malindi.

TAGS: Cappella portoghese MalindiMalindi cimiteroPortoguese Chapel Malindi

La presenza portoghese a Malindi iniziò con l’arrivo di Vasco de Gama nel 1498. E’ noto che la cappella fu costruita alla fine del XV secolo. E’ piuttosto sorprendente che le autorità di un’antica città islamica autorizzassero la costruzione di...

LEGGI TUTTO

Il suo corpo è stato trovato ormai senza vita dalla moglie, nella loro accogliente casa di Langata a Nairobi.
Esmond Bradley-Martin, settantacinque anni, era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Costa solo Kshs.1000 all'anno la tessera della "Malindi Museum Society", ed è un modo, per chi gravita a Malindi, per sostenere la cultura e foraggiare chi organizza mostre, incontri e tiene archivi e piccole biblioteche storiche vive.
Con la tessera...

LEGGI TUTTO

Il sospetto che farlo proprio adesso possa essere una mossa elettorale che sposta una piccolissima percentuale di voti, sorge spontaneo.
Sta di fatto che ciò che tanti cittadini kenioti di origine indiana, pakistana e del Bangladesh chiedevano da tempo e che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Autunno, tempo di funghi.
Questo è ciò a cui ci rimanda la tradizione gastronomica italiana, legata a quel che la terra riesce ancora a regalarci.
Ma anche in Kenya esistono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Partirà venerdì 30 marzo la nona edizione del Malindi Multicultural Festival.
La kermesse locale di danze, esibizioni, incontri e musica anche quest'anno si terrà negli spazi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stata celebrata lo scorso fine settimana a Nyeri, cittadina a nord di Nairobi, la beatificazione della suora italiana Irene Stefani. 
La beatificazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è qualcosa di interessante sotto l'Oceano Indiano al largo di Malindi.
Questa è la sensazione di uno dei più importanti archeologi marini italiani...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Baby Marrow Art & Food di Malindi apre una finestra sul popolo Makonde e sulla sua arte di scolpire il legno.
Il popolo mozambicano dei Makonde oggi è famoso in tutto il mondo per le sue sculture, ma ha una...

LEGGI TUTTO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi è una cittadina che si affaccia sulle rive dell’Oceano Indiano, situata a 120 km circa da Mombasa e a poche miglia dalla foce del fiume Sabaki, che nel suo alto corso viene chiamato Galana ed è di fatto il...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI SU MALINDI

L'Oceano Indiano, tra le sue meraviglie e bontà ittiche, abbonda di calamari.
La popolazione locale, specie i swahili della costa, non li amano particolarmente e sono soliti cucinarli alla griglia, oppure insieme al polpo in un guazzetto con sugo di...

LEGGI LA RICETTA

E' un grande giorno per l'archeologia marina keniana.
A Malindi sono arrivati tre esperti di fondali italiani: il sovraintendente del Mare della Regione Sicilia Sebastiano Tusa e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo chiamano il corridoio. 
Ma non è quello con le mattonelle a rombi di una vecchia casa, nobile o di ringhiera che sia, con la padrona anziana che lo asfalta avanti e indietro con le pattine ai piedi. 
Questo è...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Malindi potrebbe essere una delle mete più importanti dell'Africa per l'archeologia marina.
Nei fondali al largo della costa nord del kenya sono nascosti segreti di oltre 2000 anni di storia.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO