Ultime notizie

NEWS

Cresce la fame nell'entroterra di Malindi

Tra aiuti e campagne elettorali, c'è chi si vende la figlia

13-04-2017 di redazione

Una situazione senza precedenti e pensarla nel Kenya che cresce economicamente è ancora più triste e assurdo.
La fame nell'entroterra della Contea di Kilifi ormai è una morsa insopportabile anche per una popolazione notoriamente adattabile e paziente come quella della costa keniana.
Mesi di siccità e aumento dei prezzi dei generi di prima necessità hanno portato gran parte degli abitanti dei villaggi fuori dalle cittadine turistiche a soffrire più del dovuto per questa grave crisi per la quale il governo ha già dichiarato la "calamità naturale", anche se proprio così naturale non è.
In questi giorni si susseguono gli aiuti di NGO, multinazionali e associazioni filogovernative, con il supporto o solamente il patrocinio di politici candidati alle prossime elezioni.
Ed è questa l'unica possibilità di salvezza per la povera gente della costa: l'approssimarsi della tornata elettorale e la relativa campagna che prevede anche regalie e un po' di sana beneficenza. 
Nel frattempo però, come segnala un'inchiesta del quotidiano nazionale The Standard, la siccità che ha minato la salute di bovini e ovini di proprietà di tribù per cui bestiame e raccolto agricolo sono da sempre le uniche risorse, ha costretto tanti capifamiglia a soluzioni estreme: si sono segnalate vendite di figlie ancora minorenni a connazionali, spesso anziani, per poter usufruire della dote che consiste spesso in capre o mucche, oltre che un corrispettivo in denaro.
Gesti disperati che devono essere evitati.
Per far fronte all'emergenza alimentare nell'entroterra di Kilifi, nei giorni scorsi il Ministro delle risorse minerarie Dan Kazungu ha coinvolto una grande azienda indiana nella distribuzione di pacchi di farina, fagioli e latte per 20.000 gruppi familiari della zona.
Altre iniziative di questo genere sono previste nei giorni di Pasqua.

TAGS: Fame KenyaSiccità KenyaAiuti Kenya

Torna prepotente la fame nel distretto di Magarini, entroterra di Mambrui. 
Sono molti i villaggi in cui sono finite le scorte di grano dei campi di proprietà delle comunità locali e non ci sono soldi per acquistare quello confezionato.
La...

LEGGI TUTTO

Quando abbiamo messo in piedi la raccolta di fondi per aiutare le popolazioni dell'entroterra malindino vittime dell'alluvione e della conseguente esondazione del fiume Galana, ci eravamo posti l'obbiettivo di raggiungere entro il 20 maggio la cifra di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La situazione inizia a farsi seria. La siccità e il calo del turismo sulla costa del Kenya hanno creato un mix terribile di raccolti insufficienti e mancati guadagni che ha messo in ginocchio intere famiglie dei villaggi dell'entroterra.
 

LEGGI TUTTO

Ci siamo.
La colletta organizzata tramite il nostro portale dalla comunità italiana di Malindi e Watamu e da molti (non ancora tutti, purtroppo) operatori del turismo, ha raggiunto quota...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna "pole pole" la fornitura d'acqua a Malindi e in tutta la Kilifi County.
Una buona notizia tra le tante negative che in questo periodo riguardano la disastrata zona dell'entroterra di Malindi e di Magarini.
Gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La colletta della comunità italiana prosegue ancora questa settimana, come previsto, e si spera di toccare quota 1 milione e mezzo di scellini.
Nel frattempo gli sfollati della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti gli amici e lettori italiani - troppi per riuscire a farlo individualmente - per l'ondata di solidarieta', affetto e amicizia che si e' riversata su di me e su mia flglia Sveva da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dico Africa ma penso al Kenya. Dico Kenya ma penso a Watamu. 
Africa è un concetto troppo grande perché entri nel mio cuore senza devastarlo. 
Le guerre, la fame, i soprusi, le ingiustizie perpetrate dalla sua stessa gente nei confronti...

LEGGI TUTTO

Come ha annunciato ieri il nostro portale, che come sempre in queste occasioni si fa portavoce e organizzatore della solidarietà della comunità italiana nei confronti dei keniani, da oggi parte ufficialmente la colletta degli italiani...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà italiana agli sfollati della valle del Galana è iniziata subito, all'indomani della grave esondazione che ha lasciato centinaia di famiglie senza quel poco che avevano in precedenza.
Dopo gli aiuti per l'emergenza sanitaria, alimentare e di prima assistenza,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La mia Africa!!
Ieri raccontavo ai miei famigliari del mio viaggio in Kenya ma è come se non capissero le mie parole, per loro dicevo cose assurde, mi sembravo un' estranea in mezzo a gente che è la mia vita...LEGGI TUTTO

L’anno che stiamo per salutare ha costituito un ennesimo scalino nella crescita di consapevolezza del popolo keniano.
Se il Paese africano è una Repubblica da poco più di mezzo secolo, si può dire che sia una democrazia appena maggiorenne e...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

"Dal 1961 non si vedeva un allagamento simile".
Gli anziani Mijikenda di Kakoneni c'erano, e si ricordano quando le loro famiglie persero tutto.
Il Kenya era

LEGGI TUTTA LA STORIA E GUARDA LE FOTO

Elizabeth Gathoni Koinange era la donna più longeva del Kenya, almeno di quelli di cui si può appurare con una certa buona approssimazione l'età.
Solitamente, in Africa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Magliette della nazionale italiana in regalo ad una squadra amatoriale di Malindi, per partecipare a un torneo di beach football.
Le divise originali delle squadre europee costituiscono sempre un presente ambitissimo per i ragazzi locali, e la compagine milanese delle...

LEGGI TUTTO