Ultime notizie

NEWS

Da oggi in Kenya chiusi negozi e aziende non essenziali

L'elenco di articoli e prodotti ammessi e relative rivendite

15-04-2020 di redazione

Il Ministero del Commercio e dell’Industria del Kenya ha deciso la chiusura di tutti i negozi che vendono al dettaglio prodotti o materiali non definiti “essenziali” in questo periodo di emergenza.
Il Comitato di Risposta alle Emergenze Aziendali (BERC) ha identificato i produttori e i fornitori dei prodotti sottoelencati come essenziali per il sostentamento delle vite umane che dovranno e potranno rimanere  operativi per tutto il periodo di crisi.
A causa della loro importanza, i lavoratori e i fornitori di logistica per questi settori avranno bisogno di adeguate misure di protezione e/o permessi speciali e trasporti in caso di lockdown.
In particolare produttori e rivenditori di cereali, zucchero, prodotti a base di frumento, dolciumi, prodotti lattiero-caseari, alimenti lavorati, carne e prodotti a base di carne, pesce, olii commestibili, sale e spezie da cucina, frutta fresca, secca e lavorata.
Per le bevande, oltre all’acqua, succhi di frutta e bevande sia lisce che gassate, té caffè tabacco e bevande alcoliche.
Per quanto riguarda gli altri prodotti, potranno rimanere aperti i produttori di capi d’abbigliamento essenziali, come mascherine e uniformi mediche, le aziende produttrici di attrezzature mediche e forniture essenziali (ad esempio, ossigeno), le aziende farmaceutiche, quelle di calzature essenziali (tipo stivali da ospedale). Aziende che producono prodotti per l’igiene di ogni tipo (detersivi, carta igienica e fazzoletti, assorbenti, pannolini ecc...), prodotti agrochimici e antiparassitari, zanzariere, insetticidi. Mangimi per Animali, combustibili petroliferi e da cucina, pezzi di ricambio per auto e moto, plastica e gomma per imballaggi speciali, pellicole, occhiali visiere guanti ecc... Prodotti di carta e cartone essenziali, stampatori e affini. Produzione di mobili necessari per allestire strutture temporanee di assistenza, fabbriche di materassi, cuscini e biancheria.
Tutti i relativi negozi che vendono gli articoli elencati sopra potranno rimanere aperti.

TAGS: negozi kenyaaziende kenyachiusura kenyaemergenza kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Tempi durissimi per la catena di supermercati Nakumatt e i relativi centri commerciali dove le sue filiali sono situate.
Entrata nel tunnel di una crisi che sembra irreversibile, l'azienda keniana fondata più di vent'anni fa dalla famiglia indiana Shah di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da una multinazionale italiana che ha deciso di investire in Kenya arriva un importante aiuto al...

LEGGI L'ARTICOLO

Come per i malati gravi per cui poco prima della dipartita sembra esserci un lieve miglioramento, in molti in Kenya avevano confidato in una ripresa della catena di supermercati Nakumatt. Le voci di un accordo con i concorrenti "Tuskys", un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Malaika Beach Villas e relativo ristorante con lettini sulla spiaggia di Mayungu hanno deciso da...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha esteso la chiusura delle proprie frontiere per altri trenta giorni a partire da questa ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il segretario amministrativo capo del Ministero della Salute (CAS) Rashid Aman, domenica 26 aprile, ha ...

LEGGI L'ARTICOLO

Come era lecito pensare, in questi giorni ci sono arrivate decine e decine di mail, oltre a post nelle nostre pagine FB, riguardanti delucidazioni e domande sul divieto di sacchetti di plastica che il Kenya ha applicato dallo scorso lunedì...

ENTRA E LEGGI DOMANDE E RISPOSTE

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Weekend lungo con qualche disagio per gli automobilisti nella capitale Nairobi per la chiusura della...

LEGGI L'ARTICOLO

La rinomata pizza del Baby Marrow Art&Food Restaurant di Malindi torna sui tavoli del prestigioso...

LEGGI L'ARTICOLO

Qualcosa si muove sul fronte dell'emergenza acqua che ogni mese mette in ginocchio buona parte della costa keniana.
Dopo le proteste di imprenditori e residenti della scorsa settimana, sfociate da una parte in una conferenza stampa degli hoteliers a Watamu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Domenica mattina appare su malindikenya.net un articolo che ne annuncia la chiusura: "niente è per sempre", con la foto del direttore Freddie del Curatolo che saluta tutti. L'articolo viene rimosso alle 9 ma già decine di lettori inviano mail e...

Qualora il cittadino italiano si trovi in una situazione di emergenza (ad esempio un turista in transito che deve ripartire ed ha smarrito o è stato derubato del proprio passaporto) e non si faccia in tempo ad esperire la necessaria...

LEGGI ATTENTAMENTE LE INDICAZIONI CLICCANDO QUI

Sorpresa: a pochi giorni dalla chiusura dei battenti, con le saracinesche abbassate ed un eloquente cartello della proprietà del Centro Commerciale Oasis, il supermercato Nakumatt ha riaperto.
Nelle spiegazioni della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un progetto da parecchi milioni di euro, è quello presentato da due aziende, una svizzera ed una spagnola, per risolvere il problema endemico della mancanza d'acqua a Mombasa e sulla costa del Kenya.
Si tratta di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO