Ultime notizie

TURISMO

Dieci motivi per scegliere il Kenya a giugno e luglio

Alla fine della stagione delle piogge la costa rifiorisce

07-06-2017 di redazione

Ci sono svariati motivi per scegliere la costa keniota per quelle che noi occidentali consideriamo le "vacanze estive".
Non tutti possono sembrare plausibili, ma chi ci vive vi assicura che il Kenya vale "il prezzo del biglietto" in qualsiasi stagione, quindi anche a giugno e luglio. Ecco dieci motivi per cui vale la pena frequentare il Kenya e la sua costa in questo periodo.
.
1. Il rifiorire della Natura: sembra banale a dirsi, ma essere circondati da una natura che regala il meglio delle sue tonalità di colori, delle varietà di fiori e piante, fa bene all'anima, oltre che agli occhi. Vi renderete conto che l'ambiente che ci circonda può essere protagonista positivo del nostro umore, della nostra serenità.

2. La grande migrazione e la savana ripopolata di animali. Per chi ama i safari, questo è davvero un periodo speciale. L'avventura annuale delle specie animali verso la Tanzania regala immagini uniche e sensazionali. Tutti i parchi pullulano di "big five" ed ogni genere di animale selvaggio. 

3. Il clima: Questo è il periodo più fresco dell'anno, in contrapposizione all'estate europea che si annuncia sempre torrida e afosa. Qui il vento non cessa mai di rinfrescare, a volte annuvola ma il sole quando esce sa accarezzare la pelle e lasciare il segno. La temperatura difficilmente sale più di 26 gradi. Insomma, clima ideale per il relax.

4. L'invito dell'oceano: non sarà il mare della Sardegna o quello dei Caraibi, ma l'oceano indiano in questo periodo è uno spettacolo di verginità e propone la sua natura rivitalizzata, a partire dalla barriera corallina. L'acqua è fresca, i pesci tropicali abbondano, le passeggiate in spiaggia sono un "must". 

5: La quiete della "bassa stagione": A giugno e luglio il turismo di massa non è si è ancora rimesso in moto. Gran parte degli hotel e dei resort che lavorano con i "pacchetti vacanze" riaprono verso la seconda metà di luglio, e anche il circo dei beach boys sulle spiagge torna a creare il suo pittoresco e a volte petulante tourbillon da agosto in poi. E' il momento ideale per vivere le spiagge in assoluta solitudine e passeggiate romantiche o sportive in pace.
 
6. La buona cucina: ormai è risaputo che a Malindi, Watamu e Mambrui si mangia bene. Primo elemento, la qualità e la freschezza dei prodotti. Dal pesce alle carni, niente manomissioni, tutto come una volta in Italia. Per non parlare della verdura e soprattutto della frutta. Con questo ben di dio c'è poco da inventarsi, basta (come insegnano gli africani) una griglia. 

7: Il volontariato: Lontani dai riflettori dell'estate africana, quando i turisti portano anche la loro generosità, in questo periodo è possibile per chi vuole conoscere le reali situazioni dei villaggi, delle scuole e degli orfanotrofi della costa, visitarli e soggiornarvi o prestare semplicemente la propria opera e spendere un po' del tempo della vacanza per entrare in contatto con i bisogni e le esigenze del popolo keniano, senza il clichet fin troppo comodo della beneficienza fine a se stessa, quella che non porterà mai benefici a lunga gittata.

8: I prezzi: Particolare da non sottovalutare, voli e permanenze sulla costa del Kenya in questo periodo sono più economici, perché lontani dall'alta stagione e dalle richieste di gran parte del turismo. Una vacanza a fine giugno o luglio permette di accedere a molti divertimenti, come safari ed altre escursioni, con un risparmio di almeno il 30 per cento.

9: La festa di fine ramadan: Per chi decidesse di fare una vacanza sulla costa keniana nelle ultime due settimane di giugno, da segnalare anche la corrispondenza di quest'anno con la fine del Ramadan, il mese di digiuno sacro dei musulmani. Bellissime le atmosfere, a Mombasa, Malindi e Lamu, durante il giorno di chiusura del Ramadan, con fiere e banchetti gastronomici nelle varie cittadine.

10: Il bird-watching: Per gli appassionati, ma non solo, dell'avvistamento di uccelli, questo è il periodo in cui, alla fine delle piogge monsoniche, esemplari tropicali di ogni tipo e colorazione, tornano ad affollare le foreste e i luoghi naturali (la foce del fiume Sabaki non lontana da Malindi, ad esempio) per rifare i loro nidi. E' uno spettacolo incredibile che merita di essere ammirato.

In definitiva, la vostra vacanza può essere qui anche in questo periodo.
Quel che vi da il Kenya, non lo avrete da nessun altro luogo.
 

TAGS: Kenya giugnoKenya luglioKenya stagione pioggeKenya rain season

Passata la Pasqua, il Kenya attende la stagione delle piogge, di cui il Nord del Paese ha avuto un assaggio nelle scorse settimane e che in savana hanno già rinfrescato, ma lungo i fiumi Tana e Galana hanno causato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A Malindi e sulla costa keniana le piogge sono attese come una manna dal cielo. La siccità ha fatto danni estremi, alla terra e agli allevamenti.
Sono già morti capi di bestiame e molte piante si sono ridotte a rami...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cosiddette "piccole piogge" di quest'anno assomigliano molto alle sorelle maggiori di maggio e giugno.
Le precipitazioni abbondanti e continuate di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chiude in bellezza anche quest'anno la stagione delle feste serali del Papa Remo Beach.
L'esclusivo locale sulla spiaggia dell'amore di Watamu da questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come tutti gli anni, il Kenya a luglio è pronto a ricevere i voli charter che i tour operator sono in grado di riempire, a partire solitamente dall'ultima settimana del mese.
Anche quest'anno le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La stagione che è già andata oltre le più rosee aspettative, per il turismo in Kenya, sarà buona almeno fino alla settimana di Pasqua.
Queste sono le previsioni confutate guardando le prenotazioni alberghiere e soprattutto quelle dei tanti bed&breakfast, alloggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ulteriori buone notizie per quanto riguarda la prospettata apertura dell'aeroporto internazionale di Malindi. Ieri il quotidiano nazionale keniano Daily Nation ha pubblicato un approfondimento sulle fasi del progetto che porteranno al completamento dei lavori per rendere lo scalo funzionante per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Hotelier della costa ancora sugli scudi per una stagione positiva che sembra non voler finire mai.
A Mombasa per Pasqua l'occupazione alberghiera sfiora il

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ogni anno, Rosada Beach saluta la stagione turistica di Malindi.
Oggi lo storico bar ristorante e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo una stagione positiva, Il Kola Beach Resort di Mambrui ha deciso che terrà aperto il suo ristorante "Gold 55" e la sua famosa piscina con vista mare davanti alla spiaggia dorata, anche in coincidenza con i mesi di bassa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Malindi e Watamu sicure e lontane dai teatri delle stragi dei terroristi somali".
Questa l'opinione diffusa dei Tour Operator italiani che stanno confermando, uno ad uno, la loro presenza nei villaggi turistici e nei resort sulla costa keniota, a partire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Stessa spiaggia, stesso mare”, cantava Piero Focaccia quando Malindi era soltanto un “buen retiro” di mercenari inglesi sotto spirito. Oggi la costa keniota, grazie anche agli italiani, ha la sua stagione turistica proprio come quella adriatica o quella ligure. Noi...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

Tour operator, voli charter e compagnie aeree di linea sono pronti: la nuova stagione turistica della costa del kenya partirà regolarmente come l'anno scorso e non sono previsti ritardi né tagli ai voli.
Meridiana dovrebbe aprire le danze per la...

LEGGI TUTTO

Temperature in aumento e grande caldo sulla costa del Kenya in questi giorni. Il vento umido della stagione monsonica, il Kuzi, sta esaurendo la sua spinta e lascia spazio al "vento di mezzo", quello che i pescatori swahili chiamano Tanga...

LEGGI TUTTO

Dalla possibilità e dalla speranza di avere un volo in più a settimana dall'Italia al Kenya, in pochi giorni si è passati a non avere per tre settimane, compresa quella di Pasqua, nemmeno quello preesistente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto per asfaltare le strade interne di Malindi, o meglio pavimentarle con il collaudato sistema dei blocchetti di cemento, meno soggetti a deterioramento e a buche, prosegue anche durante la stagione delle piogge con

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO