Ultime notizie

NEWS

Ecco perché nella Contea di Kilifi non c'è terrorismo

15 anni fa l'unico attacco sulla costa, oggi prevenzione e progetti

08-05-2017 di Freddie del Curatolo

E' stato presentato recentemente dal Governo del Kenya in collaborazione con quello della Contea di Kilifi, un importante dossier sulla lotta alla radicalizzazione di matrice islamica dei giovani nella Kilifi County. 
Il piano d'azione che sta procedendo e inizia a dare i suoi risultati, è portato avanti con l'aiuto dell'Università di Taita e Taveta e l'Ambasciata Britannica, oltre che con la collaborazione di polizie speciali, enti ed associazioni.
D'altronde, come fa notare il Governatore Amason Kingi nell'introduzione del documento, non è un caso se l'ultimo episodio riconducibile al terrorismo nella Contea di Kilifi è avvenuto a Kikambala, praticamente al confine con la municipalità di Mombasa (allora non c'era ancora la suddivisione in contee data dalla devolution) nel novembre 2002.
Da allora, nonostante i tanti allarmi dati dai Ministeri degli Esteri degli Stati occidentali e, sempre a sproposito, dai media soprattutto italiani, a Malindi, Watamu, Kilifi e dintorni non si è verificato nessun altro episodio di violenza di matrice islamico-radicale.
Questo non significa che la minaccia non sia, almeno in minima parte, presente.
In questo la regione costiera del Kenya non si discosta dal resto del mondo. Dove c'è un'importante presenza della comunità mussulmana (e benché quella presente in Kenya rappresenti l'ala moderata dell'Islam) c'è sempre il rischio di estremismi, tanto più con la vicinanza di un cattivo esempio come la Somalia, con la sua cellula denominata Al Shabaab, ovvero "la gioventù".
E proprio dei giovani e di come tenerli al riparo dalle lusinghe della radicalizzazione, si parla in questo illuminante dossier.
Ad oggi, secondo le stime del rapporto Socio-Economico contenuto nel documento, i giovani che vivono nella Contea sono poco meno di 400.000 (393.385 all'inizio del 2017, per l'esattezza). Meno della metà (42,5%) sono impegnati nelle scuole secondarie (con leggera maggioranza di ragazzi).
Ma soltanto il 30% dei non studenti, secondo le statistiche, hanno un posto di lavoro, un impiego tra l'altro spesso non fisso.
Ne consegue che un giovane su tre sia "a spasso" e che cinquantamila ragazzi di sesso maschile vivano in condizioni di estrema povertà o di espedienti.
Ecco dove può attingere il radicalismo, chi cerca di arruolare.
Ed è qui che il programma dettato da questo "Action Plan" ha iniziato ad agire, mappando zona per zona ogni villaggio e i quartieri delle cittadine.
Ne viene fuori un quadro, come immaginabile, preoccupante ma prima ancora che per i rischi di coltivare piccoli terroristi come serpi in seno, per la situazione sociale delle nuove generazioni in generale. Il problema che appare più presente, ad esempio, è l'uso di sostanze stupefacenti e di alcool.
Tra gli obbiettivi che il piano d'azione porta avanti è la creazione di comunità di quartiere o di villaggio che siano collegate con le forze dell'ordine e costituiscano il primo allarme contro personaggi locali poco raccomandabili, o abitudini che cambiano e proliferano nei giovani.
Un'idea maturata sulla scorta di un sistema chiamato "Nyumba kumi" (dieci case) che sta funzionando in quartieri difficili e a maggioranza islamica come Shela a Malindi.
Ma non si tratta solo di prevenzione, vi sono anche obbiettivi strategici che riguardano il coinvolgimento dei giovani nell'arte e nella cultura, nella tecnologia e un accesso più facile all'educazione. Anche se la battaglia di sempre, la più difficile da estirpare, è quella contro la povertà.
 

TAGS: Kenya terrorismoMalindi violenzaKilifi County Extremism

Una vetrina speciale per Malindi, Watamu e le attività che si sono promosse tramite il magazine "What's best in Kilifi County".
Durante la settimana delle imprese italiane in Kenya, che si sono messe in mostra al Village Market di Nairobi,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ieri il Governatore della Contea di Kilifi Amason Kingi ha posato il primo blocco di corallo per la costruzione del "Kilifi County Health Complex", un moderno ospedale nella capitale della regione di cui fanno parte anche Malindi e Watamu.
Il progetto,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Maltempo sulla costa del Kenya: il Ministero dell'Ambiente ha lanciato un'allerta rosso per temporali e inondazioni in gran parte delle Contee della costa e di quelle dell'immediato entroterra dal 29 aprile, domani, al 1 maggio lunedì.
L'allarme è arrivato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo keniano Najib Balala ha chiesto subito più sicurezza a Watamu e nelle località turistiche, in vista dell'alta stagione. La tragica fine del medico italiano Rita Fossaceca durante una rapina finita nel peggiore dei modi, ha messo...

LEGGI TUTTO

L'Associazione Italiana Kilifi County si riunisce per l'assemblea generale annuale il prossimo 10 febbraio alle ore 17 al Bar Bar di Malindi.

LEGGI TUTTO

Le prime due edizioni del magazine "What's Best in Kilifi County", edito grazie alla sponsorizzazione di 23 attività di Malindi, Watamu, Kilifi e Vipingo, sono ormai una bella realtà di promozione a Nairobi.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli imprenditori del settore turistico della Contea di Kilifi hanno richiesto ed ottenuto, grazie alla disponibilità del Ministro del Turismo della Contea, Nahida...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si svolgeranno domani, venerdì 20 aprile, le esequie di Giancarlo Cecchetti, il settantaduenne romano residente a Malindi che ci ha lasciato ieri mattina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama “What’s Best in Kilifi County” (Cosa c’è di meglio nella Contea di Kilifi) ed è la prima edizione di un magazine patinato in distribuzione gratuita che mostra le bellezze e le principali attività legate al turismo di Malindi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA RIVISTA NELLA GALLERY

E' un gruppo di donne italiane, capeggiato da Rita Valentini, ad organizzare a Malindi ogni anno il "Flash Mob" contro la violenza sulle donne, che si tiene in contemporanea nelle piazze di tutto il mondo.
Si tratta di una coreografia...

LEGGI TUTTO

Un intervento chiaro, diretto e senza fronzoli quello dell'Ambasciatore d'Italia in Kenya al Business Forum di Malindi.
Il primo rappresentante del Governo Italiano in Kenya ha voluto conoscere in prima persona la realtà dei connazionali malindini e le reali possibilità...

LEGGI TUTTO

Un duro colpo in vista delle elezioni nazionali del prossimo agosto per il Governatore di Kilifi Amason Kingi e per il suo partito, l'Orange Democratic Movement del leader dell'opposizione e sfidante del presidente in carica, Raila Odinga.
 

LEGGI TUTTO

In serata a Malindi si sono sentiti i primi caroselli dei sostenitori della coalizione CORD, di cui l'Orange Democratic Movement di Raila Odinga, capo dell'opposizione, è il partito principale. E sembrerebbe destinato a rimanere tale anche in vista delle elezioni...

LEGGI TUTTO

E' il periodo della promozione turistica di Malindi, Watamu e delle altre località della Contea di Kilifi.
Dopo un agosto che, considerate le ansie e le attese elettorali, è andato fin troppo bene, è ora di mettersi in vetrina con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche a Malindi mercoledì 14 febbraio va in scena il famoso ballo di solidarietà "One Billion Rising", contro lo sfruttamento delle donne, solidarietà contro il razzismo e contro il sessismo ancora presenti in tutto il mondo.
E' un gruppo di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurato a Malindi l'ufficio della Commissione Etica e Anticorruzione (EACC) per la Costa Nord del Kenya. 
E' stato il Vice Direttore Generale della Commissione, Michael Mubea, ad aprire formalmente la sede, dopo una settimana di sensibilizzazione a Kilifi,...

LEGGI TUTTO