Ultime notizie

EDITORIALE

Elezioni, tra bufale dei media e voglia di ripresa

Come noi, keniani stufi di questo clima di inutile tensione

11-08-2017 di Freddie del Curatolo

C’è una maggioranza assoluta, schiacciante in Kenya che non riguarda i candidati alla presidenza, né piccoli o grossi aspiranti ad altre cariche ben remunerate nelle sedi politiche di Nairobi e delle contee del Paese. 
E’ quella che è già stufa di questo bailamme elettorale, che pur avendo votato Raila Odinga, non si riconosce nel suo modo di (re)agire e che ha come interesse primario tornare al più presto alla serenità della vita di sempre, magari con qualche buona notizia: l’abbassamento dei prezzi grazie al ritorno di stabilità dello scellino e uno sguardo più benevolo a categorie di lavoratori e alla povera gente da parte del nuovo Governo.
Le elezioni in Kenya, si è capito da una decina d’anni, anche se dovessero essere pacifiche come nel 2013, non sono una buona cosa: innanzitutto fanno spendere al Paese un botto di soldi, qualcosa di inimmaginabile che depaupera non solo le casse dei partiti e dei loro finanziatori, ma alla fine anche quella di centinaia di candidati minori, anche indipendenti, che coltivano il sogno di una carriera che gli svolti la vita.
In secondo luogo fanno cattiva pubblicità al Paese: mai che si senta dire che le elezioni porteranno cambiamenti in meglio o saranno un lieto evento.
Qui in Kenya lo spettro delle violenze del 2008 aleggerà in secula seculorum. 
Proprio per questo, la stampa e i media hanno mesi di tempo per giocare sui precedenti, sulle avvisaglie e soffiare sui fuocherelli appena accesi con le solite notizie a soffietto.
Quando poi appare la minima scaramuccia, l’incidente, la scorribanda nello slum o nella roccaforte del politico trombato (correttamente, scorrettamente questo per chi fa informazione oggi non è più importante), ci si può scatenare.
In questi giorni se ne sono accorti anche gli stessi keniani, quelli che vogliono solo pace e che sperano che tra poche ore si possa chiudere il sipario sul teatrino fastidioso degli scrutini.
Il sito kenyans.co.ke prende ad esempio le testate americane, anche prestigiose come Washington Post e New York Times. Dopo la manifestazione nello slum di Mathare che ha causato 2 morti (un accoltellato per una lite quasi da stadio e l’assassino poi ucciso dalla polizia), mentre altri 2 (bambini, purtroppo) sono stati vittime dei gas lacrimogeni lanciati per disperdere la gente. Di Mathare sappiamo, e sa bene anche la stampa tendenziosa che ogni giorno ci sono crimini e violenze negli slum alla periferia di Nairobi.
A Kisumu, dove l’etnia luo a cui appartiene Odinga è praticamente la sola presente, all’annuncio di brogli del loro leader, ci sono state manifestazioni con giovani infiltrati che hanno lanciato sassi e bruciato pneumatici. Nessun morto.
Media e stampa internazionale ha redatto titoli come “Kenya: violenze come nel 2008” (ricordiamo che morirono 1600 persone e 6000 rimasero senza tetto), “Nuove eruzioni di violenza in Kenya” e “Kenya nel sangue dopo il voto”.
Il tutto guarnito da video che risalgono al 2008, quando le violenze furono serie, e a sommosse dell'anno scorso a Kisumu, per altri motivi.
Oggi anche il Governo ha preso posizione, deplorando il modus operandi della stampa internazionale.
Noi italiani siamo abituati a questo genere di notizie, gli americani anche, ma i keniani assaporano il gusto amaro delle “fake news” per la prima volta, e si rendono conto di quanto una dichiarazione affrettata e non ancora comprovata di un aspirante alla presidenza possa scatenare una campagna di falsità ed esagerazioni contro il proprio Paese.
Non resta che attendere l’epilogo di quello che da un po’ di tempo non è più solo un esercizio di democrazia, ma uno sfoggio di bassi istinti, maldicenze, opportunismo e superficialità oltre che uno spreco di tempo e denaro, che chiamano “elezioni”.
Facciamo nostre le richieste degli osservatori internazionali del voto e le parole di John  Kerry: se colui che perderà la sfida alla presidenza avrà reclami da fare, li faccia nelle sedi legali opportune ed inviti i suoi sostenitori alla calma. Che poi, tranne gruppi di facinorosi e di diseredati che magari non lo hanno nemmeno votato perché da tempo non credono più alla politica, né a Dio ed al genere umano, è quello che da domani si augurano tutti. Una vita serena. 
 

TAGS: Elezioni KenyaRisultati KenyaViolenze KenyaCaos Kenyapresidente KenyaKenyatta presidente

Saranno 150 mila i dipendenti delle forze dell'ordine nazionali chiamati a garantire la pace in vista delle prossime elezioni governative, previste per il prossimo 8 agosto. Gli agenti saranno utilizzati a partire dall'inizio ufficiale della campagna elettorale, fissato per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha scelto i festeggiamenti del Madaraka Day, il giorno della Costituzione, il Presidente del kenya Uhuru Kenyatta, per fare un annuncio tranquillizzante e di pace in vista delle prossime elezioni nazionali, previste per l'otto di agosto.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta, ha fatto ufficialmente appello a tutte le forze politiche e a tutti i cittadini keniani affinche le prossime elezioni nazionali di agosto si svolgano in un clima di pace e di unità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla fine il buon senso ha prevalso.
Probabilmente davanti al caos del giorno successivo alla proclamazione del nuovo Presidente e alle dichiarazioni animose della sua fazione, Raila Odinga ha preferito non scaldare ulteriormente gli animi di quella parte di nazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per la prima volta dall'inizio della campagna elettorale in Kenya, il candidato dell'opposizione Raila Odinga ha sorpassato il Presidente uscente Uhuru Kenyatta nei sondaggi della società Infotrak.
Si tratta dell'azienda di sondaggi elettorali gradita proprio a Kenyatta, la stessa che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La IEBC (Indipendent Electoral and Boundaries Commission) ha dato oggi ufficialmente il via alla campagna elettorale in Kenya.
I candidati per la Presidenza della Repubblica e per un posto in Parlamento avranno più di due mesi di tempo per convincere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo i primi sondaggi ufficiali dell'agenzia IPSOS riguardo alle prossime elezioni presidenziali in Kenya, che si terranno l'otto agosto 2017, il Presidente in carica Uhuru Kenyatta sarebbe in vantaggio sul rivale Raila Odinga di ben 14 punti percentuale. 49 per...

LEGGI TUTTO

"L'alleanza NASA di Raila Odinga ha un preciso schema politico atto a rimandare le elezioni, posticipandole a dicembre di quest'anno".
La dichiarazione del Presidente della Repubblica del Kenya e candidato della maggioranza alle prossime votazioni nazionali previste ad agosto, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale del Kenya chiede tempo per produrre i risultati ufficiali delle elezioni nazionali del 2017.
Il presidente della IEBC, Wafula Chebukati, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale davanti alla stampa nazionale ed internazionale.
"Vi chiedo di attendere i risultati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo il sondaggio più attendibile per quanto riguarda le prossime elezioni di agosto, quello di Infotrak che nel 2013 azzeccò esattamente le percentuali, il Presidente uscente del Kenya Uhuru Kenyatta sarebbe in vantaggio sullo sfidante Raila Odinga di 5 punti,...

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta è di nuovo a Malindi, a meno di due mesi dall'ultima visita ufficiale.
Il leader del partito di Governo ha intrapreso nei giorni scorsi un nuovo viaggio nelle regioni costiere, non solamente per motivi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uhuru Kenyatta è stato riconfermato Presidente della Repubblica del Kenya per il suo secondo mandato.
Il figlio di Jomo Kenyatta, colui che è considerato il padre dell’Indipendenza del Kenya, primo leader della Repubblica Africana dal 1963 al giorno della sua...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya alla vigilia delle elezioni perde l'uomo della Sicurezza nazionale. 
Il Ministro della Difesa, Joseph Ole Nkaissery, è morto improvvisamente la notte scorsa dopo essere stato portato per accertamenti in ospedale a Nairobi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Queste elezioni sono da annullare e Kenyatta deve essere mandato a casa, ma chiediamo ai nostri elettori di stare tranquilli e non scendere in piazza, almeno per ora".
Raila Odinga e la sua alleanza NASA, che secondo i dati trasmessi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO