Ultime notizie

NEWS

Finita a Nairobi la verifica dei permessi di lavoro stranieri

Il Dipartimento Immigrazione: "No proroghe, chi non è venuto sarà espulso"

23-07-2018 di redazione

E terminato sabato scorso, 21 luglio, come da programmi, il periodo di due mesi di verifica dei permessi di lavoro per gli stranieri in Kenya (Work Permit).
La verifica, avvenuta esclusivamente negli appositi uffici di Nyayo House a Nairobi, è durata esattamente due mesi, dal 21 maggio scorso, e porterà alla digitalizzazione dell'intera rete di permessi, con la possibiolità futura di rinnovo automatico tramite il portale nazionale e-citizen.
Come aveva annunciato il Ministro degli Interni Fred Matiang'i, chi non si è presentato a Nairobi in questi due mesi non verrà più considerato un lavoratore straniero legale nel Paese e, se scoperto a svolgere mansioni o gestire attività in prima persona sul suolo keniano, sarà prima multato, poi espulso dal Paese. Chi invece non si è presentato ma ha un regolare permesso di lavoro, se lo vedrà ritirato e dovrà ricominciare l'intero processo per richiederlo, ripartendo da zeo. Quest'ultima ipotesi è stata confermata ieri dai dirigenti sul profilo twitter dell'Ufficio Immigrazione.
Gli unici che potranno presentarsi senza timori a Nairobi, appena tornati in Kenya, sono i lavoratori stranieri che si trovano fuori dal Paese da prima dell'inizio delle operazioni di verifica, cioè da prima del 20 maggio.
Come previsto dal piano di Matiang'i, che mira non solo a regolarizzare i lavoratori stranieri, ma anche a metterli in relazione con il pagamento delle tasse, ora inizieranno serie investigazioni in tutto il Paese per scovare chi non è in regola.
 

TAGS: immigrazione kenyapermessi kenyalavoro kenyaverifica kenyacontrolli kenya

Il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha preannunciato una maxi operazione del Governo per verificare chi lavora regolarmente nel Paese, ed eventualmente espellere quelli che non hanno intenzione o non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aggiornamenti di malindikenya.net sulle operazioni di verifica dei permessi di lavoro e di residenza in Kenya per gli stranieri, da parte dell'Ufficio Centrale dell'Immigrazione di Nairobi.
Grazie a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un chiarimento del Consolato Onorario d'Italia a Malindi riguardo alla verifica dei permessi di lavoro degli stranieri in Kenya.
La linea politica è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come abbiamo già annunciato, i 34 mila lavoratori stranieri in regola in Kenya hanno tempo fino al 21 luglio per presentarsi negli uffici dell'Immigration di Nairobi per il processo di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

Anche i titolari del permesso "K" da residente non lavoratore, ovvero pensionato o con rendita mensile, fideiussione bancaria o altri connotati per risiedere per tre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I sessanta giorni per regolarizzare la propria posizione da lavoratore straniero in Kenya sono scattati da ieri.
Il Ministro degli Interni Fred Matiang'i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Falso allarme per l'obbligatorietà del visto online per entrare in Kenya. 
Per questa estate, e forse anche oltre, nessun problema all'aeroporto di Mombasa per chi si presenterà senza il visto online "E-visa". 
Sul sito dell'Ufficio Immigrazione del Kenya era apparsa...

LEGGI TUTTO

Nessuna variazione per le feste e l'inizio dell'anno nuovo: i turisti potranno ancora entrare in Kenya con il visto turistico cartaceo compilato e richiesto direttamente alla dogana d'ingresso nel Paese.
Nonostante il visto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prezzo della farina di mais recentemente è stato ridotto dal Governo a Kshs. 90 per il pacchetto da due chilogrammi, dopo che per via della siccità e relativa carestia nel Paese africano, il prezzo era schizzato a Kshs. 150...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche per questa nuova stagione, che parte dopo la prima metà del 2018 e si spera possa arrivare in pompa magna fino a Pasqua 2019, i turisti stranieri potranno ancora entrare in Kenya con il visto turistico cartaceo compilato e richiesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Della "tassa" annuale sulla casa di proprietà per non residenti in Kenya abbiamo già avuto modo di parlare ampiamente in questi spazi.
Abbiamo già spiegato perché secondo noi conviene pagarla e, a una settimana dalla scadenza del termine...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una grande svolta nel sistema dei trasporti in Kenya. Da maggio, secondo quanto ha annunciato la National Transpor and Safety Authority (NTSA) ovvero la "motorizzazione civile" del Kenya, la patente di guida diventa digitale.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO