Ultime notizie

NEWS

Giovani keniane premiate per l'APP anti-infibulazione

L'invenzione da Kisumu approda al Parlamento Europeo

27-09-2019 di redazione

Si fanno chiamare “The Restorers”, le restauratrici, sono cinque ragazze di Kisumu, studentesse universitarie o della scuola superiore. Stacy, Cinthya, Purity, Mascrine e Ivy hanno dai 17 ai 19 anni e l’anno scorso hanno sviluppato un’applicazione mobile che mette in comunicazione le ragazze keniane vittime di mutilazioni digitali con assistenza legale e medica.
Per questa felice intuizione di carattere sociale, hanno già ricevuto lo scorso luglio l’African Award
come donne dell’anno e 2 milioni e mezzo di scellini.
Non solo, l’applicazione anti FGM è stata sviluppata dall’Università di Coventry nel Regno Unito e ora è operativa nelle aree più colpite da queste tradizioni sessiste e violente nei confronti delle ragazze, come Kisii, Samburu, Maasai Mara e le regioni al confine con la Somalia.
Per questo successo, anche il Parlamento Europeo si è mosso per conferire uno speciale riconoscimento alle ragazze keniane e le ha candidate al Premio Sakharov 2019 per i Diritti Umani.
La App, coordinata da Stacy Adhiambo, universitaria della Jomo Kenyatta University of Agriculture and Technology (JKUAT), funziona con un tasto di chiamata per emergenze, una chat e un blog informativo ed anche un meccanismo per le donazioni ai centri di primo soccorso e alle organizzazioni non governative che si spendono per aiutare le ragazze che un tempo non avevano possibilità di evitare questo sopruso, specie nelle zone remote del Paese.

TAGS: app kenyainfibulazione kenyainnovazione kenya

L'Unità di Crisi della Farnesina ha implementato la sua app per i telefonini smartphone e iphone, per dare a chi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo Nairobi, Mombasa e Kisumu, anche Malindi e Watamu possono beneficiare della app per i taxi low-cost Uber, che ha ormai preso piede anche nel Continente africano.
Dopo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lui si chiama Roy Allela, ha 25 anni ed è uno dei tanti giovani di cui il Kenya deve andare fiero.
Programmatore di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una APP sviluppata in Kenya per farsi prescrivere medicinali e trovarli nella farmacia più vicina.
L’intelligente invenzione farmaceutico-telematica si chiama “My Dawa” (dove “dawa” in swahili sta proprio per “medicina”) ed è stata sviluppata dalla ION Equity.
Scaricandola sul telefonino,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una App stile "Uber" anche per i Tuk Tuk sulla costa keniana.
Taxify, una delle app per il "ride sharing" più utilizzate nel mondo, ha lanciato a Mombasa Taxify Tuk Tuk.
La presentazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il futuro degli album musicali, specialmente nel campo dell'elettronica e della sperimentazione di suoni e del multimediale, è rappresentato dalle applicazioni per cellulari. 
Il primo app-album 3D registrato in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata dal sapore anni Sessanta e Settanta, questo sabato al Paparemo Beach di Watamu, con la splendida voce  della cantante del gruppo ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'iniziativa che ormai si ripete da sette anni a Malindi, grazie ad un gruppo di donne italiane e keniane che una volta all'anno si esibiscono in balli e ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Mpesa e gli altri servizi di pagamento collegati con l'utilizzo della telefonia mobile fanno registrare un vertiginoso aumento nel 2017, rispetto all'anno precedente.
Secondo i dati trasmessi dall'Autorità per le Comunicazioni del Kenya, i soldi inviati via telefonini e quelli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un venerdì di alta stagione ricco di appuntamenti a Malindi, per rendere la propria serata piacevole e diversa, perché no anche saltando da un locale all'altro.
Si può...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo il chiacchierato appalto della "Silicon Savannah" in Kenya da parte di un'azienda italiana, la Maltauro, una società di progettazione integrata a capitale italiano, Politecnica, è stata incaricata di realizzare l'East African Kidney Institute Centre of Excellence a Nairobi, modernissimo polo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una scarpa che cresce insieme ai bambini per i bambini poveri del Kenya.
L’idea semplice e rivoluzionaria è opera del giovane americano Kenton Lee ed è nata durante il suo volontariato a Nairobi. 
Si chiama “The Shoe that grows” (letteralmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Arriva la prima delle tante iniziative a cui la Malindi Watamu Tourism Association, insieme con il Governo della Contea di Kilifi e il Kenya Tourist Board, parteciperanno per promuovere il turismo sulla costa nord keniota a livello internazionale e per...

LEGGI TUTTO

Il Governo keniano si prepara a stingere la morsa contro il fenomeno del turismo sessuale minorile in Kenya, in vista della prossima stagione estiva che coincide soprattutto con le vacanze dei cittadini keniani sulla costa (agosto, scuole chiuse così come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Diciotto anni tra Polonia ed Est Europa, Brasile e Cina, prima di scommettere su Malindi. Giuseppe "Beppe" Salvaggio, siciliano di nascita ma piemontese d'adozione, è il nuovo proprietario dello storico Scorpio Villas Resort, l'hotel malindino più prossimo al monumento a...

LEGGI TUTTO