Ultime notizie

PERSONAGGI

Gli 80 anni di Vitali, creatore del turismo italiano a Malindi

Gianfranco, imprenditore bergamasco da 52 anni in Kenya

26-08-2020 di Freddie del Curatolo

Senza Gianfranco Vitali, la storia della Malindi italiana che ci piace raccontare, sarebbe molto diversa e quella turistica forse non esisterebbe nemmeno.  
Quasi certamente non avrebbe gli stessi connotati di grandezza, notorietà ed imprese, di splendori turistici e rispetto per l’ambiente, di aiuti e convivenza con la popolazione locale.
Soprattutto non avrebbe oltre mezzo secolo di aneddoti, personaggi, paradisi residenziali e bellezza da vero romanzo italiano in Africa.
Oggi Vitali festeggia 80 anni, ma i 52 che lo legano al Kenya sono i più importanti e sentiti. Sono quelli che traspaiono dai suoi occhi vivi e ancora fanno tremare la sua voce dall’emozione.
“Sono arrivato per la prima volta in Kenya nel 1968 – racconta l’imprenditore bergamasco a Malindikenya.net – e me ne sono immediatamente innamorato. Sono sempre stato un viaggiatore e ho girato quasi tutto il mondo. Ma il Kenya allora era un giardino magico e l’idea di farlo scoprire a tanti conterranei mi affascinava”.
Ospite di un altro personaggio leggendario che ha dato il là alla proliferazione degli italiani a Malindi, l’eccentrico livornese Luciano Meschi, Vitali che ai tempi era un promettente calciatore (ex giovanili dell’Inter, più avanti sarebbe stato per anni nella dirigenza dell’Atalanta) e braccio destro del magnate romano Renzo Zingone,  inizia a costruire ville nella zona del Palm Tree, in società con il bresciano Renato Marini.
“Zingone decise di arrivare a Malindi con un fuoristrada, partendo dall’Italia – racconta Vitali – io atterrai con l’aereo a Mombasa e da allora ho sempre fatto avanti indietro. All’inizio degli anni Settanta ebbi l’idea di sviluppare il turismo sul mare, nella zona allora vergine di Silversand e Casuarina. Sempre coinvolgendo partner ed amici con passione e spirito imprenditoriale”.
Gianfranco Vitali ha sempre creduto in Malindi e ne ha visto l’esplosione turistica all’inizio degli anni Ottanta. Suo il primo hotel della cittadina, il Coconut Village, seguito dal White Elephant Lodge, concepito insieme ad Armando Tanzini. Grazie ad un accordo con il tour operator “Viaggi del Ventaglio”  (cinque anni di “vuoto per pieno”) e successivamente con Turisanda per il White Elephant, Vitali trasforma Malindi in una delle destinazioni a lungo raggio più amate dagli italiani ed altri operatori, tra cui Franco Rosso (che acquistò il Tropical costruito dallo stesso Vitali), Grandi Viaggi e Diplomat Tour che aprì il Jambo Village dove oggi sorge il Billionaire, decidono di scommettere sul Kenya anche per il mare, oltre che per i safari com’era sempre stato fino ad allora.
L’appassionato e visionario bergamasco però guarda avanti: è il momento di concentrarsi sul cosiddetto “turismo residenziale”.
“Iniziai a pensare di creare ville con meravigliosi giardini e piscina nello splendore di Casuarina – racconta Vitali – ed ebbi un ottimo collaboratore nel giovane Marco Vancini, fummo i primi a garantire una rendita a chi acquistava la casa a Malindi, introducendo di fatto l’idea della multiproprietà”.
Sono i primi anni Novanta, da lì in poi Malindi ha la sua consacrazione: più di diecimila italiani vi hanno lavoro o interessi, dai settanta ai centomila all’anno la visitano per turismo.
Ci sarebbero tante e tante altre storie da raccontare e nel libro sulla Malindi italiana che un giorno pubblicheremo, Gianfranco Vitali occuperà sicuramente uno dei posti privilegiati, specialmente perché fa parte di quella scuola di connazionali limpidi e sereni che hanno mostrato il meglio dell’italianità e che non hanno scheletri né negli armadi né sotto il letto pili-pili.
Nel 1995 l’incontro con l’affascinante avvocato Rita Duzioni, che diventerà la sua seconda consorte e, nonostante i tanti impegni in Italia, la costante di non far passare mai troppi mesi tra una vacanza a Malindi e un’altra
La costruzione della “villa dei sogni” al Parco Marino, sul terreno che fu del conservazionista George Adamson e della moglie Joy, la scrittrice di “Nata Libera”, è stata la classica ciliegina di una torta su cui oggi si spengono 80 candeline, di cui 52 hanno i colori della bandiera del Kenya.

TAGS: italiani kenyaitaliani malinditurismo malindigianfranco vitalipersonaggi kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Torna la voglia di vivere Malindi e torna il piacere delle feste degli italiani nelle tante splendide ville di Casuarina e dintorni.
Un sintomo felice della ritrovata serenità e sicurezza della località turistica che spesso viene data per morente o...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

In cinque giorni abbiamo raccolto già 3000 euro, e siamo a più di un terzo dell'obbiettivo che ci siamo prefissi, 1 milione di scellini.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il fine settimana all’Olimpia Club di Malindi si anima particolarmente ed alle cene con prodotti italiani freschi d’importazione...

LEGGI L'ARTICOLO

Baracche di legno e makuti e niente “mabati” o lamiere, strade semideserte e pulitissime, solcate da...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

"Stiamo lavorando al collegamento diretto tra l'aeroporto di Malpensa e quello di Malindi". 
Una dichiarazione forte, importante, perché arriva direttamente da Phyllis Kandie, Ministro del Turismo del Kenya. 

LEGGI TUTTO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nei casi estremi, la solidarietà degli italiani all'estero non si limita alle parole ma diventa un fatto concreto, lasciando da...

LEGGI L'ARTICOLO

Prosegue l'iniziativa degli italiani di Malindi e dintorni "Amatriciana solidale per i terremotati", i residenti e i villeggianti italiani in Kenya aiutano i connazionali colpiti dalla sciagura che ha toccato Lazio, Umbria e Marche.

LEGGI TUTTO

Terza puntata della felicissima rassegna "Io conosco il canto dell'Africa", un successo di pubblico e applausi nei primi due giovedì al Baby Marrow di Malindi.
Dopo Frank Sinatra ed Ernest Hemingway, giovedì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"E'una notizia molto positiva quella che riguarda l'adeguamento dell'aeroporto di Malindi ai voli lungo raggio e che conferma il lavoro svolto in questi anni dal governo per avere uno scalo nel posto in Kenya tra i piu graditi agli italiani.
Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

E' successo più volte in passato: quando a Malindi o Watamu arriva una troupe televisiva italiana, il rischio dello "sgub", della ricerca dello scandalo o del luogo comune per acchiappare share televisivo è sempre in agguato, così come i pregiudizi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Procedono e neanche tanto "pole pole" i lavori di asfaltatura della strada per lo Tsavo che parte da Malindi e arriva al Sala Gate, ovvero l'ingresso più a sud del grande Parco Nazionale dello Tsavo Est, meta di migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO