Ultime notizie

NEWS

Gli archeologi marini italiani sono a Malindi

Tusa: "Siamo alla ricerca di un antico relitto portoghese"

04-11-2017 di redazione

E' un grande giorno per l'archeologia marina keniana.
A Malindi sono arrivati tre esperti di fondali italiani: il sovraintendente del Mare della Regione Sicilia Sebastiano Tusa e i suoi due collaboratori Claudio Di Franco e Fabio Di Iorio.
La partnership tra Kenya e Italia è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra l'Istituto Italiano di Cultura di Narobi e il più importante archeologo marino del Kenya, Caesar Bita, che è anche direttore del Museo Nazionale di Malindi.
"E' un onore avere qui gli esperti ricercatori marini italiani - ha detto Bita a malindikenya.net - la storia del loro Paese e delle meraviglie ritrovate nel Mediterraneo sono una garanzia di professionalità che può dare l'opportunità al Kenya di crescere in questo settore, di conoscere sistemi e sviluppare tecniche facendo tesoro di un campo in cui l'Italia eccelle nel mondo. Speriamo che questo sia solo l'inizio di una lunga e fruttuosa collaborazione".
Il professor Tusa è entusiasta di questa nuova avventura sull'Oceano Indiano.
"L'Africa, con la sua storia millenaria di passaggi e rotte di imbarcazioni da tutto il mondo, può rivelare grandi sorprese a noi ricercatori - spiega il sovrintendente siciliano - in questi giorni ci immergeremo al largo di Ngomeni, alla ricerca di un veliero portoghese del '500. Nella zona furono ritrovate zanne d'avorio e lingotti di rame, che farebbero pensare proprio a un relitto di quel periodo storico. Speriamo che le ipotesi keniane siano fondate, potremmo anche trovarci davanti ad un'autentica meraviglia, come accaduto recentemente in Namibia, quando è stato portato alla luce un carico di zanne d'avorio, oro ed altri tesori sommersi".
Ovviamente questo potrebbe essere solo l'inizio, per sondare un mare, quello al largo di Malindi, che sotto ai suoi fondali relativamente bassi, può rivelare autentiche sorprese, sotto gli stradi di terra e sabbia accumulatisi nel tempo.
Tusa e i suoi collaboratori resteranno qualche giorno a Malindi e poi si trasferiranno a Nairobi, dove parteciperanno il 10 e 11 novembre a due conferenze organizzate dall'Istituto Italiano di Cultura e dai Musei Nazionali del Kenya sul tema dell'archeologia di mare e di terra in Kenya. 
 

TAGS: archeologia kenyamarina kenyaSebastiano Tusafondali kenyaricerche kenya

Un grande bis per il violinista italiano Francesco D'Orazio, che dopo aver incantato i presenti al Museo Nazionale di Malindi martedì scorso, due giorni fa si è esibito al National Theatre di Nairobi, davanti a una platea che da giorni...

LEGGI TUTTO

Le potenzialità del Kenya nel campo della ricerca archeologia sono note, anche se soprattutto si tratta di quelle di terra, collegate soprattutto agli importanti ritrovamenti che riguardano nostri proto-antenati nella zona del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi potrebbe essere una delle mete più importanti dell'Africa per l'archeologia marina.
Nei fondali al largo della costa nord del kenya sono nascosti segreti di oltre 2000 anni di storia.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi cerca la sua identità di destinazione d'interesse non solo turistico, ma anche di richiamo internazionale per associazioni, organizzazioni, ricercatori, aziende che investono in settori paralleli e che comunque...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Immersioni, un violino una voce e l'eco dei secoli" è un evento senza precedenti per il Museo Nazionale di Malindi, che segna la conferma di un percorso intrapreso con l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e l'Ambasciata Italiana in Kenya,...

LEGGI LA NOTIZIA E PRENOTA IL TUO POSTO A SEDERE

C'è qualcosa di interessante sotto l'Oceano Indiano al largo di Malindi.
Questa è la sensazione di uno dei più importanti archeologi marini italiani...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una serata d'altri tempi e forse d'altra Malindi, quando si riempiva la discoteca Stardust, tempio delle notti brave della costa, anche di pomeriggio.
Tempi in cui le partite di calcio venivano trasmesse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura domani sera a Malindi avrà come ospite d'onore l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni.
Al Museo Nazionale della cittadina, dietro Uhuru Garden, verrà infatti inaugurata la mostra "Immersions" che mette a confronto l'archeologia marina...

LEGGI TUTTO

Una bella notizia di vita in questo agosto un po' triste per eventi che ci hanno privato di amici e connazionali della comunità italiana sulla costa del Kenya.
Ieri notte a Mombasa è nato Francesco, il figlio primogenito di Simone...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna l'appuntamento del giovedì sera all'Olimpia Club di Malindi, con la musica e la voce del performer Salvatore Strano, anche in veste di disk-jockey. 
Questa settimana è di scena uno dei crostacei più rari e più gustosi che si possano...

LEGGI TUTTO

Una nuova rivoluzionaria scoperta nel campo delle cure contro la malaria è stata sviluppata dei ricercatori del Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health's Malaria Research Institute di Baltimora, negli Stati Uniti.
Si tratta di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nei suoi occhi blu ci trovi il cielo e il mare di Watamu. La solarità di una donna che ha trovato il suo equilibrio, la serenità che cercava.
Faresti fatica a dire che Marina Mauro arriva dal Nord Italia (friulana...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Chi volesse acquistare un fuoristrada bellissimo e in ottime condizioni, lo può fare ad un prezzo incredibile e nello stesso tempo avrà fatto un'opera buona nei confronti di un residente italiano di Malindi.
La Toyota Amazon del 2008 Turbo Diesel in...

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Dopo soli due anni dalla sua formazione, a fine mese chiude a Malindi l’Associazione Italiana Kilifi County. E’ un grande peccato e allo stesso tempo una sconfitta per tutta la comunità italiana di Malindi, Watamu e Mambrui.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fare ricerche per i titoli di proprietà (title deed) d’ora in avanti non costerà nulla.
Così come saranno presto velocizzate le pratiche per sapere se un title deed è vacante o ha un proprietario, se è bloccato o di quale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO