Ultime notizie

PERSONAGGI

Hope, la keniana che costruisce tetti di plastica

30 anni, ha studiato in Svezia e trasformato una passione "sana" in business

16-01-2020 di Leni Frau

Lei si chiama Hope, che significa “speranza” ed è una ricercatrice ambientale keniana. Ha studiato a Stoccolma ed ha deciso di tornare in patria per trasformare in realtà ciò in cui crede e per cui si è costruita una professionalità.
Hope Mwanake ha particolarmente a cuore la crescita sconsiderata dell’inquinamento nel suo Paese ed ha iniziato la sua carriera lavorativa come dirigente del servizio di raccolta rifiuti nella sua cittadina natale, Gilgil, ad un paio d’ore di auto da Nairobi.
Qui la ricercatrice si è resa conto in prima persona delle montagne di plastica, bottiglie e taniche scartate da residenti, alberghi, negozi e scuole: "Stavamo semplicemente gettando tutta la plastica nella discarica. Non aveva senso – ha raccontato in un’intervista all’agenzia Reuters – Ero convinta che doveva esserci un modo migliore di smaltire tutta quella plastica. Così, dopo studi e riunioni, siamo arrivati a creare un valore aggiunto per il mercato che avrebbe anche contribuito a ridurre tutta questa plastica nell'ambiente".
Insieme al partner commerciale e al collega scienziato ambientale Kevin Mureithi, Hope Mwanake ha fondato "Eco Block and Tiles".
È la prima azienda in Kenya a produrre tegole e altri materiali da costruzione a partire da rifiuti di plastica e vetro.
Le tegole di plastica sono più durevoli, più leggere e più facili da trasportare e da installare rispetto alle tegole di cemento o di argilla. Sono anche più sicure per la raccolta dell'acqua piovana e costano più o meno la stessa cifra.
Grazie al passaparola, alle promozioni nei negozi di ferramenta e ai post sui social media, la startup ha attirato decine di proprietari di case e piccole imprese nell'ultimo anno.
L'azienda ha anche ottenuto il sostegno del governo keniota, che sta promuovendo l'uso di materiali sostenibili più ecologici come parte degli sforzi per ridurre le emissioni di carbonio generate dall'industria edilizia della nazione dell'Africa orientale.
"Con l'aumento della popolazione, l'espansione del tessuto urbano, l'impegno a fornire alloggi a prezzi accessibili in Kenya e la costruzione di edifici a zero emissioni di carbonio entro il 2050, questi prodotti hanno un mercato potenziale", ha detto la National Construction Authority (NCA) del Kenya.
Anche l'inquinamento è una preoccupazione, per cui riproporre la plastica per costruire è una "vittoria per tutti", ha aggiunto l'NCA in una dichiarazione.
Un milione di bottiglie di plastica vengono acquistate ogni minuto a livello globale, dice l'ONU.
Quasi un terzo degli imballaggi di plastica sfugge ai sistemi di raccolta dei rifiuti, e almeno otto milioni di tonnellate di plastica si disperdono negli oceani ogni anno, soffocando le scogliere e minacciando la vita marina.
Secondo le Nazioni Unite, la plastica entra anche nelle riserve idriche e nella catena alimentare, dove potrebbe danneggiare le persone a lungo termine.
Si sta preparando una battaglia globale - il Kenya ha vietato i sacchetti di plastica e altri paesi stanno prendendo di mira le cannucce o il polistirolo - ma gli ambientalisti dicono che sono necessari molti più cambiamenti.
Con la produzione di oltre tre milioni di tonnellate di rifiuti all'anno - di cui solo l'otto per cento è riciclato - gli scienziati-imprenditori Mwanake e Mureithi hanno sentito che qualcosa doveva essere fatto.
"Abbiamo esaminato le proprietà della plastica e del vetro, e poi abbiamo letteralmente cucinato vasetti e barattoli vuoti in un gran pentolone e abbiamo mescolato il polimero fuso con la sabbia frantumata dai rifiuti di vetro", ha rivelato Hope.
“Sembrava una specie di porridge, ma una volta messo in stampi e raffreddato, abbiamo scoperto di avere un prodotto molto forte e durevole”.
Da quando i due hanno fondato l'azienda, hanno utilizzato anche una piattaforma di crowdfunding e ottenendo sovvenzioni da organizzazioni britanniche e olandesi.
La produzione commerciale delle eco-tegole è iniziata nel 2018.
Ogni tegola ha un prezzo di 850 scellini kenioti (8,50 dollari), equivalente al prezzo di quelle in cemento o in argilla.
Una casa media a tre letti richiede da 1.000 a 2.000 tegole.
L'azienda impiega quattro dipendenti fissi e supporta decine di raccoglitori di rifiuti della comunità acquistando la loro materia prima - rifiuti di plastica e vetro gettati dai residenti di Gilgil.
Finora, hanno trasformato più di 56 tonnellate di rifiuti di plastica in 75.000 tegole per 30 case e imprese.
Gli ecotessili stanno anche aiutando la fiorente industria edile del Kenya a ridurre le emissioni di anidride carbonica, fornendo alternative più verdi e sostenibili al cemento.
“Dobbiamo far crescere la visibilità e la consapevolezza sui prodotti eco-compatibili – ha detto Hope – perché molti consumatori keniani hanno ancora un’opinione negativa e credono che “eco-friendly” significi qualità scadente. Questa visione sta lentamente cambiando, ma ci vuole tempo. Creando un mercato, altri si accorgeranno che la plastica si può riciclare e trasformare in tanti altri prodotti”.

TAGS: riciclo kenyategole kenyaambiente kenyaplastica kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Riciclo della plastica, incontro pubblico al Museo di Malindi.
Mercoledì 24 Agosto alle 16, Sam Ngumba Ngaruiya, titolare e fondatore della società “Regeneration Environmental Services” terrà un incontro pubblico presso il Centro culturale del museo di Malindi “Plastica e più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya fa sul serio.
Dopo aver annunciato il bando totale dei sacchetti di plastica per il prossimo 28 agosto, ora ha pubblicato le multe e le pene per chi non rispetterà la legge.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una barca interamente costruita con plastica riciclata, particolarmente con i flip flop, ovvero la gomma delle infradito che a migliaia invadono le coste, anche dell'Oceano Indiano e del Kenya.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da settembre 2017 niente più sacchetti di plastica in Kenya.
Una splendida notizia per la tutela dell'ambiente.
Il Paese africano in continua crescita, deve fare i conti con l'inquinamento non solo dell'aria a Nairobi e Mombasa, ma anche con quello...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La politica del riciclo e dell’eliminazione della plastica attuata da Ruanda, Kenya e ora anche Tanzania sta influenzando anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Coca-Cola Kenya ha intrapreso un'iniziativa nazionale che cerca di educare gli studenti delle scuole secondarie all'importanza di...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ultimo World Cleaning Day in Kenya ha rivelato numeri crescenti e preoccupanti di plastica sulle spiagge della costa.
Gli operatori...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Per il settimo mese di seguito i cittadini responsabili di Malindi riuniti sotto l’egida del movimento...

LEGGI L'ARTICOLO

Avevamo presentato la splendida e originale iniziativa della Onlus "Flipflopi Expedition" (LEGGI QUI IL PRECEDENTE ARTICOLO) che illustrava la costruzione a Lamu di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grazie al decreto legge della Contea e ad uno studio ed un progetto dalla Germania e donazioni straniere...

LEGGI L'ARTICOLO

La decisione è stata annunciata ieri dal Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta e successivamente ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono già 17 gli hotel e resort della costa keniana ad aver messo al bando le bottiglie di plastica e le cannucce per le bibite.
La decisione è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kenya, dopo aver vietato la fabbricazione, l'importazione e l'utilizzo di sacchetti di polietilene dallo scorso 28 agosto, il Governo sta pensando anche di vietare le bottiglie di plastica.
L'annuncio è stato dato da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO