Ultime notizie

TURISMO

Hotelier Kenya: "Riaprire non ci conviene"

Sondaggio: settore ospitalità non ha fiducia in ripresa veloce

19-06-2020 di Freddie del Curatolo

Riaprire ora gli hotel e anche i ristoranti è inutile, questo il parere della maggior parte degli operatori del settore dell’ospitalità in Kenya.
Lo rivela un sondaggio condotto dalla Banca Centrale del Kenya, oltre che essere il parere diffuso delle associazioni del turismo.
I motivi principali, secondo gli hotelier sono da ricercare non solo nel crescente clima di insicurezza riguardo alla diffusione del virus nel Paese, ma anche nella portata delle restrizioni e delle misure di contenimento del Covid-19 e dalle indicazioni che andranno a completare il cosiddetto protocollo per le imprese e per tutte le attività che operano al pubblico.
Nel sondaggio della CBK gli intervistati hanno sottolineato che la riapertura, stante il coprifuoco e i lockdown a Nairobi e Mombasa, e con gli aeroporti chiusi non sarebbe affatto conveniente.
Nel tentativo di valutare l'ottimismo nelle prospettive economiche del Paese nel bel mezzo della pandemia del Coronavirus, l'indagine ha richiesto agli intervistati del settore alberghiero di indicare le eventuali prenotazioni alberghiere mensili a termine ricevute finora per il periodo da maggio ad agosto di quest'anno.
I risultati, riferiti dal quotidiano nazionale The Standard, hanno mostrato che la maggior parte degli hotel ha avuto tutte le prenotazioni cancellate o sospese a tempo indeterminato a causa della presenza dell’epidemia di COVID-19.
Tra gli hotel che hanno risposto, il 75 per cento si era anche preparato a riaprire in conformità con i requisiti richiesti dal Governo per la sicurezza di personale e clienti. il 20 per cento è di fatto aperto, ma con zero prenotazioni a termine e solo il 5 per cento ha qualche prenotazione a termine per i prossimi due mesi. Gli intervistati del settore turistico nel suo complesso hanno segnalato una forte riduzione del numero di arrivi di turisti internazionali nel primo trimestre di quest'anno e hanno previsto che la tendenza si manterrà per il resto del 2020. Inoltre, gli intervistati hanno indicato che il turismo interno si è arrestato a causa della restrizione dei movimenti per limitare la diffusione del virus che colpisce ulteriormente gli albergatori.
La botta finale, secondo gli operatori del settore dell’ospitalità è stata data dall’ultima estensione delle restrizioni. Per loro, una ripresa anche lenta e l’abolizione del coprifuoco e dei lockdown, oltre ad una data certa prospettata per la riapertura degli aeroporti internazionali, avrebbe potuto invertire anche parzialmente la rotta.
Nonostante la possibilità “last minute” di ospitare ad agosto il turismo domestico e magari una riapertura a fine luglio dei voli internazionali, la maggior parte degli hotelier e ristoratori non credono che questo possa servire a risanare un bilancio che per ora si prospetta in disastrosa perdita. Meglio restare chiusi ed attendere tempi migliori e certezze.
Di conseguenza, i grandi alberghi hanno temporaneamente chiuso le loro attività con pochi operatori che hanno optato per la riduzione del numero di dipendenti o per l'applicazione di misure come la riduzione degli stipendi del personale.
L’altra incognita è rappresentata dall’utilizzo che il Ministero del Turismo farà dei 6 miliardi di scellini che il Tesoro ha stanziato per il settore, con l’obbiettivo di contenere i disagi e prepararsi al rilancio.
C’è poco da pensare al marketing, in questo momento. I fondi dovrebbero essere utilizzati per permettere alle attività di ammortizzare le spese e non dover licenziare e ridurre drasticamente i loro servizi in vista della riapertura.
“Per far ripartire il settore, stiamo stanziando fondi per prestiti agevolati agli alberghi e alle strutture collegate attraverso la Tourism Finance Corporation – ha spiegato recentemente il Ministro del Tesoro Ukur Yattani – altri stanziamenti serviranno per sostenere il rinnovamento delle strutture e l’adeguamento ai nuovi standard”.

TAGS: ripresa kenyaospitalità kenyaturismo kenya

Flavio Briatore ha deciso di vendere il suo prestigioso resort-Spa Lion In The Sun a Malindi.
L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa del suo manager Philip Chai, che è anche il direttore dell'associazione degli hotelier della costa nord keniana. Dichiarazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un intervento chiaro, diretto e senza fronzoli quello dell'Ambasciatore d'Italia in Kenya al Business Forum di Malindi.
Il primo rappresentante del Governo Italiano in Kenya ha voluto conoscere in prima persona la realtà dei connazionali malindini e le reali possibilità...

LEGGI TUTTO

Dopo la pressione esercitata dall'associazione degli imprenditori del Turismo di Malindi e Watamu, ieri mattina finalmente si sono visti gli operai della Municipalità di Malindi con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non facciamoci illusioni, particolarmente noi italiani conosciamo i politici e il "politichese", ma la dichiarazione del Governatore della Contea di Kilifi Amason Jeffah Kingi è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"E'una notizia molto positiva quella che riguarda l'adeguamento dell'aeroporto di Malindi ai voli lungo raggio e che conferma il lavoro svolto in questi anni dal governo per avere uno scalo nel posto in Kenya tra i piu graditi agli italiani.
Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Piogge permettendo, i lavori di allargamento e si spera asfaltatura del tratto costiero Malindi-Watamu, proseguiranno da entrambi i lati.
Dopo avervi riferito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala esce allo scoperto, alla vigilia della più importante manifestazione fieristica del settore nel suo Paese e denuncia il calo degli arrivi internazionali nel Paese e l'occupazione delle strutture alberghiere da parte di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono bastati quindici giorni di pubblicità in prima pagina sul nostro portale e i proprietari di una palazzina di tre piani nel quartiere popolare di Mtangani a Malindi hanno venduto il loro bene immobile a un lettore di malindikenya.net.
La...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il futuro del turismo in Kenya dopo il Covid-19 non riguarda solo un “business” di pochi né tantomeno di ...

LEGGI L'ARTICOLO

anche l'ex Ministro e parlamentare malindino Dan Kazungu, ora Ambasciatore del Kenya in Tanzania, ad assistere alla ripresa dei lavori della Kenya Urban Rural Authority, l'ente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato un rientro solo a metà, quello di ieri dalle vacanze sulla costa keniana.
Una buona parte di turisti, quelli locali soprattutto, hanno fatto ritorno a Nairobi e nelle altre cittadine del nord del Paese, per la ripresa delle...

LEGGI TUTTO

Un grattacielo di venti piani in riva all'Oceano Indiano.
Sorgerà a Malindi, sulle macerie dell'ex villaggio turistico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO

La compagnia Mediterranean Shipping Company (MSC) ha siglato nei giorni scorsi un accordo con il presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta, per ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo un anno di rassicurazioni, di veti tolti e silenzio, gli Stati Uniti rilanciano un "travel advisory", ovvero un consiglio di evitare certe zone del Kenya, dal proprio Ministero degli Esteri. 
 

LEGGI TUTTO