Ultime notizie

NEWS

Il discorso di Kenyatta del 26 agosto 2020

Traduzione in italiano di malindikenya.net

27-08-2020 di redazione

Trenta giorni fa, il 27 luglio 2020, ho promesso di valutare e, se necessario, di aumentare o diminuire le misure adottate finora per contenere la pandemia COVID-19.

Ho promesso di farlo perché la maggior parte di questi passi erano condizionati.  Che funzionassero o meno dipendeva dal modo in cui rispondevamo a loro individualmente e collettivamente come nazione e come popolo.

Oggi, sono felice di notare che la maggioranza dei keniani ha esercitato un ragionevole livello di responsabilità civica nell'osservare i protocolli COVID.   Hanno accettato il fatto che non è sufficiente che il governo aumenti i suoi sforzi, se i cittadini non aumentano anche i loro impegni.  Hanno compreso che, in effetti, una sfida come la COVID-19 richiede che i cittadini collaborino con i loro governi nella ricerca di soluzioni per contenere tale sfida.

E grazie alla serietà di questa sfida e, soprattutto, alla collaborazione con il governo, le infezioni sono arrivate a un livello gestibile.  In effetti, in alcuni casi stiamo segnalando più recuperi che contagi.  I focolai come Mombasa e Nairobi hanno cominciato a stabilizzarsi.
I nostri esperti hanno indicato che i livelli del tasso di positività in tutto il Paese sono scesi dal 13% di giugno all'8% di agosto 2020. 

Questo è molto incoraggiante e significa che, se manteniamo alta la nostra responsabilità civica, abbiamo la possibilità di raggiungere il tasso di positività del 5% raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per la riapertura totale.

A questo proposito, come questa mattina, i casi COVID-19 confermati sono aumentati di 213, portando il totale a 33.016.  Piangiamo le 5 vite perse nelle ultime 24 ore. 

In mezzo a questa tragedia, rimaniamo grati che nello stesso periodo abbiamo registrato 241 recuperi, portando il numero totale dei recuperi a 19.296, con un tasso di recupero del 58%.

Prendiamo atto dei buoni progressi che abbiamo fatto finora nella lotta contro questo nemico, ma, questa notizia positiva non è una licenza per noi di abbassare la guardia e tornare indietro dal nostro percorso di responsabilità. 

Infatti, e come ho già detto in passato, stiamo combattendo una guerra contro un nemico invisibile.  E mentre entriamo nel sesto mese di questa guerra, stiamo anche entrando in una fase conosciuta come la "nebbia della guerra".

In questa fase, la "arena di combattimento" è nebulosa.  E in questa 'nebbia di guerra', il primo istinto è quello dell'autoconservazione.   Combattete per propagare voi stessi, la vostra famiglia e l'ambiente che vi nutre.  E in questo stato "nebbioso", si diventa anche consapevoli del fatto che il governo NON può controllare la moralità dei suoi cittadini.

Infatti, nella "nebbia della guerra", i cittadini, pur mantenendo le loro libertà, si affannano a sopravvivere. 

Insomma, ciò che ci salverà tutti in questa guerra è l'esercizio della responsabilità civile.  E devo sottolineare ancora una volta che, di fronte a una crisi come quella di COVID-19, non ci sono responsabilità insopportabili.

Sia chiaro: quando parlo di "responsabilità" non intendo "chi porta il peso". La responsabilità non è un peso, è un dovere civico.   Invece di vederla come qualcosa che si porta dietro, bisogna vederla come un compito gioioso. 

È un debito felice che paghi ai tuoi concittadini per essere un membro della loro comunità; il prezzo che paghi per propagare te stesso, la tua famiglia e il tuo Paese.

Anche se abbiamo fatto bene nel tentativo di far discendere la curva, ci sono due sfide che hanno continuato a soffocare i nostri sforzi.

In primo luogo, mentre la nostra determinazione a gestire la diffusione di questa pandemia in città come Nairobi e Mombasa ha iniziato a dare i suoi frutti, la crisi ha comunque iniziato a riguardare le contee. La nuova frontiera di questo nemico invisibile si sta spostando sempre più verso le contee e le zone rurali.

Mentre non c'è dubbio che nelle contee si è verificata una notevole espansione delle strutture del settore sanitario, occorre fare di più.  E il ritmo di questa espansione dovrebbe essere aumentato per far fronte al graduale spostamento di questa pandemia nelle contee.

Data questa sfida e la necessità di ancorare la Copertura Sanitaria Universale (UHC) nell'architettura sanitaria in espansione, dirigo quanto segue:

Che il Segretario di Gabinetto per la Salute, agendo congiuntamente con il Presidente del Consiglio dei Governatori, costituisca un Gruppo Nazionale di Riferimento sulla COVID-19, per esaminare l'efficacia della nostra risposta a questa pandemia fino ad ora.  Il gruppo dovrebbe registrare le lezioni apprese e riportarle nel settore a livello nazionale e nelle contee.

Il gruppo dovrebbe formulare strategie per identificare le debolezze istituzionali all'interno del sistema sanitario ad entrambi i livelli; raccomandare modi per aumentare la rappresentanza dei governi delle contee nei consigli delle agenzie sanitarie; e raccomandare modi in cui le nostre risposte nazionali alle emergenze sanitarie possono essere migliorate.

Il Gruppo Nazionale di Riferimento su COVID-19 dovrebbe posizionare il settore sanitario come motore della nostra agenda produttiva, garantendo la preferenza ai produttori locali nell'approvvigionamento di prodotti farmaceutici e non farmaceutici.
Il Gruppo Nazionale di Riferimento sul COVID-19 dovrebbe espandere il suo lavoro in corso e istituire il Kenya COVID Vaccine Consortium, riunendo le parti interessate a livello locale e internazionale, per focalizzare l'attenzione sullo sviluppo e la sperimentazione del vaccino COVID-19 a livello locale.

A seguito delle accuse di scorrettezze presso la Kenya Medical Supplies Authority (KEMSA), le agenzie investigative competenti sono pienamente coinvolte nella questione.

Dato il forte interesse pubblico sulla questione, le agenzie competenti dovrebbero accelerare le indagini in corso e concluderle entro 21 giorni dalla data del presente documento.

In linea con la nostra politica pubblica dichiarata sulla Tolleranza Zero alla Corruzione, tutte le persone ritenute prima facie colpevoli a seguito di tali indagini dovranno essere portate a giudizio, nonostante la carica pubblica che ricoprono o il loro status politico o sociale.

La pandemia che abbiamo in casa pone una crisi individuale, una crisi sanitaria e una crisi economica.  Se la cura per la crisi è la responsabilità civica, e noi abbiamo fatto bene in questo campo, ci sono anche dei buoni ritorni dal settore economico. 

Mentre questa pandemia continua a presentarci varie sfide senza precedenti, dobbiamo sempre ricordare che il Kenya è Paese con “lavori in corso”.   Per questo motivo dobbiamo celebrare i buoni risultati anche mentre continuiamo a combattere le sfide che ci attendono.

Dal marzo di quest'anno ho tenuto dieci discorsi sulla pandemia COVID-19 e questo è l'undicesimo.  E nei dieci discorsi ho dato alcune direttive per ammortizzare la nostra economia e aumentare il potere d'acquisto del nostro popolo. 

Quello degno di nota è il taglio delle tasse che abbiamo annunciato nel marzo 2020.  Questi hanno messo 47,8 miliardi di scellini nelle tasche dei keniani, compresi 14 miliardi di scellini di rimborsi dell'IVA, come ho ordinato nel marzo 2020.

Esaminando i risultati oggi, devo ammettere che abbiamo fatto meglio di quanto ci aspettassimo.  Ad esempio, anche sotto COVID, l'economia è cresciuta del 4,6% rispetto al 5,5% dell'anno scorso. 

E l'inflazione è oggi inferiore al 4,4% rispetto al 6,3% dello stesso periodo dell'anno scorso; gli attuali indicatori economici sono molto migliori di quanto ci aspettassimo.

Ma i successi che ci hanno ispirato sono stati quelli che hanno usato la crisi COVID per ri-immaginare le loro condizioni.  Il settore bancario, ad esempio, ha iniziato a rielaborare e umanizzare il proprio modello.  Invece di concentrarsi sui profitti, ha riprogettato il suo modello per concentrarsi sul cliente.

Anche istituzioni governative come la Kenya Revenue Authority (KRA) hanno rimodellato il loro approccio.  Ad esempio, invece di distruggere 1,5 milioni e mezzo di litri di etanolo illecito in loro possesso, lo hanno fatto convertire in disinfettanti per le mani.

Ma la storia più stimolante del ripensamento delle circostanze durante questa crisi COVID è quella di un proprietario di una grande scuola che ha chiuso.  Per adempiere ai suoi obblighi con le banche e altri fornitori, uno, Joseph Kungu, ha trasformato la sua scuola in una fattoria, allevando polli e producendo cibo.

Anche i nostri esportatori stanno riattrezzando e trasformando la sfida in una promessa.  Per esempio, i nostri coltivatori di frutta e orticoltura, hanno visto i nostri guadagni dell'orticoltura saltare a 81 miliardi di Ksh. tra gennaio e giugno 2020 rispetto ai 76 miliardi di Ksh. per un periodo simile nel 2019.   I guadagni della sola frutta sono quasi raddoppiati da Ksh. 7 miliardi a Ksh. 12 miliardi.

Ciò che ci insegnano questi esempi di riattrezzamento del business in tempi di crisi è che: una crisi "...rappresenta sia un pericolo che un'opportunità".  E coloro che si inorridiscono di fronte al pericolo, NON sopravviveranno.  Ma coloro che scelgono di sfruttare le opportunità offerte dalla crisi, diventano gli eroi del momento.

Per garantire i risultati che abbiamo raggiunto finora e costruire su di essi per il futuro, ordino e dirigo ulteriormente come segue: 

Uno, il Segretario di Gabinetto per gli Interni e il Coordinamento del Governo Nazionale in collaborazione con il Presidente del Consiglio dei Governatori, convocherà, tra tre settimane, una Conferenza consultiva nazionale inclusiva per esaminare la nostra risposta nazionale e delle contee e, insieme a tutte le parti interessate, tracciare il futuro post Covid-19 del Kenya.

Due, che la chiusura dei bar e dei locali notturni continui per altri 30 giorni.  Tuttavia, il divieto di vendita di alcolici da parte di hotel con licenza di soggiorno è stato abolito.  Nei prossimi 30 giorni, i proprietari dei bar, in consultazione con il Ministero della Salute, svilupperanno meccanismi di autoregolamentazione come parte della loro responsabilità civica nei confronti della clientela, al fine di consentire la loro ripresa.

Terzo, che l'orario di chiusura dei ristoranti e dei punti di ristoro sia variato di un'ora dalle 19.00 alle 20.00, a partire dal 27 agosto 2020.  

Quattro, in conformità alle raccomandazioni del Consiglio Inter-Faith, il numero massimo di persone ammesse a partecipare ai funerali e ai matrimoni è rivisto fino a 100, con la partecipazione di tutti i presenti nel rispetto del protocollo del  Ministero della Salute.
Cinque, il divieto di vendita di abiti di seconda mano, altrimenti noto come 'mitumba', è qui revocato.  I dettagli di come questo funzionerà e i protocolli per lo stesso saranno annunciati dal Governo domani.

Sei, che il Ministero dello Sport, della Cultura e dei Beni Culturali e il Ministero della Salute emetteranno congiuntamente linee guida sulla graduale ripresa degli eventi sportivi in Kenya.

Sette, che il coprifuoco nazionale attualmente in vigore tra le ore 21.00 e le 4.00 del giorno, sia e sia prorogato di altri 30 giorni.

Per concludere le mie osservazioni, oggi, permettetemi di dire qualcosa sulla nostra Costituzione.  Domani, il 27 agosto 2020, è il decimo anno dalla promulgazione della nostra nuova Costituzione. 

Questa Costituzione è stata acclamata, in tutto il mondo, come una delle più progressiste. E questo perché è l'incarnazione di quello che dovrebbe essere un contratto sociale tra persone di origini diverse e il loro governo.

Ma devo ricordare a tutti noi una cosa: "...Se il nostro passato è costantemente in guerra con il nostro presente, finiamo per perdere il nostro futuro".  E lo spirito di questa costituzione è stato pensato per riconciliare il nostro passato con il presente, al fine di garantire il nostro futuro.

Ma gli artefici di questo contratto sociale ci hanno anche detto che la nuova costituzione era un "work in progress".  E come tale, ci è stato chiesto di adottarla con la promessa che in futuro la renderemo migliore.

Dieci anni dopo, il momento di migliorarla è - ORA.  E come ho detto nel mio discorso del Madaraka Day, non dobbiamo soccombere alla paralisi della rigidità costituzionale.  Dobbiamo trattare una costituzione come un documento vivo che deve costantemente adattarsi alle nostre realtà emergenti.

In passato, tutte le nostre costituzioni sono state documenti di cessate il fuoco.  Accordi creati per schivare il confronto e il conflitto civile.

E se si fa una lettura testuale di queste costituzioni, esse rappresentano una costante discussione tra il passato e il presente.  Ecco perché sono documenti per il cessate il fuoco.

Ma dieci anni dopo la nostra costituzione progressiva, il momento ci chiama a fare meglio. Invece di un documento di cessate il fuoco che impone un gioco a somma zero in cui il vincitore prende tutto, il momento ci chiama a creare un ordine costituzionale che durerà a lungo.  E su questo, voglio sottolineare che non dobbiamo seguire la via populista.  Scegliamo la strada coraggiosa; quella che assicurerà ai keniani una pace e una sicurezza durature e una prosperità economica condivisa.

Infine, se consideriamo la crisi sanitaria come un'opportunità, e non solo come un pericolo, allora riorganizzeremo completamente il nostro Paese, la sua architettura costituzionale e il suo patrimonio.  E come disse una volta Abraham Lincoln: "...L'unico modo per prevedere il futuro è inventarlo". Possiamo inventare il futuro che vogliamo attraverso le nostre azioni di 'responsabilità civica' oggi.

TAGS: kenyatta discorsokenya civid-19kenya pandemia

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Altri trenta giorni di coprifuoco in Kenya dalle 21 alle 4 del mattini, con la sola variante che i ...

LEGGI L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya riceverà presto un aiuto dal Fondo Monetario Internazionale per fare fronte in maniera adeguata...

LEGGI L'ARTICOLO

326 casi su 440. Anche l’ultimo bollettino emesso dal Ministero della Salute del Kenya testimonia che...

LEGGI L'ARTICOLO

“Lavatevi le mani e disinfettatevi, evitate le folle e rispettate la distanza sociale, camminate da soli e...

LEGGI L'ARTICOLO

Una conferenza stampa eccezionale, all’Aeroporto Internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi, per annunciare...

LEGGI L'ARTICOLO

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima....

LEGGI L'ARTICOLO

Anche il Kenya, come almeno altri dieci stati africani, è interessato ad utilizzare la cura “organica” introdotta dal...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ difficile, adesso come adesso, pensare alla riapertura totale del Kenya il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Da oggi in Kenya i cittadini che devono rinnovare il passaporto o gli stranieri chiamati a ...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ stato direttamente il Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta, ad aggiornare la Nazione, a...

LEGGI L'ARTICOLO

In molti si attendevano che il Presidente Kenyatta, nel discorso di ieri reso subito dopo il...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha deciso che è tempo di ripartire.
Dopo una riunione...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente della Repubblica del Kenya ha annunciato che da lunedì, giorno del termine del primo mese di...

LEGGI L'ARTICOLO

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima quantomai confuso e desolante, ogni anno in Kenya si festeggia il Madaraka Day.
Cinquantasei anni fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO