Ultime notizie

NEWS

Il più famoso rinoceronte del Kenya verrà ricostruito grazie all'Italia

Roma ha finanziato l'idea dei naturalisti Torchio e Magalì con l'appoggio dell'Ambasciata di Nairobi

21-07-2018 di redazione

Si chiamava Karanja ed era il più famoso rinoceronte nero del Kenya.
Imponente e pacifico, è morto di vecchiaia nel dicembre del 2014 dopo essere stato per tanti anni uno degli esemplari più fotografati nei safari all'interno della Riserva del Maasai Mara.
Conosciuto con il suo nomignolo da tutte le guide locali, negli ultimi tempi era monitorato dai ranger che lo seguivano ovunque, fino al giorno in cui
non avvistandolo come di consueto, lo hanno cercato e poi trovato morto, in pace, in vallonetto tra i cespugli.
Il suo corpo è stato in seguito trasportato al Museo Nazionale in Nairobi e consegnato al responsabile del reparto osteologia, il dottor Ogeto Mwembi.
Il fotografo naturalista italiano Paolo Torchio e la sua compagna Magalì Manconi, leggendo la notizia sui quotidiani locali, sono andati a trovare Ogeto e hanno trovato ampia disponibilità a visitare l'illustre ospite del Museo.
"Il professore ci ha condotto in un piccolo prato sul retro dell'edificio - racconta Torchio a malindikenya.net - ed era coperto da un pesante telo di plastica nera fermato da altrettanto pesanti sassi. Ogeto ci ha spiegato che quello è il sistema migliore per ripulire le ossa dell'animale. Si lascia che Madre Natura faccia il suo corso, e dopo un paio d’anni, togliendo il telo si avrà a disposizione uno scheletro perfettamente ripulito".
Due anni dopo, i due appassionati di savana, vengono chiamati dal Museo e invitati alla rimozione del telo.
"E' stato emozionante - rivela il fotografo italiano - Tutto ha funzionato come ci aveva predetto, e sotto il telo abbiamo trovato uno scheletro perfetto, pulito ed ordinato. A quel punto la domanda è nata spontanea: “Ed ora? Cosa ne fate di tutte queste ossa?”. Ogeto ci ha risposto che, come da prassi, le ossa sarebbero state messe in grosse scatole e Karanja sarebbe finito nei magazzini del Museo. "Che altro possiamo fare? - è stata la sua desolata considerazione - purtroppo il Dipartimento non dispone dei fondi necessari per organizzare la ricostruzione”.
Così è scattata l'idea di Paolo e Magalì: coinvolgere il Governo Italiano per la sponsorizzazione del progetto di ricostruzione, nello spirito di cordiale assistenza che da anni contraddistingue i due Paesi.
"Abbiamo radunato le fotografie ed i filmati del momento dello scoprimento dello scheletro, e abbiamo chiesto appuntamento all'Ambasciatore, Mauro Massoni, che ci ascolta pazientemente, medita sul da farsi e decide di coinvolge l’Istituto Italiano di Cultura".
L'Ambasciatore d'Italia in Kenya in questi anni si è distinto non solo per la sua disponibilità ad ascoltare proposte e iniziative da parte dei connazionali, ma anche per promuovere a vari livelli e segnalare quelle meritevoli. Così è accaduto anche nel caso di Karanja.
Il progetto infatti è decollato, è stato approvato dal Governo Italiano tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e finalmente lo scorso 18 luglio è iniziata fisicamente la ricostruzione dello scheletro del mitico rinoceronte nero keniano nella sala a lui dedicata, dove all'esposizione del suo scheletro sarà abbinata una mostra fotografica con ingrandimenti delle fotografie realizzate da Torchio durante il processo di assemblaggio e ricostruzione dell'esemplare da parte dell'equipe di esperti del Museo Nazionale.
"Siamo entusiasti - ammette Magalì Manconi  - negli anni a venire, nel museo di Nairobi, il vecchio Karanja potrà essere ricordato come simbolo della specie, proprio come lo scheletro del grande elefante Hamed, con la speranza  che questo sia un passo utile per interessare le generazioni future alla conservazione di questi grandi mammiferi a rischio di estinzione".

Photo Courtesy Paolo Torchio

FOTO GALLERY
TAGS: rinoceronte nero kenyarinoceronte karanjapaolo torchiomagalì manconimuseo nairobi

Ieri è finalmente arrivato il grande giorno della presentazione di Karanja al Museo Nazionale di Nairobi.
Karanja, oggi simbolo della protezione degli animali in Kenya, è stato uno dei rinoceronti-icona della conservazione in Kenya, uno degli esemplari più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' morto Sudan, l'ultimo rappresentante maschile dei rinoceronti bianchi del nord ("Northern White Rhino").
E' stato sedato definitivamente, per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo avevano chiamato "Lipstick", rossetto, per i contorni marcati intorno alla sua bocca che sembravano proprio truccati.
Ma la sua bellezza era nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Virry VR: Wild Encounters" (incontri selvaggi), ed è un nuovo videogame per Playstation che sta per essere lanciato in tutto il mondo.
La particolarità è che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura domani sera a Malindi avrà come ospite d'onore l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni.
Al Museo Nazionale della cittadina, dietro Uhuru Garden, verrà infatti inaugurata la mostra "Immersions" che mette a confronto l'archeologia marina...

LEGGI TUTTO

Lo chef-scrittore e personaggio televisivo americano Anthony Bourdain, tragicamente scomparso lo scorso otto giugno, ha lasciato un bellissimo testamento spirituale nel suo ultimo viaggio registrato per la sua trasmissione "Parts Unknown".
Un safari nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grande bis per il violinista italiano Francesco D'Orazio, che dopo aver incantato i presenti al Museo Nazionale di Malindi martedì scorso, due giorni fa si è esibito al National Theatre di Nairobi, davanti a una platea che da giorni...

LEGGI TUTTO

Il suo corpo è stato trovato ormai senza vita dalla moglie, nella loro accogliente casa di Langata a Nairobi.
Esmond Bradley-Martin, settantacinque anni, era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' andata in onda domenica scorsa su Rete 4 la seconda puntata del docu-reportage "Donnavventura" dedicata al Kenya.
Protagoniste della puntata, insieme ovviamente alle bellissime aspiranti videoblogger di viaggi ed avventura, sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della campagna contro il bracconaggio e il traffico illegale di ogni feticcio animale in Kenya, oltre alla tutela dell'ecosistema, vale la pena ricordare che da un po' di tempo la legge keniana è molto più severa e intransigente con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il curatore del Museo Nazionale del Kenya, Caesar Mbita, ha presentato alla stampa i Malindi Cultural Expo, una serie di otto appuntamenti a partire dal 2 giugno e fino all'otto agosto, giorno delle elezioni nazionali, per presentare nello spazio antistante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due giorni di concerti, esibizioni, produzioni artistiche e artigianato al Museo di Malindi per l'ormai consueto happening "Malindi International Art & Culture Extravaganza", che va in scena venerdì 29 e sabato 30 settembre per tutto il giorno e

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO