Ultime notizie

STORIE

Il quotidiano assassinio dei baobab sulla costa del Kenya

A Kwachocha per salvare una delle storie millenarie

06-11-2020 di Freddie del Curatolo

Sulla costa del Kenya è in atto un silenzioso, quotidiano crimine che non riguarda il genere umano e non è legato a nessuna sfortuna piovuta dall’alto, né ad esami di laboratorio finiti male o ad un carpaccio di animali infetti.
Ogni giorno ormai viene ucciso un baobab millenario, abbattuto uno dei simboli di questa terra, una pianta ricca e sacra per l’etnia Mijikenda e meravigliosa agli occhi di chi frequenta il Kenya.
Una pianta i cui semi producono frutti talmente curativi che sono aspirine vere e proprie e fanno crescere i bambini poveri dei villaggio sani e forti nonostante la mancanza di tanti alimenti.
Una pianta il cui legno oltretutto non ha utilizzi pratici e che viene chiamata “mzee”, l’anziano del villaggio, proprio perché spesso delimita un’area abitata e racconta la vita di una comunità.
Per questo i Mijikenda ritengono che il baobab raccolga in se le anime dei loro antenati e tutte le leggende tramandate oralmente, che sia custode della storia e della cultura, e che le sue radici antiche siano un simbolo dell’attaccamento di questo popolo alla sua terra, unica vera risorsa della loro vita nel tempo.
Fino a pochi anni fa, quando la speculazione edilizia sulla costa non aveva ancora oltrepassato il livello di guardia, quasi nessuno si azzardava ad abbattere un baobab. Da un po’ di tempo a questa parte la strage ha avuto inizio, a colpi d’accetta o di sega elettrica, senza che nessuno riesca a fermare questo scempio.
Ieri Malindikenya.net era nel popoloso quartiere periferico di Kwachocha per cercare, con la comunità della zona, di fermare l’ennesimo crimine contro la Natura.
Il baobab del campo di calcio di Kwachocha ha già superato i mille anni, le leggende degli anziani del luogo e la loro esperienza nel contarne le “rughe” raccontano che ne abbia seimila.
Quel che conta è che, speriamo non troppo tardi, il proprietario del terreno dove il baobab è sempre stato, sia stato fermato.
"La sopravvivenza di questo simbolo della nostra tradizione e della Natura deve diventare un esempio per tanti altri abusi di questo genere - spiega Katoi Wa Tabaka, musicista e operatore culturale - abbiamo bisogno dell'aiuto di tutta la comunità e delle associazioni ambientaliste, come delle istituzioni per trovare la maniera effettiva ed esecutiva per impedire l'abbattimento di piante secolari e sacre"
Oggi ci sarà una riunione e si dovrà stabilire se i permessi che dice di avere in mano sono validi. Non esiste una vera e propria legge che vieti l’abbattimento di piante secolari, ma è possibile invece dichiarare anche dei baobab, esattamente come fenomeni carsici, grotte o vecchie rovine, monumenti nazionali e proteggerli o quantomeno evitarne la distruzione.
A questo punto il baobab di Kwachoca potrebbe diventare un simbolo di questa battaglia.
Vi aggiorneremo presto sull’operazione.

FOTO GALLERY
TAGS: baobab kenyacrimine kenyanatura kenyakwachocha

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Che non ce l’avremmo fatta era quasi scritto.
Solo un miracolo avrebbe...

LEGGI ARTICOLO, GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualcosa di serio sembra muoversi nel lento ma speriamo inesorabile cammino verso il nuovo aeroporto internazionale di Malindi e l'allungamento della pista per ospitare voli provenienti dall'estero.
 

LEGGI TUTTO

E' previsto per oggi l'incontro tra le autorità aeroportuali del Kenya e i rappresentanti dei comitanti dei residenti nelle zone di Ganda e di Kwachocha, sobborghi di Malindi interessati dalla costruzione della nuova pista per l'aeroporto internazionale di Malindi.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Siamo certi che anche i baobab e i neem del Kenya hanno pianto la scomparsa di Maurice Méssegué, il “papà delle piante” come veniva universalmente appellato.
Il grande naturalista, scrittore e fitoterapista francese si è spento a 95 anni nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aeroporto Internazionale di Malindi, finalmente un accordo con le prime 120 famiglie che dovranno sgomberare per permettere l'allargamento della pista. Sul piatto ben 280 milioni di scellini kenioti.
Qualcosa si muove e nella direzione giusta.

LEGGI TUTTO

Aeroporto Internazionale di Malindi, finalmente un accordo con le prime 120 famiglie che dovranno sgomberare per permettere l'allargamento della pista. Sul piatto ben 280 milioni di scellini kenioti.
Qualcosa si muove e nella direzione giusta.

LEGGI TUTTO

I residenti di Ganda e di Kwachocha, i sobborghi interessati dallo sgombero degli abusivi per allargale e allungare la pista dell'aeroporto internazionale di Malindi, ne sono certi, tutto si sta preparando per iniziare a far piazza pulita di chi, anni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un sospiro di sollievo per i tanti malindini che credono ancora alle leggende e che non vogliono che i baobab, che rappresentano le anime dei cari defunti, vengano tagliati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Prefetto della Contea di Kwale (Ukunda, Diani), ha reso noto che in vista delle prossime festività, il Governo del Kenya ha deciso di vietare ai bambini, minori di 14 anni, di passeggiare sulla spiaggia dopo le sei di sera.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un apericena settimanale nel paradiso del benessere malindino.
Il Leopard Point Luxury Beach Resort apre le porte a turisti esterni e residenti ogni venerdì sera, a partire da questa settimana, per condividere insieme la bellezza del luogo, nella baia più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

 

LEGGI TUTTA LA POESIA

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nella ridda di decreti d’emergenza che affollano la Gazzetta Ufficiale del Kenya in questo periodo...

LEGGI L'ARTICOLO

L'autorità aeroportuale di Malindi ha organizzato un nuovo incontro ieri con i cittadini residenti del quartiere di Kisumundogo, lo slum interessato a parte dello sgombero per far spazio alla nuova pista dell'aeroporto internazionale, i cui lavori di allargamento dovrebbero essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Qualcuno temeva che la stagione delle piogge potesse già fermare un evento programmato per ogni secondo sabato del mese.
Non...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO