Ultime notizie

NEWS

Iniziata la demolizione nello slum di Kibera

Trentamila abusivi disperati rimangono senza un tetto

27-07-2018 di redazione

E' vero che i lavori erano stati annunciati mesi fa e che le ruspe da giorni si erano portate sul posto, è vero che chi non è proprietario non vanta alcun diritto di restare su quel suolo, ed è altrettanto vero che Kibera è uno degli slum in cui proliferano mafie di ogni genere ed interessi di chi specula sulla miseria, sulla microcriminalità e sulla droga.
Ma decidere di demolire una "striscia" di una delle baraccopoli più povere dell'Africa e di lasciare senza un tetto trentamila persone nel periodo più freddo dell'anno, dove a Nairobi la temperatura scende sotto i dieci gradi, appare un po' eccessivo.
Da qui le proteste delle associazioni internazionali che operano nello slum della capitale, abitato da circa 400 mila persone.
La demolizione iniziata ieri si rende necessaria nell'ottica dello smaltimento del traffico cittadino, arrivato a livelli insostenibili. Da Kibera, secondo il progetto viabilistico della famosa "Vision 2030" passerà una strada a 4 corsie che collegherà il centro commerciale a una delle tangenziali della metropoli.
Gli sfollati ora sono alla ricerca di una sistemazione, anche se alcuni di loro avevano già da giorni trovato ospitalità in altre baracche, dove il disagio è di casa e da anni si porta con sé situazioni di vita al limite. Uhuru Kenyatta ha più volte assicurato che nel suo progetto di Governo sono previste anche costruzioni di edifici popolari per togliere la gente dagli slum, ma a giudicare da quelli già predisposti due anni fa vicino a Mathare, non molti abitanti delle baraccopoli accettano di andarci. La vita di slum, per quanto terribile, sembra per tanti l'unica condizione di vita possibile, dove regna l'anarchia totale ed ogni cosa è permessa. Un inferno dove non esiste il confine tra il bene ed il male e dove in troppi approfittano delle condizioni di chi è innocente, donne e bambini soprattutto. 
 

TAGS: slum demolitonairobi stradebaraccopoli nairobistrada kibera

I media nazionali del Kenya riferiscono di una domenica tranquilla in tutto il Paese, dopo le proteste di ieri nelle baraccopoli di Nairobi e nelle periferie di Kisumu, che hanno portato a scontri tra facinorosi (e malviventi) e forze dell'ordine.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due sceneggiatori e un disegnatore raccontano la vita estrema in uno slum di Nairobi.
Esce in ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le elezioni in Kenya si stanno svolgendo in modo più tranquillo di quanto in molti si aspettassero.
Alla fine in quasi tutto il Paese è stata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

 Lo storico "Westlands Triangle Curio Market" di Nairobi è stato demolito ieri mattina dal Governo della Contea di Nairobi su mandato della Kenya Urban Rural Authority. 
Il mercatino folkloristico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Festeggia dieci anni di vita l’ospedale simbolo dell’assistenza agli ultimi degli slum di Nairobi.
Fondato dal medico chirurgo piemontese Gianfranco Morino con la ONG World Friends e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sono mai stati in Africa, ma l'hanno sognata per tutta la vita.
Così come hanno sempre sognato la libertà, l'avventura, la sfida ad un'esistenza non facile e ad un destino che ha messo il suo carico pesante quando erano ancora...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Kenya: le zone frequentate dai turisti rimangono più che tranquille.
Le manifestazioni violente nelle roccaforti dell’opposizione sul Lago Vittoria, a Kisumu, Homa Bay e Kisii, hanno causato un morto e qualche contuso, con alcuni pneumatici bruciati.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto di Padre Renato "Kizito" Sesana, che da trent'anni si occupa di bambini di strada degli slum di Nairobi, ora è anche un film-documento, che il missionario lecchese sta portando in giro per l'Italia insieme con la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ inutile cercare scuse, gli italiani sono un popolo di provinciali.
Credono che tutto il mondo ruoti attorno alle poche...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Kenya è una Nazione grande tre volte l'Italia e molto più difficile da percorrere di qualsiasi Paese europeo per intero.
Nel quadro delle proteste post-elettorali di oggi, seguenti alla nomina di Uhuru Kenyatta quale Presidente del Kenya per il prossimo quinquennio,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le elezioni nelle roccaforti dell'Opposizione (la regione di Nyanza, ovvero Kisumu, Homa Bay, Migori, Syaya ed altri distretti minori) sono state rimandate a data da destinarsi.
Vista...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per molti di noi è impensabile intraprendere un'esperienza di volontariato in uno dei bassifondi del mondo, nello slum di Nairobi che rivaleggia con le favelas brasiliane per conquistare la triste maglia nera dell'agglomerato suburbano più povero e derelitto del pianeta.

LEGGI TUTTA LA STORIA

Nonostante la crisi politica e l'attesa delle elezioni.bis, il Governo non si ferma e prosegue i suoi progetti di riqualificazione delle strade della costa.
Il Viceministro dei Trasporti e delle Infrastrutture John Mosonik ha presenziato lunedì scorso ai

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un passerotto che vola dalla Germania al Kenya si appresta a diventare l’idolo dei bambini per la prossima estate.
Uscirà domani anche nei cinema italiani il nuovo cartoon “Richard – Missione Africa”, che parla di migrazioni, unendo l’Europa al Kenya...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Safari to Malindi”. Da quando sono arrivato  in Kenya 63 anni fa, ho seguito una tradizione dei residenti locali  “upcountry” di prendere le ferie a dicembre, e passare alcune settimane alla costa, al mare, una specie di ferragosto alla kenyana....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO