Ultime notizie

NEWS

Keniano crea le più potenti candele anti-zanzare

L'invenzione è allo studio del Kenya Medical Research Institute

15-07-2019 di redazione

Il metodo è quello artigianale per produrre delle normalissime candele: un fornello a gas, classiche provette a tubo, bicchieri, pestello e mortaio e corda per lo stoppino. Ma il giovane Vitalis Kiplagat, nella periferia di Nairobi mescolando alla cera un mix di erbe particolari, sembra aver creato la più potente candela antizanzare in circolazione. 
Come avviene per le invenzioni che possono segnare un'epoca o almeno alzare l'asticella di un certo ambito, la "ricetta" è segreta, ma si sa che una di queste erbe sapientemente dosate da Vitalis è la Lantana Camara, pianta già conosciuta da aziende internazionali che ne vendono i semi per piantarle nei giardini e negli spazi verdi di zone particolarmente frequentate dalle zanzare, anche in Italia per tenere lontane le temibili "tigre". L'altro ingrediente principale sono le foglie di un particolare tipo di eucalipto, quello conosciuto come "Tasmanian Bluegum Tree".
Vitalis ha raccontato ai media keniani che alla base della sua scoperta c'è una constatazione: frequentando la scuola superiore, mentre il giardiniere dava fuoco alle sterpaglie, aveva notato che zanzare ed altri insetti si disperdevano velocemente solo quando venivano bruciate determinate piante.
Da lì sono partiti gli esperimenti che hanno portato alla creazione delle candele verdi che potenzialmente tengono lontana la malaria, che ancora uccide ogni anno in Kenya migliaia di persone. Candele biologiche che hanno superato il test e che ora Kiplagat produce e vende a 50 scellini l'una, riuscendo a produrne da solo almeno cento al giorno.
La preparazione non è difficile: una volta provveduto alla macinazione delle erbe, aggiunge un solvente nella polvere macinata ricavando una soluzione verde, quindi immerge la corda in una soluzione verde, con lo stoppino che viene quindi messo nella soluzione di cera bollente per indurirlo.
La soluzione a base di erbe sapientemente dosate, viene quindi aggiunta alla cera bollente ed il tutto viene versato nelle provette, per essere raffredato e solidificarsi.
Infine, le stesse provette vengono riscaldate a fuoco lento e costante per far fuoruscire le candele grazie all'accumulo di pressione durante il riscaldamento.
Un'invenzione talmente riuscita, pare, che il Kenya Medical Research Institute (KEMRI) si è interessato alla cosa e sta analizzando la composizione per poter trasformare l'intuizione del ragazzo keniano in un brevetto da commercializzare in grande stile.

TAGS: malaria kenyacandele kenyamosquito kenyazanzare kenyainvenzioni kenya

Una nuova rivoluzionaria scoperta nel campo delle cure contro la malaria è stata sviluppata dei ricercatori del Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health's Malaria Research Institute di Baltimora, negli Stati Uniti.
Si tratta di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quattro giovani moschettieri universitari europei, tra cui un’italiana, per combattere la malaria in Kenya e...

LEGGI L'ARTICOLO

La sperimentazione in Kenya di una delle più famose medicine contro la scabbia e i vermi, a base di Ivermectina, ha dato un sorprendente risultato: oltre a batteri e parassiti per cui il principio attivo era già conosciuto, l'Ivermectina uccide le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che...

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

Per molti di coloro che si apprestano a leggere, le informazioni che daremo sulla malaria saranno cose risapute, ma sono tanti i lettori che si approcciano al nostro portale senza una conoscenza approfondita di uno dei problemi del Kenya che...

LEGGI TUTTO

Una ricerca dell'Università di Zurigo e i successivi esperimenti sul campo in Kenya, hanno rivelato una nuova procedura per riconoscere i sintomi della malaria: attraverso l'odore della pelle e del cuoio capelluto.
Gli studiosi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I dati del Governo parlano di un calo del 42%, ma sulla costa del Kenya si arriva anche al 60%.
La malaria sta scomparendo velocemente dal Paese e i numeri, mese per mese, lo confermano.
La notizia è di quelle...

LEGGI TUTTO

Emergenza Dengue Fever nella Contea di Mombasa, giò 159 i casi segnalati tra Likoni e Bombolulu.
La perdurante siccità e le improvvise dilaganti piogge hanno costituito l'allevamento del virus trasmesso dalle zanzare, che in altre zone del mondo è già...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

La Food & Drug Administration del Governo degli Stati Uniti ha approvato l'utilizzo del Tafenoquine, quella che considerano la più efficace e stroncante medicina contro la malaria. Il ritrovato, che era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è pronto ad essere il Paese guida in Africa per la sperimentazione del vaccino per la...

LEGGI L'ARTICOLO

Saranno almeno 120 mila i bambini kenioti che, a partire dal prossimo ottobre, verranno vaccinati contro la malaria. 
Lo ha annunciato il Ministero della Salute keniano, nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il vaccino per la malaria è pronto, testato e dal 2018 sarà immesso sul mercato in Kenya, Ghana e Malawi.
L'accordo è stato raggiunto dalla Glaxo, multinazionale farmaceutica che ha acquistato il vaccino, e gli stati africani che, dopo aver...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

DAL NOSTRO INVIATO A NAIROBI - «Profilassi farmacologica contro la malaria? No grazie.
Oggi la malaria si cura ai primi sintomi. I farmaci che si usano per la prevenzione costano cari e hanno effetti collaterali. Meglio l' artemisimina, un principio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Va in scena questa sera la quarta puntata di "Good Night Malindi" al Baby Marrow di Vasco Da Gama Road.
Nell'Art&Food Restaurant la radio dal vivo di Freddie terrà compagnia ai commensali raccontando storie di esilio dall'Italia in Kenya e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mesi contati per la profilassi antimalarica. 
Se la svolta storica già annunciata del vaccino contro la parassitosi trasmessa dalla zanzara anofele vedrà la luce tra un anno, c'è un'altra buona notizia per gli africani e chi frequenta il Continente Nero: 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO