Ultime notizie

NEWS

Kenya, proposta tassa per amministrare pagine FB e Whatsapp

Discutibile disegno di legge presentato in Parlamento

24-09-2019 di redazione

Tra i tanti disegni di legge che vengono presentati dai Parlamentari keniani ad ogni tornata elettorale, ce ne sono stati di arguti, visionari, preveggenti ma anche tanti discutibili, se non assurdi. Per questo la maggior parte (come avviene d'altronde anche in Italia ed in quasi tutte le democrazie del Pianeta) sono cestinati.
Speriamo sia il caso anche della proposta arrivata all'Assemblea Nazionale di Nairobi da parte del Deputato Moses Injendi, eletto nella circoscrizione di Malava. 
La proposta chiede difatto la modifica di una sezione della legge keniota sull'informazione e le comunicazioni del 2019.
"La Commissione potrà, su richiesta e dietro pagamento di una tassa prescritta, concedere una licenza che autorizza qualsiasi persona a creare una piattaforma di social media per scopi di comunicazione", si legge nella proposta.
Nell'intendimento di Injendi, che verrà discusso prossimamente dal Parlamento, l'amministratore di un gruppo in Facebook o WhatsApp dovrà inoltre conservare tutti i dati degli utenti della piattaforma e sottoporli alle autorità quando richiesto. Dovrà anche assicurarsi e prendersi la responsabilità del fatto che i membri dei gruppi siano maggiorenni.
"Chiunque contravvenga alle disposizioni della presente sezione è punibile con la condanna a una multa non superiore a Ksh. 200.000 o con la reclusione non superiore ad un anno", recita il disegno di legge.
Nella stessa proposta, si chiedono anche multe fino a KEs. 500 mila e pene fino a due anni di carcere per chi pubblica contenuti degradanti o intimidatori online, compresi contenuti pregiudizievoli per razza, sesso, etnia, nazionalità, religione, appartenenza politica, lingua, abilità o aspetto.
Inoltre, la pubblicazione di informazioni sui social media che sono ritenute ingiuste, imprecise e parziali ai sensi di un tribunale comporterà anche il rischio di pene detentive o multe. Se il disegno di legge viene approvato, i kenioti sulle piattaforme di social media come Facebook dovranno notificare all'Autorità della Comunicazione prima di creare gruppi e dovranno segnalare quelli già esistenti, qualora risiedano in Kenya.
Gli amministratori di tali gruppi dovranno inoltre approvare i membri e i contenuti in base alla legge.
 

TAGS: gruppi kenyasocial kenyafacebook kenyalegge kenya

La sezione keniana del Comitato degli Italiani all'Estero (Co.Mi.Tes Kenya) si apre ancor più ai connazionali e per...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Presidente keniano Uhuru Kenyatta ha approvato una nuova legge che punirà con multe fino a 50 mila dollari (circa 5 milioni di scellini) o due anni di reclusione, chiunque divulghi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due o tre giorni senza Facebook, Twitter e gli altri social media in Kenya.
Questa la soluzione che il Governo, attraverso l'Authority delle Comunicazioni, potrebbe prendere dall'otto di agosto fino al giorno dei risultati, presumibilmente il 10, per prevenire disinformazione, bufale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

Un sopralluogo della Società dei Trasporti del Kenya ha stabilito che il ponte di Mbogolo, sulla strada Mombasa-Malindi poco lontano da Kilifi, sarà di nuovo transitabile, dopo che il livello delle acque sarà sceso.
Nessun crollo strutturale, come in un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pubblicizzare il Kenya online sta iniziando a dare i risultati sperati, se ne accorgono anche gli ...

LEGGI L'ARTICOLO

La generosità di certe persone di cuore è come l'appetito che viene mangiando, anzi nella fattispecie si potrebbe dire che viene "facile come bere un bicchier d'acqua". Chi non l'ha mai provato dovrebbe cimentarsi, almeno una volta nella vita.
Così...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra mezza delusione per chi si attendeva, in periodo di alta stagione, una buona partecipazione di italiani ed altri europei, alla giornata di pulizia della spiaggia di Silversand, indetta dal Kenya Wildlife Service.
L'invito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal prossimo 27 maggio chi possiede in Kenya un boiler da più di 100 litri, quindi specialmente hotel, condomini e aziende, sarà considerato fuorilegge se il suo impianto per l'acqua calda non sarà ad energia solare.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Our Town, our responsibility", la nostra cittadina è responsabilità nostra.
L'iniziativa...

LEGGI L'ARTICOLO

L'occasione è propizia, ora più che mai prima che come successe nel 2005, tutti salgano sul carro del vincitore e i prezzi tornino a lievitare.
L'occasione del mese su Malindikenya.net è un miniresort da prendere in gestione a Malindi, zona...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

E' successo più volte in passato: quando a Malindi o Watamu arriva una troupe televisiva italiana, il rischio dello "sgub", della ricerca dello scandalo o del luogo comune per acchiappare share televisivo è sempre in agguato, così come i pregiudizi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I giovedì del Baby Marrow di Malindi si tingono sempre di buona musica, nell'elegante e vivida atmosfera del locale contornato dalle magiche opere dell'artista concettuale Gian Paolo Tomasi.
Nel ristorante che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Kit Dignità" ed è un'iniziativa di Watoto Kenya Onlus per le ragazze delle scuole dell'entroterra malindino.
Si tratta di assorbenti lavabili che permetteranno alle studentesse di non restare a casa da scuola nel periodo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La Commissione Elettorale del Kenya chiede tempo per produrre i risultati ufficiali delle elezioni nazionali del 2017.
Il presidente della IEBC, Wafula Chebukati, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale davanti alla stampa nazionale ed internazionale.
"Vi chiedo di attendere i risultati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO