Ultime notizie

TURISMO

La proposta: Kenya VISA valido 1 mese, gratis per turisti

"Il confronto con Sudafrica o Marocco è sbagliato, puntiamo sulla qualità"

03-07-2017 di Mohammed Hersi

Il confronto continuo degli arrivi turistici del Kenya con Paesi come Sudafrica o Marocco è fondamentalmente sbagliato.
Negli ultimi due anni non abbiamo fatto altro che confrontare i nostri numeri dei turisti in arrivo con quelli del Sud Africa.
Bene, concentriamoci sui due Paesi: nell’ambito turistico ogni viaggio superiore alle cinque ore è classificato come “a lungo raggio”, mentre qualunque Paese meno distante viene qualificato come una meta a breve distanza.
Partiamo dal Marocco, pensate che il punto più prossimo all'Europa è appena a 14 miglia mentre la maggior parte dei Paesi che generano turismo possono accedere ai principali aeroporti marocchini in meno di tre ore.  
Dall'altra parte c’è bisogno di otto o nove ore per arrivare in Kenya e non è così economico. 
Il Sudafrica è altrettanto lungo da raggiungere (11 ore minimo), e infatti più avanti vedremo quanto i loro arrivi europei siano molto simili a quelli del Kenya, nonostante i numeri dicano il contrario.
Il Marocco attira quasi 11 milioni di turisti mentre il Sudafrica ne ha ricevuti 10 milioni nel 2016, mentre il Kenya a fatica è arrivato a sfiorare quota 1,2 milioni. Questi sono i numeri che, dati in pasto all’opinione pubblica, ci fanno sembrare davvero indietro, quando si parla di turismo.
Il Marocco, grazie alla vicinanza all'Europa, è stato in grado di aumentare i suoi numeri dieci volte in dieci anni. Per quanto sia una destinazione a breve raggio, il governo del Marocco non si è accontentato e ha offerto un aiuto supplementare al settore per ottenere quei numeri. 
Le infrastrutture in Marocco sono in ottimo stato. 
Ad esempio, cinque anni fa siamo stati invitati in Marocco per un “educational”, abbiamo viaggiato sulle strade del Paese in per circa 1200 km e non abbiamo mai visto una singola buca.
In più i cittadini britannici, europei e statunitensi non hanno bisogno di un visto per entrare in Marocco per turismo, e starci fino a 3 mesi. Dall’altra parte il Kenya non scende dai 50 dollari, senza pensare che un potenziale visitatore da noi ne spende di media 5000 durante una vacanza. 
Qualsiasi nazione che considera il visto una fonte di reddito non avrà mai veri frutti dal turismo. 
Molti visitatori potenziali non si schermiranno a causa dei 50 dollari ma il pensiero di richiedere un visto semplicemente li infastidisce. 
Altre destinazioni come Sri Lanka, Thailandia hanno una registrazione per i turisti che non prevede alcun visto. Il VISA è considerato un aspetto negativo nel mondo dei viaggi.
Noi abbiamo già altri problemi: oltre al visto, un potenziale turista per il Kenya è portato a intraprendere la profilassi antimalarica prima e dopo la vacanza. Il costo può variare tra i 50 e i 100 dollari, quindi una famiglia di quattro avrà bisogno come minimo di 200 dollari. 
Viaggiare in Marocco non ha costi aggiuntivi per le malattie.
Esaminiamo ora il caso del Sudafrica: è utile sapere che dei ventilati 10 milioni di turisti, ben sette milioni arrivano dai Paesi confinanti e viaggiano via terra!
Due milioni e trecento visitatori nel 2016 sono arrivati oltreconfine dallo Zimbabwe, 2 milioni e cento dal Lesotho e 1,7 milioni dal Mozambico. Il Lesotho è un Paese completamente circondato dal Sudafrica, per la sua popolazione anche solo andare a fare shopping in Sudafrica è normale.  
Per il Sudafrica i veri visitatori internazionali provenienti da ovest sono appena 1,2 milioni, proprio come il Kenya. Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania sono i mercati chiave.
Cosa può imparare il Kenya da Marocco, Sudafrica ed altre Nazioni più evolute turisticamente
1. Eliminare il Visa per chiunque si qualifichi come “turista”. Non per forza cancellare il pagamento dei tre mesi di soggiorno come il Marocco, basta dare gratis il soggiorno di un mese e si vedrà il cambiamento rapido. Solo la richiesta di pagare un visto può eliminare un potenziale visitatore. Abbiamo sotto mano i vantaggi del visto gratuito ai bambini, molte più famiglie sono arrivate nel Paese.
2. Dobbiamo incoraggiare i nostri vicini e gli africani a visitare Kenya con facilità. Se Dubai può permettere ai milioni di “West African” di attraversare l’emirato per 24 ore, perché non possiamo fare altrettanto, invece di lasciarli dormire sul pavimento al Jomo Kenyatta International Airport? 
Quale minaccia questi altri africani possono rappresentare per il Kenya? Quasi nessuna e chi transita in aereo non intende certo rimanere qui come rifugiato o chiedere asilo politico o benefici come avviene in Occidente.
3. Il KWS deve trattare i cittadini africani come se l’Africa fosse una sola nazione, e non come se arrivassero dall'Europa quando si tratta di tasse di parchi e tasse di ingresso nei parchi marini. 
Perché le nostre tariffe dei parchi arrivano fino a 90 dollari quando il Sudafrica ne prende appena  40? 
4. La politica di “open sky” non dovrebbe essere limitata a Nairobi. Mombasa ha bisogno di aprire gli spazi aerei e come paese dobbiamo ora uscire dalle nostre vecchie modalità, per attirare le compagnie aeree a venire in Kenya.  Abbiamo perso troppo tempo ad aspettare che le compagnie aeree arrivassero da sole, da dieci anni non funziona più. È ora di inseguirle e convincerle.
5. Dobbiamo dare un deciso freno alle molestie nei confronti dei visitatori, da parte di Immigrazione, dogane e polizie aeroportuali. 
Mentre al livello dell'immigrazione è cambiato per il meglio, le abitudini dei rappresentanti delle istituzioni e forze dell’ordine rappresentano ancora l’anello debole. 
Perché insistere a frugare e chiedere tasse sugli effetti personali? 
Succede solo in Kenya ed è un benvenuto spiacevole e dannoso.
Infine, il Sudafrica ha guadagnato 6 miliardi di dollari da 10 milioni di visitatori con una spesa media di 600 dollari a turista, mentre in Kenya abbiamo guadagnato 1.2 miliardi da 1 milione di visitatori che significa 1200 dollari a persona, il che significa che a volte la quantità non è necessariamente una buona cosa.
Credo quindi che confrontare gli arrivi del Kenya con Paesi come Marocco e Sudafrica non sia utile, chiediamoci piuttosto se abbiamo il potenziale per accrescere i nostri numeri. 
Pensiamo a come fare, ma concentriamo sulla qualità piuttosto che sulla quantità.
Come sempre, scelgo di rimanere un ottimista

Mohammed Hersi, CEO Heritage Hotels

TAGS: VISA KenyaKenya turismo

Falso allarme per l'obbligatorietà del visto online per entrare in Kenya. 
Per questa estate, e forse anche oltre, nessun problema all'aeroporto di Mombasa per chi si presenterà senza il visto online "E-visa". 
Sul sito dell'Ufficio Immigrazione del Kenya era apparsa...

LEGGI TUTTO

Malindi quinta meta del mondo da scoprire nel 2017, secondo il sito americano di informazioni burocratiche (visti e permessi) ivisa.com, frequentato da lettori di tutto il mondo. (vedi qui il link originale https://www.ivisa.com/visa-blog/top-11-undiscovered-destinations-for-2017)
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Un volo Kenya Airways da Milano a Mombasa, ci stiamo lavorando".
Parole (che speriamo siano seguite dai fatti) del Ministro del Turismo del Kenya Phyllis Kandie, che ieri ha presenziato nella Kenya House di Via san Gregorio a Milano alla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia era nell'aria da giorni, ma da lunedì scorso è ufficialmente possibile ottenere il visto d'ingresso per entrare in Kenya tramite internet. La decisione del Dipartimento dell'Immigrazione di Nairobi rientra nell'ambito della tecnicizzazione di molti altri servizi governativi che...

LEGGI TUTTO

Il Kenya si posiziona tra i Paesi africani al top per il "Wedding Tourism", ovvero il turismo delle nozze e delle lune di miele.
La direttrice del Kenya Tourist Board Betty Radier ha confermato che l'organo di marketing del Ministero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Jambojet, la compagnia low cost di Kenya Airways, ha preso in leasing un nuovo velivolo, un Bombardier da 78 posti, per poter servire all'occorrenza da Nairobi gli aeroporti di Malindi e Ukunda (Diani) senza creare disservizi come avvenuto durante le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Flavio Briatore ha deciso di vendere il suo prestigioso resort-Spa Lion In The Sun a Malindi.
L'annuncio è arrivato durante una conferenza stampa del suo manager Philip Chai, che è anche il direttore dell'associazione degli hotelier della costa nord keniana. Dichiarazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Stiamo lavorando al collegamento diretto tra l'aeroporto di Malpensa e quello di Malindi". 
Una dichiarazione forte, importante, perché arriva direttamente da Phyllis Kandie, Ministro del Turismo del Kenya. 

LEGGI TUTTO

Novità per i permessi di lavoro nel settore del Turismo in Kenya.
Il Governo keniano ha approvato una regolamentazione secondo la quale viene istituito un "comitato di garanzia" per verificare e dare la propria approvazione alle richieste di permessi di...

LEGGI TUTTO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala ieri a Milano ha incontrato prima i Tour Operator, poi rappresentanze di imprenditori e di associazioni e infine i giornalisti, in una mattinata che lo ha visto dispensare ottimismo e "fare squadra"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è diventato uno dei primi Paesi africani per il turismo del benessere.
Le strutture sanitarie e SPA private hanno portato il Kenya sul podio tra le destinazioni di "turismo medico" nel Continente Nero, come riportato dal rapporto redatto dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

Chi viene la prima volta sulla costa keniota ci torna spesso e volentieri. 
Magari può saltare un anno per ristrettezze economiche o per lo stato di salute di un parente, magari può scegliere provvisoriamente un'altra meta da visitare o provare...

LEGGI TUTTO

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra i progetti che il Ministero del Turismo intende lanciare per migliorare l'appeal e i servizi della costa nord del Kenya, c'è anche la strada asfaltata che unirebbe Malindi a Watamu, via Parco Marino e Mayungu. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prima dell'inizio dell'alta stagione verranno scandagliati e controllati tutti gli alloggi, le camere e le piccole strutture vendute su Air BnB, su Booking.com e su altre piattaforme online, per verificarne l'idoneità con le leggi nazionali sull'hotelkeeping, le licenze ed altro. 

LEGGI TUTTO