Ultime notizie

NEWS

Nairobi, tra le 4000 proprietà in demolizione anche palazzi e centri commerciali

Strutture abusive o costruite su falde acquifere e terreni demaniali: polemiche

14-08-2018 di redazione

"Questa settimana ho perso parecchi amici, ma il Kenya deve andare avanti nella sua opera di ripristino della legalità, in ogni settore".
Chi ha parlato così è il Presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta, all'indomani delle prime grandi demolizioni di palazzi e centri commerciali nella Capitale Nairobi. 
Già due importanti centri commerciali sono "saltati": il South-End Mall e cui l'Ukay Centre di Westgate che per anni ha ospitato uno dei più importanti supermercati della defunta catena Nakumatt. Anche un Java Café nel popolare quartiere di Kileleshwa è stato abbattuto, insieme a molte proprietà private di quella zona che sorgono a ridosso dei canali che si collegano al Nairobi River.
"Zona delle acque fredde", così i maasai chiamavano Nairobi prima dell'arrivo dei britannici, che la bonificarono e iniziarono a costruire.
Con la sua espansione, nel corso degli anni, il costruttori non si sono preoccupati di occupare terreni demaniali, o costruire a ridosso delle falde acquifere, sbordando senza rispettare le leggi. 
In Kenya le cose più o meno hanno sempre funzionato in questo modo, e ormai chi ha occupato questi terreni per "usucapione" è sconcertato di vederseli togliere su due piedi, ancorché per una giusta battaglia di moralizzazione del Paese. Ma c'è anche un altro motivo, durante le ultime piogge la città ha subito gravi danni e perdite a causa dell'impossibilità di canalizzare l'acqua piovana e per l'esondazione del Nairobi River e di altri corsi d'acqua minori. Per non parlare di dighe e laghi artificiali più o meno regolari. In un caso, quello della Patel Dam in periferia, il suo trabocco ha causato 80 morti.
Il Governo vuole evitare nuove emergenze e tragedie annunciate.
Dall'altra parte ci sono le ragioni di chi ha acquistato proprietà regolarmente e vi opera business, che di colpo si trova senza nulla e non sembra possa essere nemmeno risarcito. Nei casi di scuole, ospedali e chiese si dice che verranno concessi terreni altrove, ma tempistiche e modalità sono ancora tutte da verificare.
Argomento davvero difficile su cui prendere posizione, certo è che il Governatore di Nairobi Mike Sonko non guarda in faccia a nessuno e ha dichiarato: "Anche una mia importante proprietà sorge in un terreno dove non si sarebbe potuto costruire, e non mi opporrò al suo abbattimento".
Sono oltre 4000 gli edifici già marchiati per la demolizione dalla National Environmental Management Authority insieme con l'azienda dell'acqua della Contea di Nairobi.

TAGS: demolizioni nairobinairobi abusivicorruzione kenyaillegali kenya

In Kenya le demolizioni arrivano improvvisamente, ma c'è quasi sempre un perché, ovvero un "via libera" della Corte o degli Enti preposti.
Così sembrerebbe essere stato per lo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha scelto la priorità per diventare una Nazione modello, o almeno cercare di imboccare la strada giusta.
Bisogna combattere e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A soli pochi giorni dal comunicato ufficiale della Banca Centrale del ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In barba ai problemi di corruzione e processi agli alti vertici dell'azienda a Nairobi, sono iniziati ieri in pompa magna nel centro di Malindi i lavori di sostituzione dei trasformatori elettrici e dei vecchi pali di legno della Old Town.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come abbiamo già annunciato, i 34 mila lavoratori stranieri in regola in Kenya hanno tempo fino al 21 luglio per presentarsi negli uffici dell'Immigration di Nairobi per il processo di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ stato arrestato questa mattina, poche ore dopo che il Procuratore Generale Noordin Haji aveva...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due anni fa, dopo l'Expo di Milano a cui il Presidente Uhuru Kenyatta partecipò insieme a varie delegazioni di ministri e sottosegretari, sembrava cosa fatta. L'accordo per rimuovere la doppia imposizione fiscale tra i due Paesi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato inaugurato a Malindi l'ufficio della Commissione Etica e Anticorruzione (EACC) per la Costa Nord del Kenya. 
E' stato il Vice Direttore Generale della Commissione, Michael Mubea, ad aprire formalmente la sede, dopo una settimana di sensibilizzazione a Kilifi,...

LEGGI TUTTO

E' previsto per oggi l'incontro tra le autorità aeroportuali del Kenya e i rappresentanti dei comitanti dei residenti nelle zone di Ganda e di Kwachocha, sobborghi di Malindi interessati dalla costruzione della nuova pista per l'aeroporto internazionale di Malindi.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindikenya.net informa tutti i connazionali in villeggiatura a Malindi e nelle cittadine della Contea di Kilifi che il Consolato Onorario di Malindi sarà chiuso fino al 2 gennaio prossimo.
Per...

LEGGI TUTTA L'INFORMAZIONE

Un chiarimento del Consolato Onorario d'Italia a Malindi riguardo alla verifica dei permessi di lavoro degli stranieri in Kenya.
La linea politica è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una decisione dell'Alta Corte di Nairobi potrebbe costituire l'importante precedente per cambiare il sistema delle contravvenzioni del traffico.
Gli automobilisti prossimamente potranno richiedere di pagare la multa sanzionata all'istante all'ufficiale del traffico, anziché doversi presentare in Corte come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lavori in corso a Malindi.
Sono quelli già annunciati nei giorni scorsi sul nostro portale, e...

GUARDA LA FOTO GALLERY

Crolla improvvisamente un edificio di sette piani in un sobborgo periferico di Nairobi.
Ad Embakasi, un palazzo intero è collassato in poche decine di minuti durante la notte, seppellendo almeno quindici persone che risultano disperse, ma il triste conto umano potrebbe aumentare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di sospendere da subito le applicazioni per permessi di lavoro da dipendenti a cittadini stranieri.
La dichiarazione del Ministro degli Interni Fred Matiang'i a Citizen TV non lascerebbe dubbi: ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO