Ultime notizie

NEWS

Niente riconoscimento per i gay in Kenya

L'Alta Corte non cancella l'articolo omofobo della Costituzione

24-05-2019 di redazione

Il Kenya ha perso un'occasione per una svolta moderna, civile e sensata nelle sue leggi della Giustizia.
Dopo aver espresso un parere possibilista nei mesi scorsi e aver legittimato le associazioni spontanee delle comunità LGBT in Kenya, l'Alta Corte di Nairobi ha la espresso parere negativo nella sentenza per abrogare un articolo ed un comma che avrebbero di fatto depenalizzato quello che nel Paese africano è un crimine, ovvero l'essere omosessuale e mostrare la propria tendenza sessuale in pubblico.
I giudici dell'Alta Corte di Nairobi Roselyn Aburili, Chacha Mwita e John Mativo hanno respinto la causa presentata da Eric Gitari e da una serie di gruppi LGBT, che avevano chiesto la depenalizzazione degli articoli 162 e 165 del Codice Penale.
I giudici hanno dichiarato che definire illegittimi tali articoli dare di fatto la possibilità ai sindacati che promuovono la libertà persone di sesso, avrebbe creato un conflitto con l'articolo 45, paragrafo 2 della Costituzione.
L'articolo in realtà afferma che il matrimonio può avvenire solamente tra un uomo e una donna.
I giudici hanno inoltre affermato che i kenioti hanno espresso le loro opinioni quando hanno promulgato la Costituzione nel 2010 e che tali opinioni sono state chiaramente espresse nell'articolo 45, paragrafo 2.
"Non siamo in grado di concordare con i firmatari della petizione che le opinioni dei kenioti dovrebbero essere ignorate laddove la volontà popolare è espressa nella Costituzione", hanno detto i giudici.
Per quanto riguarda le presunte violazioni del diritto alla privacy e alla dignità, nonché alla libertà di espressione, l'Alta Corte ha affermato che i firmatari dovranno dimostrare chiare trasgressioni nei loro confronti, per avere regolare giustizia.
I giudici hanno affermato che le sezioni controverse della legge non discriminano alcun particolare gruppo di persone o persone di particolare orientamento sessuale. "È nostra constatazione che i firmatari non hanno dimostrato su quali basi sono stati discriminati. I casi sono determinati scaricando l'onere della prova e la persona che si lamenta deve soddisfare l'onere della prova presentando chiare violazioni", hanno detto i giudici.
L'articolo 162 recita: "Chiunque - (a) abbia conoscenza carnale di una persona contro l'ordine della natura; o (b) abbia conoscenza carnale di un animale; o (c) consenta a un uomo di avere conoscenza carnale di lui o di lei contro l'ordine della natura, è colpevole di un reato ed è punibile con la reclusione da cinque a quattordici anni.
L'articolo 165 stabilisce che qualsiasi uomo che, sia in pubblico che in privato, commette un atto di grossolana indecenza con un altro uomo, o procura ad un altro uomo di commettere un atto di grossolana indecenza con lui, o tenta di procurare la commissione di un tale atto da parte di qualsiasi uomo con se stesso o con un altro uomo, sia in pubblico che in privato, è colpevole di un reato ed è punibile con la reclusione di cinque anni.
I firmatari della petizione sostenevano che lo Stato non ha alcun diritto di regolare le questioni di intimità; hanno detto ai giudici che i sentimenti gay sono naturali e che lo Stato non dovrebbe interferire con le questioni private di due adulti consenzienti.
I giudici hanno sostenuto che le due sezioni sono discriminatorie e contravvengono a varie disposizioni della Costituzione, come il diritto all'uguaglianza, la libertà dalla discriminazione, la dignità umana, la libertà, la sicurezza e la privacy.
Insomma, ci sarà ancora molto da lottare e far valere le proprie ragioni in Kenya per la non discriminazione della comunità LGBT. 
I "consigli" di Barack Obama e di altri diplomatici internazionali al Presidente Kenyatta evidentemente non sono bastati.

TAGS: gay kenyagiustizia kenyaalta corte kenyasentenza kenya

Una storica decisione dell'Alta Corte apre le porte ai diritti di gay e lesbiche del Kenya e di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una decisione dell'Alta Corte di Nairobi potrebbe costituire l'importante precedente per cambiare il sistema delle contravvenzioni del traffico.
Gli automobilisti prossimamente potranno richiedere di pagare la multa sanzionata all'istante all'ufficiale del traffico, anziché doversi presentare in Corte come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dichiarazione sulla sentenza della Corte suprema riguardo alle elezioni presidenziali in Kenya
A seguito delle elezioni generali dello scorso otto agosto 2017 che hanno dichiarato vincitore il Presidente in carica, l'opposizione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Corte Suprema del Kenya ha accolto il ricorso dell'Opposizione rappresentata dall'Alleanza Nasa e dal suo candidato presidente Raila Odinga, annullando il risultato delle elezioni nazionali.
Ciò rappresenta un fatto senza precedenti in una Repubblica del Continente africano.
I giudici della Corte,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una sentenza definitiva che può creare uno storico precedente.
La Corte Africana dei Diritti dell'Uomo ha respinto il ricorso dello Stato keniano contro la sentenza in favore dell'etnia degli Ogiek, piccola tribù indigena della foresta di Mau a cui erano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Corte d’Appello del Kenya ha proposto una modifica alla legge attuale per abbassare l’età del consenso sessuale da ...

LEGGI L'ARTICOLO

La Corte d'Appello di Malindi è stata valutata come la migliore del Kenya dal report annuale della Giustizia, redatto e reso pubblico dal Justice Chief e Presidente della Corte Suprema keniana, David Maraga.
Con la valutazione "molto buono", Malindi si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Solo giornalisti senza etica professionale, senza passione per il loro mestiere e in completa malafede possono titolare, come ha fatto "Repubblica" ieri, "Kenya nel caos". In prima pagina, ovviamente, quando nell'articolo interno si parlava di una sentenza storica e di democrazia,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Seguendo le indicazioni di una sentenza dell'Alta Corte di Nairobi, del novembre del 2017, il Ministro degli Interni del Kenya Fred Matiang'i ha deciso di dichiarare la giornata del 10 ottobre "festa nazionale".
In realtà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Alta Corte del Kenya ha sospeso il divieto da parte della National Environment Management Authority (NEMA) per le...

LEGGI L'ARTICOLO

Le nuove elezioni del Kenya si svolgeranno martedì 17 ottobre.
Lo ha deciso la Commissione Elettorale IEBC, la stessa che è stata chiamata in causa dalla Corte Suprema del Kenya per non aver condotto le votazioni dello scorso otto agosto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi, a venti giorni esatti dal suo pronunciamento, la Corte Suprema del Kenya ha letto l'intera motivazione dell'annullamento delle elezioni dello scorso 8 agosto 2017.
Il 1 settembre, annunciando al Paese e al mondo intero che la vittoria di Uhuru...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo una settimana senza news e dirette, le televisioni del Kenya sono state riattivate dall'Autorità delle Comunicazioni, su mandato del Governo.
Il Ministro della Sicurezza interna...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi lunedì 6 ottobre a mezzanotte scadranno i termini per la presentazione di un eventuale ricorso alla rielezione di Uhuru Kenyatta quale Presidente della Repubblica del Kenya.
Lo stabilisce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha ancora molti contorni oscuri, la vicenda che vede protagonista il nostro connazionale Mario Mele, cinquantaseienne di Nuoro, residente a Malindi da ormai sei anni. Dopo il blitz nel suo locale, il Mario's (ex Pata Pata) all'interno del centro commerciale Oasis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una lezione di democrazia per tutta l'Africa e per il mondo intero.
Così è stata definita la decisione della Corte Suprema del Kenya dai membri dell'alleanza politica NASA, che si è vista accogliere poche ore fa il ricorso presentato contro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO