Ultime notizie

COMMERCIO

Pasta bloccata a Mombasa, querelle Italia-Kenya sulle importazioni

Caos sulle nuove regole per i prodotti alimentari e sulla loro applicazione

03-01-2019 di Freddie del Curatolo

Querelle Italia-Kenya sui prodotti alimentari d'importazione dal nostro Paese.
Le società di import-export si sono appellate al Ministro del Commercio del Kenya per risolvere la questione del sempre più complicato processo d'importazione del "made in Italy" dalla nostra Penisola al porto di Mombasa.
Una problematica resa effettiva dall’introduzione, lo scorso ottobre, di una nuova regolamentazione sull’importazione di “prodotti di qualità” che introduce diversi parametri per ogni singolo prodotto (e relative analisi) per essere accettato nel mercato keniano e inasprita dalla rigidità applicata specialmente nei confronti della pasta, uno dei capisaldi del nostro export.
In base a questa legge per ogni diversa marca o tipologia di prodotto, viene svolta una differente analisi con relativi costi e perdite di tempo, rischi di deperibilità di alcuni cibi e addirittura, come nel caso della pasta italiana, di rifiuto ad immettere sul mercato certi prodotti.
“A causa di una battaglia anche legittima del Kenya per eliminare certi prodotti contraffatti o di “serie B” che arrivano prevalentemente dall’Asia, la situazione sta diventando insostenibile anche per noi che facciamo da anni questo lavoro puntando sulla qualità dell’export italiano – spiega Roberto Miano, decano degli importatori italiani di Mombasa con la sua Tropic Trade – oltre ad abolire la verifica dei prodotti sul posto e inviare ogni prodotto per analisi, il Kenya Bureau of Standards utilizza parametri diversi da quelli dell’Unione Europea e questo crea ulteriori problemi”.
Eppure i nostri prodotti sono certificati dalle norme europee ISO che ne garantiscono la qualità, permettendone l’esportazione in gran parte dei Paesi del mondo.
“Non solo – aggiunge Miano – quasi tutte le aziende italiane che sono sul mercato keniano, hanno decenni di vita commerciale alle spalle in questo Paese in cui la presenza di prodotti alimentari italiani è sempre stata vista come una garanzia di qualità”.
Grazie anche all’intervento dell’Ambasciata d’Italia a Nairobi e ad un’opera di mediazione durata due mesi, il problema sembrava essere stato risolto alle porte delle feste natalizie, grazie ad un incontro tra le nostre istituzioni e il Viceministro del Commercio, Betty Maina.
In pratica era stato assicurato verbalmente che se le merci in arrivo dall’Italia avessero avuto la certificazione dell’azienda d’ispezione e analisi SGS, riconosciuta anche dal Kenya e leader a livello mondiale, non ci sarebbero state ulteriori verifiche da fare nel Paese.
In realtà il problema si è invece recentemente proposto con due grandi firme della pasta nostrana, la Divella e la Ferrara.
Nonostante le certificazioni della SGS, sono state svolte altre analisi dal KEBS che hanno rivelato un contenuto di proteine minore del consentito. I container sono stati dunque bloccati in porto.
Nel caso specifico del container della Divella, le analisi svolte dalla SGS per conto del pastificio pugliese, segnalano una percentuale di proteine non inferiore al 13%. Quindi, secondo i parametri keniani, superiore al livello minimo consentito che è del 10,5%. Le analisi effettuate dai laboratori KEBS invece segnalerebbero valori all'otto per cento. 
Incompetenza della KEBS o c'è dell'altro?
Se lo chiede anche il quotidiano economico locale “Business Daily”, che raccoglie i reclami dell’azienda napoletana Ferrara e parla di “guerra degli spaghetti”, una querelle che potrebbe compromettere i buoni rapporti tra le due Nazioni, confermati dal recente incontro a Roma tra i due Vicepresidenti William Ruto e Luigi Di Maio.
Nei primi nove mesi del 2018 il Kenya ha importato prodotti italiani per oltre 170 milioni di euro.
“E’ una situazione critica e da risolvere al più presto  – spiega Marco Cavalli di Taste Italy che a Watamu rifornisce decine di hotel e ristoranti non solo italiani – oltretutto, nel caso specifico della pasta, i nostri valori, analizzati in Italia, risultano essere conformi anche per i parametri keniani. Questo sistema di analisi incrociate può creare problemi anche all’offerta turistica del Paese, che da sempre utilizza i prodotti italiani come sinonimo di qualità e di alto livello”
A questo punto l’Ambasciata italiana, dopo aver chiesto anche l’intervento dell’Unione Europea (di cui molte Nazioni hanno problemi simili, ma non nel campo del food and beverage), si è rimessa al lavoro per chiedere un nuovo incontro al Ministero del Commercio, con la KEBS sempre piuttosto refrattaria ad un confronto diretto.
 

TAGS: pasta italianakenya prodottiimportazione kenyakebs kenya

Sono 157 le aziende produttrici di acqua in bottiglia messe al bando dal Kenya Bureau of Standards (KEBS) perchè prodotte in maniera illegale.
Su oltre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Negli scaffali dei supermercati e nei chioschi di tutto il Kenya viene venduto zucchero potenzialmente cancerogeno.
L'indagine era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono due le attività di bar e ristorante già chiuse a tempo indeterminato a Malindi, dopo il primo giorno di operazioni incrociate di controllo da parte di diversi uffici governativi sulla costa keniana.
L'autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya ha vietato l'importazione di alcuni prodotti sudafricani derivati della carne, dopo analisi svolte non solo a Nairobi, ma anche in altre Nazioni del Continente, che hanno rilevato la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un sabato sera allegro, all'insegna della buona cucina italiana e con epilogo danzante all'Olimpia Club di Casuarina a Malindi.
Nel tempio della gastronomia di casa nostra, ricco di specialità d'importazione e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Olimpia Club di Casuarina a Malindi ha deciso di celebrare la donna, per la sua festa di giovedì 8 marzo, offrendo alle signore le ostriche fresche di Kilifi ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cucina swahili del Kenya, come si sa, è un misto delle culture e dei popoli che sono approdati sulla costa, e dei prodotti del territorio che hanno imparato ad usare. L'esempio è offerto dall'utilizzo del cocco per bollire e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Una buona notizia per gli automobilisti e i trasporti in Kenya.
Il prezzo della benzina è tornato sotto i 100 scellini al litro (poco meno di un euro).
La decisione è maturata dopo che la Commissione per la regolamentazione dell'energia (ERC)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo l'Associazione dei produttori del Kenya, il Kenya perde circa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Confermato  anche questa settimana il Grand Buffet del giovedì del Kiwi People di Malindi, il bar ristorante del mitico Eugenio in Lamu Road.
Con il sottofondo della musica italiana ed internazionale del "one man band" Filippo, giovedì 24 agosto sangria gratis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una cena all'italiana per festeggiare il ferragosto malindino in allegria.
Martedì 15 agosto la cena all'Olimpia Club di Casuarina propone uno dei piatti classici della casa, la famosa "calamarata" dello chef Salvatore, pasta con calamari freschi e olive.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'aeroporto internazionale di Malindi avrà un bar ristorante italiano.
Lo scalo che si avvia verso l'adeguamento per poter presto ospitare voli provenienti direttamente da Paesi stranieri, ha compreso nel suo piano di espansione anche l'apertura...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La bontà del pollo ruspante in Kenya non è un mistero. Nella maggior parte dei casi viene cucinato semplicemente alla brace, ma ci sono piatti della cucina swahili che contemplano altri piacevoli incontri di sapori. Uno di questi è il...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Dal giovedì al venerdì, cambia il giorno della settimana così come è cambiata parte della filosofia di uno dei locali più frequentati di Malindi.
Il Triple B di Lamu Road (ex People) allestisce il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che Pasqua italiana è senza colomba?
Ci pensa l'Olimpia Club di Silversand a Malindi, che come sempre abbina le specialità nazionali di importazione a cibi locali e al...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO