Ultime notizie

CAMBIAMENTI

Perché l'accordo Kenyatta-Odinga può accelerare la "nuova" Malindi

Strade, palazzi da abbattere, lungomare. Tutto tranne l'aeroporto internazionale...

12-03-2018 di Freddie del Curatolo

Le pagine dei quotidiani e i più autorevoli blog on line del Paese azzardano pronostici su come proseguirà lo sviluppo del Kenya (o meglio, di una parte del Kenya...) dopo l'improvviso accordo di collaborazione tra il Presidente Uhuru Kenyatta e l'eterno sfidante dei Governi, Raila Odinga.
Accordo che ha lasciato stupiti per primi gli alleati del leader della coalizione NASA, che già hanno preso posizione. Il Vice Kalonzo Musyoka a favore della possibilità di lavorare "tutti insieme per il bene del Paese", Musalia Mudavadi accusandolo di personalismo e di spaccare l'alleanza, il leader del Movimento di Resistenza Popolare Miguna Miguna, ora esiliato in Canada, chiamando il suo ex capo "traditore".
In realtà questa svolta che potrebbe avere il Segretario di Stato americano Rex Tillerson come manovratore neanche troppo occulto, deve ancora mostrare le sue conseguenze dirette sull'amministrazione pubblica.
Specialmente con i Governatori delle Contee gestite dall'Opposizione, come nel caso di Kilifi e Mombasa.
Qui i due leader, Amason Kingi e Hassan Joho, che più volte hanno accennato a formare un partito della Costa, potrebbero ancor più prendere le distanze da Nairobi, ma in questo modo si troverebbero da soli a combattere non più contro il potere centrale, ma contro due giganti.
Battaglia impari che sicuramente non gioverebbe alla Regione.
Così la via diplomatica sembra la più probabile, anche perché in questo momento le finanze dello Stato sono a zero e il Paese ha bisogno di ripartire senza indebitarsi ulteriormente, soprattutto con la Cina, come espressamente richiesto dagli americani.
Quanto le località turistiche della costa, frequentate da migliaia di italiani, possono guadagnare da questo accordo?
Sicuramente per noi è una buona notizia, perché alcune situazioni di stallo (vedi aeroporto internazionale) sono dovute anche al ping-pong di interessi e responsabilità tra Contea e Governo.
Ma, come è visibile in questi giorni lungo la principale arteria cittadina, la Mombasa-Malindi e seguentemente la Malindi-Lamu, grandi lavori stradali sono in atto, e anche velocemente. Lavori che erano stati annunciati ma che quando arrivano, fanno piazza pulita ai bordi delle carreggiate spazzando via (purtroppo) piante, baracchini e in qualche caso anche attività più grosse, come nel caso del ristorante Bob Marley a Kwandomo.
Ora resta da capire come'è la nuova Malindi pensata dal Governo nell'ambito della sua "Vision 2030" che dovrebbe rivoluzionare il Paese soprattutto a livello di infrastrutture. Sovrintendenti di diversi ministeri in passato hanno prospettato per Malindi un modello moderno, ipotizzando di introdurre leggi per abbattere le strutture dimesse e non più utilizzate, dare incentivi per innalzare di livello quelle desuete, riattivare i terreni in dispute perenni, pensare ad un arredo urbano all'altezza della sua fama e per evitare l'etichetta di "decadente" che sta prendendo il sopravvento.
Sicuramente sarà una cittadina divisa in due: una parte moderna e dedicata ai servizi, ad una viabilità migliore e più consona a un agglomerato in espansione che si avvia ben oltre i cinquantamila abitanti, e una parte turistica con servizi adeguati ed innalzati di livello.
Per quest'ultimo punto ci sarà bisogno di Odinga, ovvero dell'Opposizione che dovrà domostrare di voler davvero, al di là delle parole e della diplomazia mostrata dall'incontro dei due leader, di lavorare nella stessa direzione del Paese: migliorando la situazione delle strade non statali (tutte, praticamente), rendendo ospitale e turistico il lungomare, prendendosi cura delle spiagge e della pulizia della cittadina.
Di fronte ad un lavoro comune ed unità d'intenti, è sicuro che anche l'industria turistica straniera farà la sua parte.
Aspettando poi, come in un sogno di cui si attende sempre il risveglio, che qualcosa accada dalle parti dell'aeroporto...

TAGS: strade malindilavori malindiinfrastrutture kenyaaeroporto malindi

Tra i progetti di infrastrutture presentati dal Ministero dei Trasporti a Mombasa, per rendere più agevole la viabilità urbana, c'è anche la costruzione di un secondo ponte a Nyali. 

LEGGI TUTTO

dddUn importante incontro a Nairobi tra il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala e i due governatori delle Contee di Kilifi e Mombasa, Amason Kingi e Hassan Joho. I due politici della costa sono stati convocati per un meeting a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nonostante la crisi politica e l'attesa delle elezioni.bis, il Governo non si ferma e prosegue i suoi progetti di riqualificazione delle strade della costa.
Il Viceministro dei Trasporti e delle Infrastrutture John Mosonik ha presenziato lunedì scorso ai

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi di campagna elettorale e tre di post elezioni hanno rallentato i piani del Kenya per quanto riguarda la crescita economica, ma non sembrano essere in grado (per fortuna) di fermare lo sviluppo del Paese in termini di infrastrutture...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La "Silicon Valley" keniana Konza City sarà costruita da un'azienda italiana.
L'Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro di Vicenza ha vinto l'appalto da 40 miliardi di scellini (quasi 350 milioni di euro) per edificare la città tecnologica pensata dall'ex Presidente Kibaki e voluta dall'attuale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo vacanza per il tycoon Flavio Briatore, da sempre sponsor di Malindi e non solo perché vi ha investito parecchi soldi.
L'ex longa manus della Formula Uno ha incontrato il neo Ministro del Turismo Najib Balala e ha ribadito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I lavori per la tangenziale che salterà il centro e il traffico cittadino di Mombasa sono a buon punto.
La prima parte...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Sottosegretario ai Trasporti Irungu Nyakera era ieri all'Aeroporto di Malindi, per incontrare i comitati dei residenti della zona in cui dovranno essere rimosse abitazioni e attività, per far posto alla nuova pista dello scalo internazionale.

LEGGI TUTTO

Ulteriori buone notizie per quanto riguarda la prospettata apertura dell'aeroporto internazionale di Malindi. Ieri il quotidiano nazionale keniano Daily Nation ha pubblicato un approfondimento sulle fasi del progetto che porteranno al completamento dei lavori per rendere lo scalo funzionante per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Ci vogliono almeno 200 milioni di scellini per rifare l'intera rete stradale di Malindi. Il Governo deve mettere mano al portafogli e disporre i lavori con l'Autorità statale della viabilità". Questo è l'appello del parlamentare malindino Willy Mtengo, eletto lo...

LEGGI TUTTO

Un aiuto concreto dalla Gran Bretagna per terminare al più presto la nuova strada che dall'aeroporto internazionale Moi di Mombasa porterà in città, bypassando il centro. I lavori di questa importantissima tangenziale che decongestionerà il traffico della seconda città del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il forum di Nairobi organizzato dal Ministro del Turismo Najib Balala a Nairobi nei giorni scorsi lo ha ribadito: Malindi avrà il suo aeroporto internazionale.
Le cause dei privati saranno risolte presto e si procederà, perché il progetto Malindi fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli imprenditori del settore turistico della Contea di Kilifi hanno richiesto ed ottenuto, grazie alla disponibilità del Ministro del Turismo della Contea, Nahida...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un ostacolo in più per l'espansione dell'aeroporto internazionale di Malindi e la costruzione della pista per accogliere i boeing provenienti dall'Europa e ogni altro velivolo dall'estero: 25 mila proprietari di case e terreni, tramite un avvocato, hanno da tempo presentato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

anche l'ex Ministro e parlamentare malindino Dan Kazungu, ora Ambasciatore del Kenya in Tanzania, ad assistere alla ripresa dei lavori della Kenya Urban Rural Authority, l'ente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aeroporto Internazionale di Malindi: un manager scandinavo si occuperà di far rispettare i tempi di esecuzione del progetto.
Il norvegese Jonny Andersen è stato nominato direttore generale della Kenya Airport Authority (KAA), tre mesi dopo il siluramento dell’ex manager Lucy...

LEGGI TUTTA LA NOTIZIA