Ultime notizie

EVENTI

Presentato a Nairobi Karanja, il rinoceronte italo-keniota

Installazione promossa dall'Istituto di Cultura con i naturalisti Torchio e Manconi

01-11-2018 di redazione

Ieri è finalmente arrivato il grande giorno della presentazione di Karanja al Museo Nazionale di Nairobi.
In vita il rinoceronte più famoso del Kenya era conosciuto dalle guide safari e dagli assidui frequentatori della savana con questo nomignolo ed è stato uno degli esemplari più fotografati nella riserva del Maasai Mara. 
Oggi Karanja è diventato uno dei simboli della protezione degli animali in Kenya, uno dei rinoceronti-icona della conservazione in Kenya. 
E' morto a 43 anni, nel 2014, ed i suoi resti, donati dalla Contea di Narok, giacevano inesorabilmente nei meandri del museo di Nairobi.
Fino a quando, su stimolo del fotografo naturalista italiano Paolo Torchio, che ben "conosceva" la bellezza di Karanja, e dell'appassionata moglie Magalì Manconi, l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi si è interessato della vicenda e con l'Ambasciata d'Italia ha reperito i fondi per affrontare la ricostruzione dello scheletro di Karanja. (LEGGI QUI L'ARTICOLO)
Un lavoro minuzioso che ha richiesto mesi ma che gli esperti del Museo Nazionale del Kenya, guidati dal responsabile del reparto osteologia, Professor Ogeto Mwembi, hanno svolto con grande precisione e abilità, tanto che il percorso di ricostruzione è stato documentato con un'interessante mostra fotografica dello stesso Paolo Torchio.
Ieri, alla presenza dell'Ambasciatore d'Italia in Kenya, Alberto Pieri, l'installazione è stata svelata in un'apposita sala del Museo ed è stata inaugurata la mostra permanente che, grazie all'aiuto italiano, mostra una delle icone della "wildlife" in Kenya. 

TAGS: karanja rinocerontemuseo nairobiistituto cultura nairobipaolo torchiomagalì manconi

Si chiamava Karanja ed era il più famoso rinoceronte nero del Kenya.
Imponente e pacifico, è morto di vecchiaia nel dicembre del 2014 dopo essere stato per tanti anni uno degli esemplari più fotografati nei safari all'interno della Riserva del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura domani sera a Malindi avrà come ospite d'onore l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni.
Al Museo Nazionale della cittadina, dietro Uhuru Garden, verrà infatti inaugurata la mostra "Immersions" che mette a confronto l'archeologia marina...

LEGGI TUTTO

Un grande bis per il violinista italiano Francesco D'Orazio, che dopo aver incantato i presenti al Museo Nazionale di Malindi martedì scorso, due giorni fa si è esibito al National Theatre di Nairobi, davanti a una platea che da giorni...

LEGGI TUTTO

Le potenzialità del Kenya nel campo della ricerca archeologia sono note, anche se soprattutto si tratta di quelle di terra, collegate soprattutto agli importanti ritrovamenti che riguardano nostri proto-antenati nella zona del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Ecco un estratto video della fantastica serata musicale a Malindi, Shala Heart, di mercoledì 14 novembre con il violinista Francesco D'Orazio accompagnato al piano dal Maestro Michele Visaggi.
Evento promosso dall'Ambasciata d'Italia in Kenya con l'Istituto Italiano di Cultura di...

GUARDA IL VIDEO

"Immersioni, un violino una voce e l'eco dei secoli" è un evento senza precedenti per il Museo Nazionale di Malindi, che segna la conferma di un percorso intrapreso con l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi e l'Ambasciata Italiana in Kenya,...

LEGGI LA NOTIZIA E PRENOTA IL TUO POSTO A SEDERE

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Lo avevano chiamato "Lipstick", rossetto, per i contorni marcati intorno alla sua bocca che sembravano proprio truccati.
Ma la sua bellezza era nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'annunciata proiezione pubblica del documentario "Italiani in Kenya" girato lo scorso anno tra Malindi e Nairobi dal regista Gianpaolo Montesanto, si svolgerà oggi, martedì 7 novembre, alle 18...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Ambasciata d'Italia in Kenya cambia sede e lascia il centro di Nairobi. Gli uffici e gli sportelli al pubblico hanno abbandonato gli storici locali di Mama Ngina Street, nel cuore della city, per trasferirsi nella più funzionale struttura del quartiere...

ALL'INTERNO L'INDIRIZZO COMPLETO

Sicuramente ieri pomeriggio il Museo Nazionale ha ospitato il più grande virtuoso di uno strumento musicale mai approdato a Malindi.
L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, che oltre al concerto gratuito del violinista Francesco D'Orazio ha offerto ai presenti un lauto...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Malindi cerca la sua identità di destinazione d'interesse non solo turistico, ma anche di richiamo internazionale per associazioni, organizzazioni, ricercatori, aziende che investono in settori paralleli e che comunque...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO